Roma, 2 agosto 2017 – Tito Boeri entra a piedi uniti sul taglio dei vitalizi dei parlamentari varato dalla Camera e all’esame del Senato.

“È regalo all’anti-parlamentarismo” che le Camere non rendano pubblici i dati sui contributi versati, dichiara il presidente dell’Inps durante un’audizione a Palazzo Madama.

Per Boeri senza queste informazioni “non è possibile valutare l’impatto delle misure” sui vitalizi.

Vitalizi, un boomerang in faccia di Sandro Rogari

E, sottolinea, “la risposta che ci è stata data la settimana scorsa dalla Camera è una presa in giro nei confronti degli italiani: sul sito della Camera è pubblicato il totale dei contributi versati, ma non è questa l’informazione necessaria”.

Ieri il nuovo scontro in Aula, con il Senato che ha bocciato la richiesta dei 5 stelle di votare la dichiarazione d’urgenza sul provvedimento. Bagarre a Palazzo Madama, con tensione tra grillini e Pd.

Vitalizi, Senato boccia l’urgenza. M5s al Pd: “Vomitevoli”

BOERI – Nel corso del suo intervento, Boeri ha toccato anche il tema del riscatto gratuito della laurea.

Una proposta “condivisibile dal punto di vista dello spirito”, perché “si guarda alle nuove generazioni”, ma “sarebbe più efficace utilizzare tutte le risorse disponibili per misure di decontribuzione”.

video – Melina del Senato sui vitalizi, scontro M5s-Pd

Inoltre, ha spiegato il presidente Inps, se il beneficio va solo ai Millennials “si rischia di creare disparità di trattamento” con, per esempio, “i nati negli anni Settanta”.