Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

La Polonia vuole altri soldi dalla Germania come risarcimento per i crimini dei nazisti – Il Post

ilpost.it – La Polonia vuole altri soldi dalla Germania come risarcimento per i crimini dei nazistiMa secondo molti dietro questa proposta ci sarebbe uno scontro più ampio tra governo polacco e Unione Europea.

«Ci stiamo preparando a uno storico contrattacco», ha detto la scorsa settimana Jaroslaw Kaczynski, capo del partito polacco Libertà e giustizia: «Parliamo di farci restituire somme enormi, parliamo del fatto che per molti anni la Germania ha rifiutato di prendersi le responsabilità per la Seconda guerra mondiale». Kaczynski, che è leader del partito di governo e che è stato spesso accusato di avere tendenze anti-democratiche, si riferiva a una richiesta di risarcimento danni che al momento è allo studio del Parlamento polacco.

La Polonia, o almeno un grosso numero dei suoi parlamentari, è decisa a chiedere alla Germania decine di miliardi di euro a titolo di risarcimento per i danni subiti durante l’occupazione nazista.

Non si conosce la cifra esatta che i polacchi intendono chiedere, né se il Parlamento porterà fino in fondo la richiesta. Ma la proposta è stata sufficiente a creare ulteriori tensioni tra Polonia e Germania, in un momento molto delicato per le relazioni tra i due paesi e tra Polonia e resto d’Europa.

La richiesta è stata formulata per la prima volta lo scorso 11 agosto, in occasione del 73esimo anniversario della rivolta di Varsavia, durante la quale decine di migliaia di polacchi insorsero contro gli occupanti tedeschi.

I rivoltosi speravano nell’aiuto dell’esercito sovietico, che si trovava a pochi chilometri dalla città. I russi però non si mossero e i tedeschi, nel corso di due mesi di combattimenti estremamente duri, riuscirono a stroncare la rivolta.

Si calcola che nei combattimenti e nelle rappresaglie tedesche furono uccisi almeno 160 mila polacchi. Il primo agosto, anniversario dell’inizio della rivolta, il ministro della Difesa polacco, Antoni Macierewicz, ha detto che la Germania avrebbe presto dovuto «ripagare l’immenso debito che ha nei confronti del popolo polacco».

Nei giorni successivi, un ufficio parlamentare ha iniziato a studiare la possibilità di presentare ufficialmente la richiesta di risarcimento.

La Polonia è stato il paese a soffrire di più gli effetti della Seconda guerra mondiale. Secondo i calcoli degli storici, in sei anni fu ucciso il 17 per cento della popolazione polacca, cioè quasi un polacco su cinque, per un totale di circa sei milioni di morti.

I principali crimini di guerra in Polonia furono compiuti dai tedeschi, che nel 1939 occuparono in maniera brutale il paese e poi iniziarono una politica di pulizia etnica nei territori polacchi destinati a diventare parte della Germania.

Anche l’Unione Sovietica compì crimini terribili in Polonia. All’inizio della guerra, i russi occuparono la metà orientale del territorio polacco e misero in atto una politica di sterminio della classe dirigente culminata con il massacro di Katyn.

I crimini commessi da Russia e, soprattutto, Germania, sono un tema ancora molto sentito in Polonia. Durante l’anniversario della rivolta di Varsavia, i tifosi della squadra di calcio del Legia Varsavia hanno mostrato un enorme striscione per ricordare la repressione nazista.

Se questi crimini abbiano bisogno di ulteriori risarcimenti, però, è materia di dibattito tra politici, storici ed esperti di diritto. La Germania ha già pagato molto per il suo ruolo nell’inizio della Seconda guerra mondiale.

Nel 1945 diversi territori tedeschi furono assegnati alla Polonia, causando l’esodo di milioni di persone (questi territori erano in parte una compensazione per i territori polacchi annessi all’Unione Sovietica, in parte una punizione nei confronti della Germania).

Altre riparazioni furono inflitte alla Germania e, come ulteriore sanzione, il paese fu diviso in due parti, la Germania ovest e la Germania est, controllata dall’Unione Sovietica.

In cambio di tutte queste misure, nei primi anni Cinquanta il governo comunista polacco decise di rinunciare alle sue richieste di risarcimento nei confronti della Germania. In molti però ritengono che quella rinuncia non fu legittima, perché imposta con la forza dall’Unione Sovietica e non sarebbe quindi frutto della libera volontà del popolo polacco.

Secondo alcune stime, il totale dei danni subiti dalla Polonia ammonterebbe a più di 500 miliardi di euro in prezzi correnti. Fino ad oggi la Germania ha versato in tutto 73 miliardi di euro come compensazione a vario titoli per i crimini commessi dal regime nazista.

Nelle ultime settimane, il portavoce della cancelliera tedesca Angela Merkel, Ulrike Demmer, ha ricordato che in passato la Polonia ha rinunciato alle compensazioni, ma ha aggiunto che il suo paese è conscio di avere ancora delle responsabilità «politiche, morali e finanziarie».

Ha ricordato anche che la Germania sta ancora pagando varie forme di compensazione per i crimini commessi dai nazisti e che ha già pagato alcune riparazioni alla stessa Polonia in passato.

Secondo molti, dietro le richieste polacche c’è lo scontro attualmente in corso tra il governo locale e le istituzioni europee. La Commissione europea ha accusato la Polonia di aver iniziato un processo che rischia di danneggiare la separazione dei poteri dello stato, che a sua volta rischia di trasformare la Polonia in un paese non democratico.

Il governo polacco ha risposto con durezza alle accuse.

I leader politici della destra populista attualmente al potere hanno inasprito molto la loro retorica anti-tedesca e hanno accusato la Germania di essere il manovratore occulto delle autorità europee. La mossa del governo polacco potrebbe essere quindi un tentativo di rafforzare il suo potere all’interno dello stato, usando la Germania e l’Unione Europea come nemico esterno contro cui confrontarsi.

La “liberazione” di Varsavia, 70 anni fa

La "liberazione" di Varsavia, 70 anni fa

Sorgente: La Polonia vuole altri soldi dalla Germania come risarcimento per i crimini dei nazisti – Il Post

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *