Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Università gratis per i redditi bassi e gli studenti in corso: via alle novità – Repubblica.it

repubblica.it – Università gratis per i redditi bassi e gli studenti in corso: via alle novità.

La novità introdotta dalla Legge di Bilancio: iscrizione gratuita per chi ha un reddito Isee inferiore ai 13 mila euro. Per le famiglie interessate risparmio medio annuo tra i 300 e i 500 euro.

Si pagherà solo la tassa per il diritto allo studio da 140 euro e il relativo bollo  –  di ANTONELLA DONATI

Costa meno da quest’anno fa studiare i figli alle università statali. Per le matricole, infatti, in caso di reddito Isee fino a 13.000 euro l’iscrizione sarà gratis (esclusi imposta regionale e bollo). Niente tasse anche per gli anni successivi per gli studenti in corso.

Maxi taglio dei costi anche per chi ha un Isee più elevato ma entro il tetto dei 30.000. Inoltre non ci saranno tasse per i dottorandi che non hanno una borsa di studio. Le novità grazie alla Legge di bilancio, che ha imposto le nuove regole a tutti gli atenei pubblici.

Facebook agli editori “Venderete le news sul nostro social”

Le agevolazioni per le matricole. In base alle nuove norme, le matricole che appartengono a nuclei familiari con un Isee entro la soglia prevista dovranno versare solo la tassa per il diritto allo studio di 140 euro e il bollo di 16 euro.

Rispetto al passato, per gli studenti nella stessa fascia Isee il risparmio annuo medio è tra i 300 e i 500 euro. La platea complessivamente interessata dal cambiamento dovrebbe essere di circa 600mila famiglie.

In ogni caso per legge le università statali non possono istituire ulteriori tasse o contributi a carico degli studenti fino al rilascio del titolo finale di studio, fatti salvi i contributi per i servizi prestati su richiesta. Possono invece prevedere ulteriori eventuali agevolazioni economiche.

L’iscrizione gratis per gli anni successivi. Solo le matricole, però, hanno diritto a non pagare le tasse semplicemente in base al’Isee. Per avere diritto alla stessa agevolazione per gli per gli anni successivi, invece, occorre anche il merito.

Potranno risparmiare, infatti solo gli studenti in corso, oppure iscritti al primo anno fuori corso, che hanno maturato uno specifico numero di crediti. In particolare nel caso di iscrizione al secondo anno accademico, l’iscrizione gratis è prevista per gli studenti che hanno ottenuto, entro il 10 agosto del primo anno, almeno 10 crediti formativi .

Per gli anni successivi è invece necessario aver raggiunto almeno 25 crediti nei dodici mesi antecedenti la data del 10 agosto precedente all’iscrizione al nuovo anno accademico.

Gli sconti per i redditi più elevati. Per gli studenti in regola sono previsti sconti più sostanziosi rispetto al passato anche per chi ha un Isee superiore a 13.000 euro ma inferiore ai 30. 000. In questo caso, infatti, l’importo massimo da pagare è pari al 7% della quota di Isee eccedente i 13.000 euro.

Nel caso di iscritti fuori corso da più di un anno, invece, l’importo sale e può arrivare fino al 50% della differenza Isee, con un minimo dovuto per legge, però, di 200 euro.
Niente tasse per i dottorandi senza borsa. Novità infine per tutti gli iscritti i corsi di dottorato di ricerca che non sono beneficiari di borsa di studio. In questo caso, infatti, a prescindere dai redditi, sono esonerati dal pagamento delle tasse e dei contributi a favore dell’università.

Sorgente: Università gratis per i redditi bassi e gli studenti in corso: via alle novità – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *