Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

L’autopsia conferma, Sofia morta per complicanza malaria – Tgcom24

L’ospedale di Trento esclude che il contagio possa essere avvenuto per un ago infetto. La Procura ha dato il nulla osta alla sepoltura

“L’autopsia ha confermato il referto e la diagnosi ospedaliera di morte per encefalopatite malarica“. Lo ha riferito il procuratore capo di Trento, Marco Gallina, a proposito della comunicazione ricevuta sull’autopsia effettuata a Brescia per la bambina di 4 anni morta lunedì, dopo i ricoveri a Portogruaro e a Trento. La causa del decesso per Sofia è stata dunque la complicanza cerebrale causata dalla malaria.

“I periti adesso hanno chiesto 60 giorni di tempo per la relazione autoptica – ha aggiunto il procuratore – e lavoreremo per contribuire a chiarire la vicenda”. La Procura di Trento ha infine dato il nulla osta per la sepoltura di Sofia.

Ospedale di Trento: “Ago infetto? Impossibile” – Si attendono le indagini molecolari dell’Iss sui campioni delle analisi per stabilire se il contagio è avvenuto nell’ospedale. Intanto, il direttore generale dell’azienda sanitaria del Trentino ha escluso che il contagio possa essere avvenuto attraverso un ago infetto: “Siamo certi che non sono stati fatti errori procedurali e il materiale usato è di ultima generazione e mono uso, non usiamo aghi per più persone”. “Ancora nessun passo avanti per determinare che cosa possa essere accaduto – ha aggiunto Bordon -, e le analisi sui referti sono essenziali per capirlo, in primis per identificare se ci sia o meno uguaglianza di ceppo”.

“Utile esame su campioni di sangue precedenti” – “Potrebbe essere utile un esame sui campioni di sangue precedenti al momento in cui la malaria è stata individuata”. Lo hanno spiegato nel tardo pomeriggio in una conferenza stampa, dopo la visita degli ispettori del ministero e dell’Iss in ospedale a Trento per la morte per malaria della bambina di 4 anni, il direttore generale dell’Apss del Trentino, Paolo Bordon, il direttore sanitario, Claudio Dario, e la primaria di pediatria, Nunzia Di Palma. Si tratta di un campione risalente al 17 agosto, quando la bambina era stata ricoverata per il diabete, dopo una breve degenza a Portogruaro. “Era stata rilevata solo una lieve carenza di globuli bianchi – hanno spiegato – che era compatibile con la diagnosi di diabete. Un’analisi genetica potrebbe dire se già allora fosse presente la malari”.

Sorgente: L’autopsia conferma, Sofia morta per complicanza malaria – Tgcom24

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *