Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Moas se ne va dal Mediterraneo, la nave Phoenix fa rotta verso l’Asia – huffingtonpost.it

huffingtonpost.it – l blog – Moas se ne va dal Mediterraneo, la nave Phoenix fa rotta verso l’Asia  – di Regina Catrambone Co-Fondatrice e Direttrice MOAS

Tre anni fa era la prima volta che la Phoenix prendeva il largo e si dirigeva nella zona di ricerca e soccorso (Sar) pronta per la sua nuova missione di salvare vite in mare. Da allora oltre 40mila bambini, donne e uomini sono stati salvati grazie alle nostre operazioni.

Eravamo determinati a ridurre l’intollerabile bilancio di decessi nel Mar Mediterraneo e disposti a metterci in prima linea usando le nostre risorse e competenze professionali.

Così è nato Moas: come progetto pionieristico e missione di misericordia, come mano tesa in mare per aiutare chi fuggendo da violenze, persecuzioni e povertà è costretto ad affidarsi a trafficanti senza scrupoli a causa della mancanza di vie sicure e legali.

Al centro della missione Moas ci sono sempre state le persone: persone che sognano una vita migliore al sicuro e persone che le assistono con assoluta dedizione per non farle morire in mare.

Durante la nostra missione 2017 iniziata lo scorso aprile abbiamo salvato e assistito 7.826 vite umane. Fra queste 2.820 solo nel mese di aprile quando abbiamo affrontato sfide senza precedenti, ripagate soltanto dalla gioia di vedere le persone finalmente salve.

La sfida di 100 Ong a Minniti. Un progetto di cooperazione, come fu per i Balcani

Al momento sono troppe le domande senza risposta e i dubbi in merito al destino di chi è intrappolato o viene riportato in Libia.

Le terribili testimonianze di chi sopravvive raccontano un inferno di abusi, violenze, torture, rapimenti ed estorsioni.

Moas non vuole diventare parte di un meccanismo in cui, mentre si fa assistenza e soccorso in mare, non ci sia la garanzia di accoglienza in porti e luoghi sicuri. Perché non si dà priorità a chi merita protezione, ma si pensa solo a evitare che le persone arrivino sulle coste europee senza chiedersi quale destino le aspetti.

Attualmente non è chiaro cosa succede in Libia ai danni delle persone più vulnerabili i cui diritti andrebbero salvaguardati in ottemperanza al Diritto internazionale e per difendere il principio di umanità. Pertanto, abbiamo deciso di sospendere la nostra missione di ricerca e soccorso nel Mediterraneo.

Ma questo non vuol dire che Moas si arrenderà.

Abbiamo costantemente monitorato le violazioni dei diritti umani a livello mondiale e concentrato impegno ed attenzione laddove si verificano gli abusi più gravi.

Nel Settembre 2015 quando, dopo un naufragio nell’Egeo, il corpo di un bambino siriano di soli 3 anni venne ritrovato senza vita, abbiamo ricevuto abbastanza donazioni da poter utilizzare una seconda nave sulla rotta fra Turchia e isole greche.

Inoltre, abbiamo anche tenuto sotto controllo la situazione in Myanmar dove la minoranza musulmana e apolide dei Rohingya è vittima di gravi persecuzioni.

I Rohingya sono stati definiti “la minoranza più perseguitata al mondo” dalle Nazioni Unite, sono oggetto di una crescente ondata di violenza e hanno bisogno di assistenza umanitaria.

Il 27 agosto Papa Francesco ha richiamato l’attenzione della comunità internazionale affinché sostenga i nostri fratelli e sorelle Rohingya e si metta fine a scontri interni e persecuzioni.

Per questo motivo, vista la crescente instabilità nel Mar Mediterraneo e la catastrofe umanitaria ai danni della minoranza Rohingya, nel suo terzo anniversario Moas ha deciso di riposizionare l’imbarcazione Phoenix nel Sud-Est asiatico per fornire assistenza ed aiuti umanitari.

Attualmente è in corso un esodo mortale alla frontiera fra Bangladesh e Myanmar. Solo nei giorni scorsi, migliaia di Rohingya sono fuggiti nel vicino Bangladesh per mettersi al riparo dalle violenze in Myanmar. Molti sono morti durante la fuga e c’è sempre più bisogno di aiuti umanitari.

Determinati a continuare le nostre attività umanitarie, abbiamo deciso che il giorno 4 settembre la nave del Moas, Phoenix, partirà per la sua seconda missione nel Golfo del Bengala per distribuire aiuti e assistere e aiutare le persone più vulnerabili che sono state colpite dalle violenze in corso.

Inoltre, continueremo a lavorare con slancio anche maggiore per l’apertura di canali umanitari sicuri e legali su cui ci impegniamo dall’anno scorso per consentire ai gruppi più vulnerabili di mettersi al sicuro senza correre rischi e ad attuare progetti di sviluppo in loco.

Ancora una volta, ci impegniamo a essere in prima linea guidati dal coraggio, dalla misericordia e dalla fratellanza universale che ci impedisce di restare indifferenti alla sofferenza di persone in fuga da contesti invivibili.

Terremo viva la speranza dove ce n’è più bisogno.

Sorgente: Moas se ne va dal Mediterraneo, la nave Phoenix fa rotta verso l’Asia

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *