Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Putin spaventa i Baltici 13mila soldati al confine – La Stampa

All’alba parte l’esercitazione militare Zapad-17

Questa mattina all’alba si apre il primo atto di Zapad-2017, una tra le più grandi esercitazioni militari russe degli ultimi 30 anni, con un imponente sfoggio della capacità operativa di Mosca tra la Bielorussia e l’enclave di Kaliningrad. Circondati dalla forze russe, i Paesi baltici e quelli del blocco Est della Nato sono in apprensione da mesi, così come i comandi dell’Alleanza, che ostentano tranquillità, ma sono «pronti a reagire».

Fino al 20 settembre saranno impegnati nell’esercitazione – denominata Zapad, «Occidente» – 12.700 militari sul confine più orientale della Nato, in una simulazione di un attacco «di un Paese terzo» alla Bielorussia.

 

Ma ben prima che iniziassero i trasferimenti di truppe verso la base di Barysau, in Bielorussia, o che un singolo caccia decollasse da Kaliningrad, è iniziata quella che il think-tank di Varsavia Centre for Eastern Studies ha definito il «cuore della guerra di informazioni tra la Russia e la Nato». Da settimane si susseguono ipotesi di ogni tipo: si tratta di una mossa intimidatoria; di una prova di forza in pieno clima da nuova Guerra Fredda; del prologo di una guerra contro Lituania e Polonia o il primo passo per l’occupazione ibrida di un Paese amico, come la Bielorussia, sulla falsariga di quanto successo in Crimea nel 2014?

 

Secondo i dati del ministero della Difesa russo, le esercitazioni vedranno impegnati 7200 militari delle Forze armate di Minsk, 5500 russi, oltre a 70 tra aerei ed elicotteri, 250 carri armati e dieci navi. Le esercitazioni, ha assicurato il capo di Stato maggiore russo Valeri Gherasimov, «sono di routine e di carattere difensivo e non rappresentano una minaccia a terze parti». Ma non tutti sembrano credere alla versione ufficiale, gli attacchi e le «provocazioni» da entrambe le parti non si fermano, con la Svezia che anticipa Zapad con Aurora 17, l’esercitazione più importante negli ultimi 23 anni, con la partecipazione di 19 mila soldati svedesi e di Paesi alleati come Danimarca, Estonia, Francia, Lituania, Norvegia e Stati Uniti. Lo scenario delle manovre è un attacco a sorpresa contro la Svezia. Attacco da un Paese «X», ma guarda caso l’isola di Gotland, armata fino ai denti, è esattamente davanti all’enclave militarizzato di Kalinigrad. Un’altra battaglia si gioca sui numeri: Zapad – secondo le fonti ufficiali – coinvolge 12.700 militari, meno quindi dei 13 mila oltre ai quali è necessario, secondo le norme dell’Osce, invitare osservatori della Nato. Ma il ministro della Difesa lituano, Raimundas Karoblis, avverte che Mosca userebbe le esercitazioni per coprire un potenziamento aggressivo della sua forza militare sul fianco orientale della Nato e che i soldati impegnati «saranno almeno 100.000». Notizia ripresa da «New York Times» e «Washington Post».

 

«Tradizionalmente le operazioni militari di Mosca – spiega Marco Di Liddo, analista del Centro Studi internazionali di Roma – hanno un duplice scopo: quello interno per dimostrare i progressi bellici ai russi e quello internazionale per dimostrare le capacità belliche russe». Il timore dei Paesi Baltici è naturale, «ma Putin non è un pazzo e non attaccherebbe mai un Paese Nato». Per Di Liddo, Zapad è più che altro uno sfoggio di potenza, mentre «la vera preoccupazione è ora la cyberguerra: la parità strategica è importante, ma conta davvero chi ha gli hacker migliori».

 

Sorgente: Putin spaventa i Baltici 13mila soldati al confine – La Stampa

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *