Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Trump, santa alleanza contro l’Iran – nigrizia.it

Nella foto: le immagini di Trump e del re Salman sulla facciata dell’hotel Ritz-Carlton di Riyadh.

Visita di Trump

Nel corso della visita del 20 maggio, il re il re dell’Arabia Saudita, Salman, ha firmato un accordo per l’acquisto dagli Usa di armi e sistemi di difesa per 110 miliardi di dollari. Insieme a Trump, c’era una delegazione di uomini d’affari, tra gli altri gli amministratori delegati di Boeing, General Electric e Lockheed.

nigrizia.it – Trump, santa alleanza contro l’Iran  – di Mostafa El Ayoubi 

La crisi scoppiata tra l’Arabia Saudita e il Qatar all’inizio di giugno ha gettato ulteriore benzina sul fuoco nel già infiammato Medioriente/mondo arabo. Entrambi i paesi sono stati protagonisti diretti nella destabilizzazione di diversi stati arabi, a partire dal 2011.

La caduta del regime di Mubarak in Egitto ha consentito all’Arabia Saudita di impossessarsi della obsoleta e inerte Lega Araba, sfruttandola a sua favore per liquidare i suoi nemici: fu la Lega a chiedere una risoluzione Onu per intervenire in Libia e per espellere la Siria dall’organizzazione stessa.

Riyadh e Doha sono state alleate contro Damasco sin dallo scoppio della rivolta armata nel marzo 2011: le prime a rompere i rapporti diplomatici con il governo siriano e a sostenere la rivolta per far cadere al-Assad. In comune accordo, sauditi e qatarini hanno contribuito molto al diffondersi di milizie armate in Siria, in gran parte di matrice jihadista internazionale.

Che cosa è cambiato allora? Perché all’improvviso la famiglia di al-Saud si è rivoltata contro i cugini del Qatar? Le motivazioni sono diverse e si intrecciano tra di loro.

Due settimane prima della decisione del governo saudita di rompere i rapporti con il Qatar, c’è stata la visita del presidente Trump a Riyadh (la sua prima trasferta all’estero!) durante la quale ha voluto far capire al mondo che l’Arabia Saudita è attualmente il principale luogotenente di Washington in Medioriente/Golfo.

Trump ha convocato i suoi alleati arabi a Riyadh per illustrare loro la sua strategia nella regione, che consiste nel recuperare il terreno a partire dal 2003, quando gli Usa invasero l’Iraq.

Terreno in gran parte perso a favore dell’Iran, che oggi esercita una certa influenza su Damasco, Baghdad, Sana’a e Beirut; e che sostiene hezbollah e il movimento palestinese hamas, considerati da Israele una minaccia per la propria sicurezza.

Quindi il raduno “sunnita” di Riyadh intorno all’“evangelico” Trump ha come obiettivo la creazione di una ibrida santa alleanza geopolitica contro l’Iran sciita (la religione non c’entra nulla, ma è un efficace strumento per innescare lo scontro). E in questa logica si inserisce l’attacco dei Saoud contro il Qatar.

Quest’ultimo ha dei normali rapporti con l’Iran e insieme detengono una delle più grandi riserve di gas naturale del mondo (elemento di non poco conto). Inoltre ospita diversi esponenti di hamas, legato ai Fratelli musulmani. In effetti Riyadh ha imposto a Doha di rompere con Teheran, di espellere dal suo territorio i membri di hamas e di astenersi dal finanziare il movimento.

Il ridimensionamento del ruolo del Qatar per impedire alleanze non gradite a Washington trova anche una motivazione, non esplicita, nei recenti accordi tra Ankara e Doha, che prevedono la creazione di una base militare turca in territorio qatarino, cosa che preoccupa da un lato gli Usa, che non si fidano dell’alleato Erdogan, e dall’altro i sauditi che si ritroveranno nel cortile di casa i nemici Fratelli musulmani (che detengono il potere in Turchia).

C’è da aggiungere infine che la disfatta del gruppo Stato islamico (e cugini) in Siria e in Iraq ha reso necessario un ri-orientamento di strategia da parte dei paesi che hanno alimentato il terrorismo. Gli Usa temono che il Qatar passi nel campo avversario della coalizione Iran-Russia. E non è da escludere che adoperino un “regime change” anche a Doha. Ironia della sorte!

Sorgente: Trump, santa alleanza contro l’Iran – nigrizia.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *