Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Il nuovo codice antimafia è legge: corrotti come mafiosi | LaPresse

lapresse.it – Il nuovo codice antimafia è legge: corrotti come mafiosi. Dall’ampliamento dei destinatari delle misure di prevenzione patrimoniale alla riforma dell’agenzia dei beni sequestrati

La Camera ha dato il via libera definitivo, con 259 voti favorevoli e 107 contrari, al nuovo codice Antimafia. Il provvedimento amplia i destinatari delle misure di prevenzione patrimoniale e ne velocizza le procedure, riforma l’agenzia per i beni sequestrati, favorisce la ripresa delle aziende sottoposte a sequestro, garantisce una maggiore trasparenza nella scelta degli amministratori giudiziari.

Dalla Cina gioisce il ministro della Giustizia Andrea Orlando: “Da oggi ci sono più strumenti per combattere la mafia, più trasparenza nella gestione dei beni confiscati, più garanzie per chi è sottoposto a misure di prevenzione.

Una buona notizia per la lotta alla criminalità organizzata e per lo Stato di diritto”. Mentre la presidente della commissione parlamentare Antimafia Rosy Bindi  lo definisce “un regalo al paese”.

CORROTTI, TERRORISTI E STALKER EQUIPARATI A MAFIOSI L’articolo 1, modificando l’articolo 4 del Codice, amplia il catalogo dei possibili destinatari delle misure di prevenzione personali e patrimoniali. Le misure possono, infatti, essere applicate anche a coloro i quali, fuori dei casi di concorso e favoreggiamento, sono indiziati prestare assistenza agli associati alle organizzazioni a delinquere e mafiose.

Analogamente, possono applicarsi agli indiziati di una serie di reati contro la pubblica amministrazione (ove collegati al reato di associazione a delinquere), di atti persecutori, di delitti con finalità di terrorismo e di truffa aggravata

PREVENZIONE GARANTITA E TEMPI CERTI Il procedimento di applicazione delle misure di prevenzione è reso più trasparente, garantito e veloce grazie alla trattazione prioritaria con rafforzamento delle sezioni competenti, copertura immediata delle vacanze, relazioni periodiche sull’operatività delle sezioni, utilizzo delle videoconferenze, immediata decisione sulle questioni di competenza.

Si introduce la distrettualizzazione delle misure di prevenzione prevedendo sezioni o collegi distrettuali specializzati, mentre il procuratore nazionale Antimafia e antiterrorismo è inserito tra i soggetti titolari del potere di proposta delle misure di prevenzione.

SEQUESTRO PIU’ EFFICACE Il sequestro di partecipazioni sociali ‘totalitarie’ si estende a tutti i beni aziendali. A provvedere materialmente al sequestro sarà ora la polizia giudiziaria (non più l’ufficiale giudiziario).

Se il bene immobile è occupato senza titolo, il giudice delegato ordina lo sgombero. Gli immobili, tra l’altro, potranno anche essere concessi in locazione alle forze di polizia o alle forze armate e ai vigili del fuoco.

CONFISCA RAFFORZATA E’ stabilito espressamente che non si può giustificare la legittima provenienza dei beni adducendo che il denaro utilizzato per acquistarli è frutto di evasione fiscale. Se il tribunale non dispone la confisca, può nel caso applicare l’amministrazione giudiziaria e il controllo giudiziario.

E’ ampliato l’ambito di applicazione di sequestro e confisca per equivalente, mentre la confisca allargata diventa obbligatoria anche per alcuni ecoreati e per l’autoriciclaggio e trova applicazione anche in caso di amnistia, prescrizione o morte di chi l’ha subita. In caso di revoca della confisca, la restituzione del bene avviene per equivalente se nel frattempo sia stato destinato a finalità di interesse pubblico.

CONTROLLO IMPRESE INFILTRATE È introdotto il nuovo istituto del controllo giudiziario delle aziende quando sussiste il pericolo concreto di infiltrazioni mafiose che ne condizionino l attività.

Il controllo giudiziario, previsto per un periodo che va da un anno a tre anni, può essere chiesto volontariamente anche dalle imprese che abbiano impugnato l’informazione Antimafia interdittiva di cui sono oggetto. Una volta disposto, gli effetti dell’interdittiva restano sospesi.

ESTENSIONE AMMINISTRAZIONE GIUDIZIARIA L’amministrazione giudiziaria di beni e aziende sarà possibile anche in presenza di indizi da cui risulti che il libero esercizio di attività economiche agevola l’attività dei soggetti colpiti da una misura di prevenzione patrimoniale o che abbiano comunque in corso un procedimento penale per specifici delitti di mafia o gravi reati contro la Pa.

La durata raddoppia, con possibile proroga per un periodo comunque massimo di due anni. Alla scadenza, può essere revocata e trasformata in controllo giudiziario. L’amministratore giudiziario esercita tutti i poteri che spettano ai titolari.

TRASPARENZA IN INCARICHI AD AMMINISTRATORI GIUDIZIARI Dovranno essere scelti tra gli iscritti all’apposito Albo secondo regole di trasparenza che assicurino la rotazione degli incarichi, al ministro della Giustizia spetterà individuare criteri di nomina che tra l’altro tengano conto del numero degli incarichi in corso (comunque non superiori a 3).

Gli amministratori di aziende sequestrate vanno scelti tra gli iscritti all’Albo come esperti di gestione aziendale. Se la gestione dei beni sequestrati è particolarmente complessa, il tribunale può nominare più amministratori giudiziari.

E può anche nominare, nei sequestri di aziende di particolare interesse socio-economico, esperti iscritti all Albo indicati tra i suoi dipendenti da Invitalia Spa (società interamente partecipata dal Mise). In tal caso l’incarico non sarà retribuito.

Sorgente: Il nuovo codice antimafia è legge: corrotti come mafiosi | LaPresse

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *