Edifici sequestrati alla mafia utilizzati per accogliere i migranti. La Regione Emilia-Romagna non solo è pronta a mettere in pratica la proposta avanzata dal Viminale dopo gli sgomberi e le polemiche dei giorni scorsi, ma l’ha già collaudata.

Per il 2017, ha stanziato 600mila euro per il recupero “per usi sociali” dei beni confiscati, previsto dal Testo unico sulla legalità approvato nel 2016.

E “a Pieve di Cento (Bologna), due case sono già state utilizzate in questo modo”, ha spiegato a ilfattoquotidiano.it l’assessore Pd alla Legalità Massimo Mezzetti.

“Una palazzina, confiscata a un boss della mafia e inaugurata 2 anni e mezzo fa, ospita i vigili urbani e sei mini-appartamenti con famiglie di migranti”. Secondo l’Agenzia nazionale dei beni confiscati alle mafie, sono 230 gli edifici sottratti alla criminalità in Regione, che potrebbero in parte esser destinati ai rifugiati.

“A noi risultano 119 beni confiscati in via definitiva alla criminalità, di questi 37 sono in fase di destinazione e 15 assegnati”, ha spiegato Mezzetti.

La falla nell’idea del Viminale sembrano, stando alle dichiarazioni dell’assessore, i tempi di assegnazione. L’Agenzia nazionale, spiega Mezzetti, “è lentissima nelle procedure di sequestro, confisca e assegnazione perché è sotto organico: funziona male.

A Modena abbiamo un edificio confiscato da più di un anno e si prevede l’assegnazione nel 2019”. “Giace in Parlamento”, prosegue, “la riforma del codice antimafia nella quale è  prevista il riassetto dell’Agenzia. Sollecitiamo che si approvi in questa legislatura, in modo che sia dotata di maggior organico e risorse”.

Parole simili a quelle del fondatore di Libera Don Luigi Ciotti che nei giorni scorsi ha sollecitato il Parlamento a dare il via libera al codice che probabilmente non riuscirà ad essere approvato prima delle elezioni.

Nel frattempo la Regione chiede che si possa disporre degli immobili sequestrati in attesa di confisca definitiva “per uso temporaneo e senza oneri di recupero”. “Siamo d’accordo con la proposta del Viminale – sottolinea Mezzetti – e non solo per l’accoglienza dei migranti ma per finalità sociali in generale”.

Per quanto riguarda l’intervento del prefetto, previsto dal Viminale in caso di scarsa collaborazione dei Comuni, “se i sindaci non accettano una logica di solidarietà comune – commenta – l’atto è giustificato, perché si rischia che alcuni comuni abbiano un soprannumero di profughi e altri nessuno”.

Un punto di vista condiviso dal sindaco di Ferrara, Tiziano Tagliani, favorevole alla proposta del Viminale e che, quando nei giorni scorsi a Codigoro, la sindaca del Pd Alice Zanardi voleva aumentare le tasse a chi accoglieva i migranti, chiese la sua espulsione dal partito.

A Gorino, frazione di Codigoro, l’anno scorso i residenti hanno respinto con le barricate delle migranti in arrivo. “Nella nostra provincia – conferma Tagliani – è un problema che si è presentato, purtroppo”.

“Un’accoglienza diffusa e accompagnata dalla collaborazione dei sindaci diventa più facile sia per la comunità che per l’integrazione – spiega -. La politica ha distribuito i richiedenti asilo non in maniera uniforme e, anche nella mia provincia, ci sono sindaci che di fatto sono indisponibili all’accoglienza in modo palese. In quel caso è giusto che i prefetti intervengano”.

E fra i sindaci della provincia di Ferrara che non ne vogliono sapere dell’accoglienza ai migranti, e meno che mai di assegnare loro edifici sequestrati alla mafia, c’è Fabio Bergamini, sindaco di Bondeno.

“A me cadono le braccia – dice – è una cosa indegna, non ho parole. Noi sindaci mettiamo da parte ogni euro per le case popolari e lo Stato appena ha alloggi li dà ai migranti”.

Bergamini lavora in Prefettura, ma non è certo d’accordo con eventuali sequestri di immobili per i profughi. Bondeno, nel 2012, è stata colpita dal terremoto e ancora molte persone non hanno una casa.

Il sindaco ha emesso un’ordinanza che obbliga chi prende migranti in casa e che – accusa – “in questo modo rompe il patto tra amministrazione e terremotati”  ad “avvertire della partecipazione ai bandi in un tempo consono, informandomi dei nomi dei migranti accolti, altrimenti li deferisco all’autorità giudiziaria: è una questione di ordine pubblico”.

A Reggio Emilia, invece, dove si sta svolgendo il processo Aemilia – il più grande per mafia del nord: 219 imputati -, il sindaco Luca Vecchi è favorevole al fatto che “gli immobili confiscati alla mafia possano avere un riutilizzo sul piano abitativo per rispondere alle emergenze di carattere sociale”.

Per quanto riguarda l’intervento della Prefettura, “a Reggio Emilia c’è piena collaborazione” assicura il primo cittadino “ed è impossibile” che si verifichi un provvedimento coatto della Prefettura, “basti pensare che abbiamo realizzato, in parte a spese del Comune (circa 100.000 euro),  un’aula di tribunale solo per il processo Aemilia”.

I migranti non arrivano più in Italia? Sì, perché sono bloccati nelle prigioni libiche