Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Corea del Nord, la Casa Bianca: «C’è anche l’opzione militare». E Kim Jong-un: «Completerò programma» – corriere.it

corriere.it – la crisi – Corea del Nord, la Casa Bianca: «C’è anche l’opzione militare». E Kim Jong-un: «Completerò programma» Nonostante le sanzioni Onu, Pyongyang promette di «completare il programma nucleare». Il consigliere alla sicurezza nazionale della Casa Bianca, generale McMaster: «Non è problema fra gli Usa e la Corea del Nord ma fra il mondo e la Corea del Nord» – red on line

Gli Stati Uniti non escludono «un’opzione militare» sulla Corea del Nord. Interviene così il consigliere alla sicurezza nazionale della Casa Bianca, il generale H. R. McMaster, sottolineando che il problema della Corea del Nord non è un «problema fra gli Stati Uniti e la Corea del Nord ma fra il mondo e la Corea del Nord».

«Tutte le opzioni sono sul tavolo» per la Corea del Nord, aggiunge Sarah Huckabee Sanders, la portavoce della Casa Bianca, nel corso dell’incontro quotidiano con la stampa, al quale McMaster ha partecipato.

Ma Pyongyang prosegue per la sua strada e, ignorando i moniti internazionali, Kim Jong-un promette di «completare il programma nucleare» nonostante le sanzioni Onu.

Il leader nordcoreano aggiunge che il suo obiettivo è «pareggiare gli equilibri di potere con gli Usa» e far sì che il governo statunitense «non abbia il coraggio di parlare di “opzione militare” per la Corea del Nord».

Le parole del generale statunitense McMaster arrivano a seguito del nuovo test missilistico della Corea del Nord.

In un clima già teso con la comunità internazionale a seguito del suo sesto test nucleare del 3 settembre e delle conseguenti sanzioni approvate lunedì dal Consiglio di sicurezza dell’Onu, il regime di Kim Jong-un ha lanciato un missile che ha nuovamente sorvolato il Giappone ed è poi caduto nell’Oceano Pacifico.

Si tratta di una nuova sfida da parte di Pyongyang agli Usa e alle altre potenze mondiali che vorrebbero arginare i suoi programmi missilistico e nucleare. Per le 21 ora italiana (le 15 ora locale a New York) è stata convocata una riunione d’emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite, su richiesta di Stati Uniti e Giappone secondo quanto riferiscono fonti diplomatiche.

Il Consiglio di sicurezza ha chiesto a Pyongyang «lo stop ai lanci missilistici» e «l’impegno di Kim Jong-un alla denuclearizzazione». Il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, ha condannato il nuovo test definendolo una «palese violazione» delle risoluzioni delle Nazioni unite.

 In serata è arrivato anche il commento del presidente americano, Donald Trump, alla sfida nordcoreana: «Gli Stati Uniti non saranno mai intimiditi e difenderanno i loro cittadini da coloro che minacciano il loro stile di vita, compreso il regime della Corea del Nord», rilancia Donald Trump, sottolineando come «la Corea del Nord mostra un totale disprezzo per i Paesi vicini».

E dura è anche la condanna del Consiglio di Sicurezza dell’Onu per il lancio del missile della Nord Corea e le «azioni oltraggiose» di Pyongyang. Le Nazioni Unite chiedono che vi «ponga immediatamente fine».

I Quindici in una dichiarazione al termine della riunione di emergenza al Palazzo di Vetro hanno «espresso la loro grave preoccupazione che la Nord Corea mini deliberatamente la pace e la stabilità regionale, causando gravi timori per la sicurezza in tutto il mondo». «Tali azioni – hanno detto – non sono solo una minaccia per la regione ma per tutti gli stati membri».

foto –  Corea del Nord, cosa sta succedendo: dai prigionieri politici ai fallimenti degli 007, i 10 errori della crisi

Preoccupazione per il lancio soprattutto in Corea del Sud e Giappone. Seul ha fatto sapere di avere lanciato un missile in mare in risposta a Pyongyang e la presidenza ha convocato una riunione urgente del consiglio di sicurezza nazionale.

Riunione analoga è stata convocata anche in Giappone, dove intorno alle 7 ora locale (mezzanotte circa fra giovedì e venerdì in Italia) nel nord del Paese sono risuonati avvertimenti che invitavano i cittadini a cercare rifugio.

E Washington corteggia Mosca|

10 errori

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è stato aggiornato sul lancio: ultimamente la sua politica è stata di chiedere alla Cina di fare di più per arginare il suo vicino. Ma Pechino preferisce una risposta internazionale al problema.

«Cina e Russia devono esprimere la loro intolleranza per questi sconsiderati lanci missilistici intraprendendo da sé azioni dirette», ha dichiarato il segretario di Stato americano, Rex Tillerson.

Pechino però, tramite una portavoce del ministero degli Esteri, ha negato che la Cina abbia la chiave per allentare la tensione sulla penisola: «Ogni tentativo di lavarsi le mani dalla questione è irresponsabile e non aiuta a una soluzione», ha affermato, ribadendo che secondo Pechino le sanzioni sono efficaci solo se accompagnate dai colloqui.

video – Nuovo missile nordcoreano, sull’isola di Hokkaido suona l’allarme

In vista dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite la prossima settimana, che al centro dell’agenda hanno temi come la crisi della Corea del Nord e il terrorismo, è intervenuta l’ambasciatrice Usa all’Onu, Nikki Haley: «Le Nazioni Unite non sono qui solo per parlare ma anche per fare fatti. Si deve aprire una nuova fase».

La Corea del Nord continua a essere irresponsabile: «ritengo che sia molto importante che continuano a spingere sulle opzioni diplomatiche che abbiamo.

La guerra nucleare non è più un tabù

Abbiamo strangolato la Corea del Nord economicamente, abbiamo tagliato il 90% degli scambi commerciali» di Pyongyang» . Intanto il presidente Donald Trump incontrerà il premier Giapponese Shinzo Abe e il leder sudcoreano Moon Jae in la prossima settimana a margine dei lavori dell’Assemblea Generale dell’Onu.

Lo ha confermato il consigliere per la Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, H.R. McMaster. L’escalation della crisi con la Corea del Nord sarà in cima all’agenda della 72esima Unga, l’Assemblea plenaria dell’Onu, la prima per Donald Trump.

Sorgente: Corriere della Sera

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.