Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Los Angeles cancella il Columbus Day. Gli italo-americani: schiaffo in faccia – La Stampa

Il Columbus Day si tiene il 12 ottobre: è diventata negli anni una vera festa in tutto il continente americano

lastampa.it – Los Angeles cancella il Columbus Day. Gli italo-americani: schiaffo in facciaDopo la distruzione e la lotta contro le statue sudiste, sotto accusa finisce un altro simbolo. Il Consiglio comunale: basta festeggiare, l’esploratore ha provocato il genocidio dei nativi –  francesco semprini

new york – La caccia alle streghe continua. E dopo gli anti-eroi della Confederazione, ora prende di mira i navigatori. Come Cristoforo Colombo, reo di aver inaugurato il genocidio dei nativi d’America, e pertanto meritevole di essere cancellato dalle parate celebrative dei personaggi che hanno dato lustro alla storia degli Stati Uniti.Ne è convinto il consiglio comunale di Los Angeles, che con un colpo di penna ha cancellato dal calendario la parata che si tiene il secondo lunedì di ottobre, il Columbus Day, per sostituirla con «la parata di indigeni, aborigeni e popoli nativi».

 A poco sono servite le rimostranze di comunità, circoli o associazioni di italo-americani, il consiglio di Los Angeles non ha sentito ragioni, e così mercoledì è giunta la delibera «ammazza-Colombo»: «Celebrarne l’arrivo nel 1492 era un oltraggio alle popolazioni indigene e alla storia degli Stati Uniti».

E pensare che gli italo-americani si erano persino detti disposti a posticipare la parata a un giorno diverso. Ipotesi inaccettabile per Chrissie Castro, vice presidente della commissione dei nativi americani di Los Angeles: «Occorre smantellare le celebrazione di un genocidio sponsorizzate dallo Stato. Celebrare oggi o un altro giorno sarebbe un’ingiustizia».

Eppure il consigliere Joe Buscaino, un oriundo, ha ricordato il pregiudizio e le discriminazioni di cui gli italiani sono stati vittime durante la grande migrazione: «Tutte le culture hanno importanza».

Non proprio tutte, evidentemente, a parere della maggioranza del comune di Los Angeles, che ha seguito l’esempio di Seattle, Albuquerque e Denver, dove la parata del navigatore italiano è stata sostituita con la «Indigenous Peoples Day».

Del resto il clima da neomaccartysmo, inaugurato con la caccia al «confederato» scatenata dopo Charlottesville, non poteva che agevolare scelte radicali e indiscriminate. «Tutti dentro»: il generale Lee equestre o no, il busto di Italo Balbo a Chicago e quindi Colombo.

Anche la Farnesina ha reagito dicendo che la scoperta dell’America resta patrimonio dell’umanità nonostante ogni dibattito volto a rileggere oggi eventi di tale grandezza.

Una pulizia che ha messo in difficoltà il sindaco Bill De Blasio, il quale ha ordinato una revisione di statue o manifestazioni a New York per individuare quelle meritevoli di abbattimento: Philippe Pétain nel «Canyon of Heroes» o lo Scià di Persia.

L’imbarazzo lo ha però colto in contropiede, quando il primo cittadino, che della sua italianità ha fatto vanto elettorale, si è trovato davanti alla richiesta di una consigliera che chiedeva la rimozione del monumento a Columbus Circle.

E allora perché non si fa lo stesso per Ulysses S. Grant (due statue a Brooklyn), che nella guerra civile ordinò l’espulsione di cittadini ebrei da tre Stati.

“Gli aborigeni vittime di genocidio”, Los Angeles cancella il Columbus day

O Horatio Seymour (gigantografia a City Hall), che era solito dire «Questa è la nazione dell’uomo bianco». O i generali «nordisti» William Tecumseh Sherman, Oliver Otis Howard, Philip H. Sheridan, George Crook, Nelson A. Miles, che finita la guerra civile iniziarono quella che portò allo stermino e al confino degli indiani nelle riserve.

Perché se Colombo ha dato inizio al genocidio, sono stati gli «yankee» a portarlo a compimento. E chissà, magari dopo anti-eroi e navigatori, sarà il turno dei santi.

L’ultrasinistra catalana: “Via la statua di Colombo a Barcellona, è un genocida”

Sorgente: Los Angeles cancella il Columbus Day. Gli italo-americani: schiaffo in faccia – La Stampa

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *