Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Siria, l’esercito raggiunge Deir ez-Zour, ultima grande città in mano all’Isis – La Stampa

foto – Militanti dell’Isis puliscono le loro armi a Deir ez-Zour (foto d’archivio)

lastampa.it – Siria, l’esercito raggiunge Deir ez-Zour, ultima grande città in mano all’Isis. Le forze di Assad si sono congiunte con la guarnigione assediata in una base assediata alla periferia – giordano stabile

beirut – Una colonna meccanizzata dell’esercito siriano ha raggiunto la periferia occidentale di Deir ez-Zour, ultima grande città in mano all’Isis in Siria, e si è congiunta con la guarnigione assediata da tre anni alla periferia occidentale della città.
In questo modo, oltre a salvare i commilitoni allo stremo, le forze di Bashar al-Assad si posizionano per riconquistare il capoluogo della provincia più orientale della Siria e liberare in quartieri occidentali, in gran parte abitati da cristiani, che hanno resistito all’assedio islamista assieme ai militari.

Il lungo assedio islamista

Deir ez-Zour conta circa 250 mila abitanti, la metà di Raqqa, ma un terzo sono rimasti sempre sotto il controllo governativo, in condizioni disperate, soprattutto da quando, otto mesi ma, l’Isis ha preso il controllo delle colline sovrastanti l’aeroporto militare e ha impedito i rifornimenti con aerei da trasporto. La guarnigione, la 137esima brigata meccanizzata, ha resistito con viveri e munizioni paracadutate o portate con elicotteri.

La gioia degli abitanti

Il congiungimento fra le forze siriane è stato confermato anche dall’Osservatorio di diritti umani in Siria, una ong vicina all’opposizione che ha una rete di informatori nelle principali città. Il governatore della provincia di Deir ez-Zour, Mohammed Ibrahim Samra, ha detto di aspettarsi all’arrivo delle truppe nei quartieri assediati “entro poche ore” e raccontato che la gente è “scesa nelle strade per festeggiare”.

Siria, l’Isis ha creato un “reparto armi chimiche” a Deir ez-Zour

La minoranza cristiana

A Deir ez-Zour c’è una consistente minoranza cristiana siriaca, che risale all’era apostolica e alle prime persecuzioni sotto l’impero romano. Ma decine di migliaia di armeni cristiani hanno trovato rifugio in città dopo le persecuzione dell’Impero ottomano fra il 1915 e il 1918 e i loro discendenti costituiscono oggi il grosso delle comunità

Conseguenze strategiche

Le forze governative ora sono in vantaggio rispetto agli alleati degli Stati Uniti, la coalizione curdo-araba delle Syrian democratic forces, per la riconquista della città e di tutta la provincia, la porta di accesso principale dalla Siria all’Iraq.

La corsa per la presa di Raqqa dietro lo scontro Washington-Mosca

In questo modo Assad potrà rafforzare l’asse con gli alleati sciiti dell’Iraq. Milizie sciite irachene e libanesi hanno partecipato alla campagna estiva per la riconquista della Siria centrale e orientale e presto potranno congiungersi con i commilitoni sul lato iracheno.

Sorgente: Siria, l’esercito raggiunge Deir ez-Zour, ultima grande città in mano all’Isis – La Stampa

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *