Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

L’appello a Minniti sull’ex-Moi: “L’illegalità va combattuta ora” – lastampa.it/torino

lastampa.it/torino – L’appello a Minniti sull’ex-Moi: “L’illegalità va combattuta ora”Il ministro: pronti a collaborare con la Città sul piano per liberare le palazzine – beppe miniello

Come già si sapeva, sull’ex-Moi e sul progetto per svuotare le palazzine e sistemare, nei prossimi 3 anni, i profughi occupanti assisteremo a uno scontro all’arma bianca fra gli eterni duellanti: il Pd battuto alle elezioni anche per colpa di situazioni esasperanti per i cittadini come l’ex-villaggio olimpico, e i nuovi amministratori grillini che durante la campagna elettorale inondarono di improperi l’avversario Fassino, accusandolo di fare nulla.

 «Appendino non si illuda»

Battaglia per ribadire che se la sindaca Appendino pensa nei prossimi tre anni, in virtù del piano di sgombero realizzato grazie al Governo e al Viminale in primis e traguardato al 2020, di poter vendere come risolto un problema che risolto non è, si sbaglia di grosso.

Ieri, alla Festa dell’Unità di corso Umbria, blindata come non mai per accogliere il «capufficio», cioè il ministro dell’Interno, Marco Minniti, ad accendere le polveri ci ha pensato il senatore Stefano Esposito che quando c’è da menare metaforicamente le mani non si tira mai indietro.

Una blindatura violata, si fa per dire, da cinque contestatori e uno striscione («Respingimenti in mare e lager per migranti: tradimento dei valori della Resistenza») tenuti lontanissimi dagli agenti mentre un altro striscione («Minniti boia») veniva dispiegato sulla passerella che collega il Sacro Volto all’ex-Teksid.

Il senatore Esposito ha ricordato che il Viminale ha investito un milione nel progetto di sgombero dell’ex-Moi, «denaro – ha chiesto Esposito a Minitti – che deve essere utilizzato per combattere l’illegalità che regna dentro e attorno alle palazzine: non è che ora che c’è il progetto ci dimentichiamo delle condizioni in cui dovranno ancora vivere nei prossimi tre anni i cittadini del quartiere il cui voto, dopo le polemiche in campagna elettorale, ha contribuito a far perdere Fassino».

Parole accolte da un Minniti sfinge, tutto compreso nel difendere la sua immagine iper-istituzionale.

«Polemiche? Non replico»

«Non replico alle polemiche, il mio dovere è ascoltare e non chiacchierare» aveva dichiarato poco prima dal palco a una platea estasiata di avere di fronte finalmente un leader che fa ciò che dice. Nonostante un Gino Strada che gli dà dello «sbirro» o una Emma Bonino, i cui seguaci radicali raccolgono anche alla Festa dell’Unità di corso Umbria per superare la Bossi-Fini.

Politiche che «costano» a Minniti il plauso della destra e le critiche della sinistra, ma che hanno il pregio di ottenere risultati: gli sbarchi si sono ridimensionati e ora l’Italia guida la battaglia in Africa per cambiare le condizioni che determinano un esodo che continuerà e che se non governato «può mettere a rischio le nostre democrazie».

In questo contesto, il relativamente piccolo caso torinese dell’ex-Moi, è un esempio di «come si debbano e si possano coniugare legalità e umanità, i due principi ai quali si devono attenere tutte le democrazie».

«Sul Moi – ha ricordato Minniti – ho incontrato la sindaca Appendino perchè è giusto che ci sia piena e leale collaborazione. Se ci sono palazzi abusivamente occupati – ha detto Minniti – questi palazzi vanno sgomberati.

Per i soggetti fragili vanno costruite soluzioni alternative. Mi pare che Torino voglia muoversi in questa direzione. Su questo progetto lavoreremo insieme coniugando legalità e umanità».

Sorgente: L’appello a Minniti sull’ex-Moi: “L’illegalità va combattuta ora” – La Stampa

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.