Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Scuola, avvocati e commercialisti in coda tra i precari per un posto in cattedra – milano.corriere.it

milano.corriere.it – scuola – Milano, scuola: liberi professionisti in coda tra i precari per un posto in cattedra. Architetti, avvocati, commercialisti pronti a insegnare.

A Milano e Monza 41mila le domande per le supplenze. I sindacati: «Si è presentato chi è già occupato ma ha un lavoro precario o chi ha perso il posto. L’età media è intorno ai 50 anni» – di Federica Cavadini

Con i precari si presentano i professionisti, architetti, avvocati, commercialisti, laureati con un titolo che adesso spendono anche per un piano B, un lavoro nella scuola: supplenze, incarichi brevi ma se va bene anche di un anno, non è richiesta l’abilitazione all’insegnamento. Tutti in coda per un posto da supplente allora, alle medie come alle superiori. E così quest’estate ai presidi di Milano sono arrivate oltre cinquantamila domande. La maggior parte da esordienti, aspiranti professori mai saliti in cattedra e pronti a insegnare diritto come arte.

Le scuole hanno raccolto le candidature da giugno fino all’altro giorno per compilare le nuove graduatorie d’istituto triennali da consultare quando serve un supplente. Mai cosi tante le richieste, dicono i dirigenti. «Fra Milano e Monza sono 51.371 le domande», è il numero comunicato dai sindacati, in attesa del conto finale che si potrà chiudere appena l’ufficio scolastico provinciale, ricevute tutte le liste, darà il via libera ai presidi per le chiamate. «Entro venerdì 22», assicurano in provveditorato.

Gli elenchi più lunghi quest’anno sono quelli dei supplenti di «terza fascia», i «non abilitati»: sono 41.528 le domande, le altre sono arrivate per la «seconda fascia». «Si è presentato chi è già occupato ma ha un lavoro precario o comunque vuole avere una seconda opportunità, e chi ha perso il posto. L’età media è intorno ai cinquant’anni», dicono i sindacalisti della Cgil Scuola.

«È la carica dei professionisti e infatti colpisce l’età — racconta il preside del liceo scientifico Volta, Domenico Squillace —. Prima di tutto però ci ha sorpreso il numero delle domande: noi che abbiamo soltanto quattro cattedre scoperte ne abbiamo raccolte cinquemila.

E anche se non corrisponde al numero dei candidati, perché ci si può proporre per più materie e iscriversi in venti scuole, resta comunque un numero molto alto. Legato alla crisi evidentemente».

Le graduatorie di istituto sono meno affollate nei licei classici ma la valutazione è la stessa anche al Carducci.

Case in Lussemburgo e società nei paradisi fiscali: chi è l’uomo che insulta i disabili   –  Le foto

Spiega il preside Andrea Di Mario: «Da noi, con meno materie rispetto ad altri indirizzi, sono state presentate duecentoquaranta domande e anche qui negli elenchi ci sono tanti professionisti che oggi hanno un lavoro.

Ma le richieste per le supplenze sono sempre più numerose: c’è un altro elenco aperto ai non abilitati, quello della “messa a disposizione” e in questa lista abbiamo inserito un altro migliaio di nomi».

Mercoledì mattina in provveditorato il punto con i sindacati, su numeri e tempi ma non soltanto. «Serve una riflessione anche sul tema della qualità che dobbiamo garantire anche quando nelle classi entrano insegnanti senza esperienza», dice il provveditore Marco Bussetti.

«L’esperienza non è una garanzia», la replica dalla Cisl. E domani iniziano le chiamate. Con l’Ufficio scolastico regionale che aveva garantito «tempi più brevi» e cattedre coperte già da questa settimana. Mentre la previsione dei sindacati è diversa.

Per la Cisl servirà almeno un mese: «Se i presidi iniziano fra oggi e domani le chiamate dei supplenti saranno in cattedra comunque non prima di metà ottobre».

Sorgente: Scuola, avvocati e commercialisti in coda tra i precari per un posto in cattedra – Corriere.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *