Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Sballo alcol a Napoli, ogni giorno due ragazzi trasportati in ospedale | Il Mattino

Whisky, gin, tequila, vodka, rum e più in generale liquori ad alta gradazione senza disdegnare vino, prosecco e tanta birra. Mix devastanti, perfetti per farsi male, vere e proprie bombe superalcoliche consumate senza freni soprattutto nelle sere del fine settimana. L’ultima moda è l’«energy drink», ovvero: sostanze energetiche e alcol. Un cocktail che va per la maggiore tra i ragazzi del sabato sera ma che andrebbe evitato per non rischiare di finire letteralmente a pezzi. L’ultimo caso è dello scorso sabato quando in piazza Medaglie d’Oro, nel cuore del Vomero, un adolescente è stato salvato per miracolo dopo essere entrato in coma in seguito all’assunzione di una robusta dose di superalcolici. Nel sangue del quindicenne c’era un tasso alcolemico altissimo: superiore a «quattro» in base alle tabelle sanitarie, e cioè capace di determinare intossicazione epatica, problemi respiratori, sensazione di soffocamento con conseguente battito cardiaco rallentato, possibile coma e morte per arresto cardiaco.

Il divieto di somministrazione di bevande alcoliche ai minori di 18 anni è legge nazionale in vigore dal 20 febbraio ma, a giudicare dai dati allarmanti registrati dal servizio di soccorso sanitario che risponde al numero telefonico 118, almeno a Napoli e in Campania appare del tutto disatteso. Giuseppe Galano, direttore della centrale operativa regionale del 118, non ha dubbi: «Siamo in assoluta emergenza. Il consumo di alcol tra i giovanissimi sta aumentando in maniera esponenziale e di pari passo viaggiano le richieste di soccorso che arrivano alla nostra centrale operativa». La statistica 2016 del 118 parla chiaro: su 69mila interventi di pronto soccorso in generale, 1200 riguardano le emergenze legate esclusivamente alle «intossicazioni» – dall’abuso di sostanze stupefacenti ai cocktail di psicofarmaci – e il 50 per cento, ovvero seicento interventi all’anno, vengono messi a segno per consumo di alcol e interessano quasi esclusivamente gli under 18, una media di circa due soccorsi al giorno: «Diciamo le cose come stanno: quelli che finiscono in coma etilico sono quasi sempre minorenni – aggiunge il direttore Galano – I casi che coinvolgono i maggiorenni sono piuttosto rari. E la ragione c’è: l’adulto gestisce l’alcol in maniera diversa, è più consapevole e quasi sempre è in grado di capire qual è la soglia da non oltrepassare. In ogni caso difficilmente chiede l’intervento del 118». Tutt’altra storia invece per i ragazzini che utilizzano l’alcol secondo le modalità di quello che viene definito «binge drinking», la moda giovanile, nata oltre Manica, di bere quanto si può per ubriacarsi e perdere il controllo. Contemporaneamente aumenta anche il numero dei «policonsumatori», coloro cioè che in una sola serata bevono birra, super alcolici e vino che torna di moda nello sballo del sabato sera complice l’abbassamento dei prezzi nelle occasioni di «happy hours».

Sorgente: Sballo alcol a Napoli, ogni giorno due ragazzi trasportati in ospedale | Il Mattino

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *