Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Regionali in Sicilia – deputati M5s contro Di Maio: “per qualche voto visita aziende indagate”

Luigi Di Maio incassa la critica di alcuni deputati del Movimento 5 Stelle. Il tema sono le Regionali in Sicilia ed in particolare il tour che il vicepresidente della Camera sta affrontando insieme al candidato Giancarlo Cancelleri. Alcuni incontro con alcune aziende non sono state viste di buon occhio.Secondo quanto riportato da Repubblica , il deputato Alessio Villarosa ha espresso il proprio dissenso nella chat dei parlamentari Cinquestelle. In particolare si scaglia contro la Agrumigel, azienda che, a detta sua, avrebbe fatto scempio del proprio territorio. Si tratta di un’impresa di Barcellona Pozzo di Gotto che lui considera assolutamente non in linea con gli ideali del Movimento. Inoltre ha allegato i link dei giornali che danno notizia dei guai giudiziari dell’amministratore: recentemente mandato a processo per evasione fiscale da quasi mezzo milione di euro. Lo stesso imprenditore, Salvatore Imbesi, consigliere comunale del Pdl, ha subito diversi sequestri per le sue attività: l’ultimo in marzo quando ha trasformato il terreno in una discarica abusiva.Sconto del 20% con ValturPrenota oggi la tua vacanza! Super sconto e soggiorno gratis per il primo bambino fino a 13 anniCuoco, cameriere, baristaTutte le opportunità aperte nel campo della ristorazione.Ads byAltri parlamentari appoggiano le istanze di Villarosa. La critica principale è quella di ottenere consenso anche andando contro alcuni principi del Movimento: quella di far visita ad aziende indagate per inquinamento ambientale. La visita alla suddetta azienda era prevista per questo pomeriggio ma è saltata senza alcuna spiegazione. Oltre a quest’ “appunto”, in realtà ci sono altre critiche mosse all’intero tour siciliano della coppia Di Maio-Cancelleri. Lunedì scorso, alla prima riunione della ripresa, è scoppiato il caso Laura Castelli, la deputata tesoriera del gruppo a partire dal 2016: i cinquestelle ruotano tre mesi nel ruolo di capogruppo e un anno in quello di tesoriere. La Castelli ha però deciso di ricandidarsi ed il presidente del gruppo parlamentare gliel’ha permesso. La stessa capogruppo, Simone Valente, che ora è sotto assedio proprio per la mancata turnazione. Se la Castelli verrò rieletta la regola sarà violata per la prima volta.Chieste anche spiegazioni su alcune consulenze, come quella al sociologo De Masi per il suo studio sul lavoro (52mila euro compreso il convegno) e quello sul programma turismo .

Sorgente: Regionali in Sicilia – deputati M5s contro Di Maio: “per qualche voto visita aziende indagate”

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
210127;10968;9531;0 468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.