Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Quell’esercito di 50 uomini a difesa degli stambecchi – lastampa.it/torino

foto – Raffaella Miravalle è giunta quinta nella classifica femminile della Royal Sky Marathon corsa sulle mulattiere del Re nel Gran Paradiso. Un altro risultato prestigioso ottenuto a 45 anni

lastampa.it/torino – Quell’esercito di 50 uomini a difesa degli stambecch. iCompie 70 anni il corpo dei guardaparco del Gran Paradiso –  guido novaria

CERESOLE REALE – Un piccolo esercito dove il comandante supremo non ha i gradi da generale, ma quelli di ispettore alla testa di 50 uomini (e donne) che sorvegliano i 70 mila ettari dell’area protetta più antica d’Italia, a cavallo fra Piemonte e valle d’Aosta.

I guardaparco del Gran Paradiso nascono ufficialmente il 5 agosto del 1947, naturali eredi delle Guardie Reali, istituite con la Riserva Reale di caccia del 1856. Un corpo che ha fatto della propria autonomia una delle sue caratteristiche principali, così come i guardaparco d’Abruzzo, nato poco dopo il Gran Paradiso.

EX BRACCONIERI

E non è un mistero che fra i primi guardaparco assunti dal mitico direttore Renzo Videsott, ci fossero alcuni bracconieri: «Chi meglio di loro conosce il Parco e soprattutto i cacciatori di frodo» rispondeva Videsott a chi gli contestava la scelta di attingere fra i nemici numero uno dei guardaparco.

In questi 70 anni, il lavoro attento e costante dei guardaparco ha evitato l’estinzione dello stambecco, animale simbolo del Parco, ha permesso la salvaguardia della straordinaria biodiversità che abita le valli del Gran Paradiso, ha contrastato il fenomeno del bracconaggio attraverso un controllo attento e costante e ha offerto un servizio puntuale alle comunità locali e ai turisti.

DALL’ALBA AL TRAMONTO

Oggi i guardaparco sono 51 fra uomini e donne (anche se secondo i parametri previsti dal Ministero dell’Ambiente dovrebbero essere 70, uno per ogni 1000 ettari di territorio protetto) e il loro servizio si svolge «dall’alba al tramonto».

Nella loro attività quotidiana, i guardaparco sono spesso accompagnati dai loro cani, compagni fedeli e utilissimi in molte occasioni, come il reperimento di animali feriti e l’individuazione e il soccorso di vittime delle valanghe.

Importante il ruolo a supporto della ricerca scientifica svolto dall’Ente Parco con la partecipazione diretta alle attività insieme a biologi e ricercatori.

TANTI PERSONAGGI

La valdostana Milena Bethaz, 44 anni, è diventata Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana. Il Presidente Sergio Mattarella l’ha premiata «per l’encomiabile esempio di forza di volontà con cui ha combattuto la malattia successiva ad un grave incidente riconquistando la sua quotidianità».

Laureata in scienze naturali e già campionessa del mondo di corsa in montagna, nell’estate 2000 riesce a coronare il sogno di diventare guardaparco del Gran Paradiso. Il 17 agosto 2000, durante un sopralluogo, viene colpita da un fulmine insieme a un collega, che perde la vita.

Per Milena Bethaz seguono un periodo di coma, operazioni al cervello, una paresi e infine una lunga riabilitazione: ma «con straordinaria forza di volontà è riuscita a tornare alla sua vita e alle sue passioni» e a riprendere il servizio.

La salita in velocità lungo la via normale italiana al Cervino è stata oggetto di vari tentativi di record. Il guardaparco del Gran Paradiso Valerio Bertoglio il 10 agosto del 1990 è stato il primo a stabilire un vero e proprio record di salita e discesa dalla Gran Becca.

Con il tempo di 4 ore 16 minuti e 26 secondi (2ore e 49 minuti in salita e 1 ora e 7 minuti in discesa) ha abbassato il tempo minimo stimato in 8 ore.

Storie di record che s’incrociano con quelle di ordinaria normalità per questo esercito che moltissimi parchi invidiano per quell’unicità e autonomia difese con caparbietà da 70 anni.

Sorgente: Quell’esercito di 50 uomini a difesa degli stambecchi – La Stampa

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv