Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Kurdistan iracheno: voto ad alta tensione — L’Indro

lindro.it – Kurdistan iracheno: voto ad alta tensione L’Iran ha bloccato i voli da e per l’area, la Turchia ha aumentato il contingente turco schierato al confine, Baghdad si riserva di prendere le misure necessarie

Oggi 5,6 milioni di curdi del Kurdistan iracheno sono chiamati a votare al referendum sull’indipendenza del Kurdistan iracheno.

La conferma definitiva che il referendum si tiene come previsto è venuta ieri da Massoud Barzani, Presidente del Governo regionale e leader del Partito democratico del Kurdistan, dopo febbrili trattative per un rinvio di un appuntamento che nessuno vuole.

Da Baghdad è arrivato subito l’avvertimento del premier Haider al-Abadi : «Prendere una decisione unilaterale che ferisce l’unità dell’Iraq e la sua sicurezza, e la sicurezza della regione, con un referendum separatista è incostituzionale e contro la pace.

Prenderemo le misure necessarie a preservare l’unità del Paese».

Il voto si tiene nel Kurdistan iracheno e nelle zone contese con Baghdad che non fanno parte della regione, compresa la provincia di Kirkuk, ricca di petrolio.

«Volete che la regione del Kurdistan e le zone curde fuori dalla regione diventino uno Stato indipendente?», è la domanda che gli aventi diritto troveranno sulla scheda elettorale.

La giornata di oggi potrebbe segnare una data storica, quella del coronamento di un ‘sogno’ che ha iniziato muovere i primi passi cent’anni fa.

Il popolo curdo -oggi composto da circa 20-30 milioni di persone – è diviso tra Iraq, Iran, Turchia e Siria. In Iraq i curdi sono oltre sei milioni su una popolazione di 36 milioni di abitanti.

Nel Kurdistan iracheno – un territorio di 40.600 km quadrati, compostaìo da tre province, Erbil che è il capoluogo, Sulaymaniyah e Duhok, confinante confina con l’Iran, a est, con la Turchia, a nord, e con la Siria, a ovest, ricco di petrolio, gas naturale e fosfati- vivono circa 5,2 milioni di persone.

La maggioranza dei curdi è musulmana sciita, ma ci sono anche sciiti, aleviti e yazidi. Dopo la caduta dell’Impero ottomano, il popolo curdo si è ritrovato diviso dai nuovi confini del Medio Oriente.

Le Potenze internazionali che vinsero la Prima Guerra Mondiale, nel 1920, diedero speranza alle aspirazioni nazionaliste del popolo curdo quando, con il Trattato di Sevres, per la prima volta nella storia disegnarono una mappa con quelli che sarebbero dovuti essere i nuovi confini dello sconfitto Impero Ottomano, mappa che prevedeva la nascita di uno Stato curdo.

Le aspirazioni di indipendenza sarebbero state presto tradite dalla scelta di negoziare un nuovo assetto territoriale con le forze kemaliste che stavano fondando lo Stato della Turchia moderna (Trattato di Losanna, del 1923), cancellando con un colpo di penna il Kurdistan e relegandolo a regione minoritaria divisa tra i territori di quattro Stati: Turchia, Iraq, Siria, Iran.

Da quel momento in poi, i curdi cominciarono a sentirsi dimenticati dalla comunità internazionale e venivano costantemente emarginati, se non repressi, dai governi sotto la cui autorita’ erano caduti.

I quattro popoli curdi hanno poi preso strade differenti nel tentativo di raggiungere lo stesso scopo -la nascita di uno Stato indipendente-: dalla guerriglia armata portata avanti dal PKK contro la Turchia, al sostanziale quietismo cui sono stati ridotti in Siria e Iran, fino alla particolare parabola dei curdi iracheni.

Questi sono stati, duramente perseguitati dal regime di Saddam Hussein. Dopo la Prima Guerra del Golfo, nel 1992, ebbero uno statuto autonomo. Nacque così il KRG, Kurdish Regional Government, ovvero Governo Regionale Curdo, che avrebbe amministrato le aree curde irachene con autonomia, pur se dentro la struttura federale controllata dal Governo di Baghdad. «La partnership con Baghdad è fallita e noi non la riprenderemo. Siamo arrivati alla convinzione che l’indipendenza permetterà di non ripetere le tragedie del passato», ha dichiarato ieri in conferenza stampa Barzani, che considera quello di oggi l’alba di una nuova era.

Dal 2014, l’ascesa dello Stato Islamico (Isis) in Siria e Iraq ha costituito la ‘tempesta perfetta che ha permesso ai peshmerga (le forze armate cure irachene) di acquisire sempre più rilevanza strategica, quale argine militare all’avanzata delle forze jihadiste, fino alla protezione di siti importanti come Kirkuk e alla progressiva cacciata degli uomini di al-Baghdadi da Mosul.

Da qui le rivendicazioni curde irachene: il conto richiesto alla comunità internazionale per il profuso sforzo nel combattere sul campo l’IS è stata la richiesta di un’autonomia ulteriore da Baghdad, vale a dire la creazione di un vero e proprio Stato curdo.

Sorgente: Kurdistan iracheno: voto ad alta tensione — L’Indro

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *