Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Prima Pagina – Il Manifesto e i primi articoli online

All’alba la polizia sgombera con la violenza i rifugiati costretti ad accamparsi nei giardini nel cuore di Roma. Manganelli e idranti, cariche ingiustificate, donne e bambini terrorizzati, molti feriti. Pessimo segnale del ministero degli Interni in un paese funestato ogni giorno da episodi di «ordinario razzismo»

IL SILENZIO DI RAGGI

A Roma M5S prova la linea securitaria

Giuliano Santoro

Dalla giunta di Virginia Raggi nessun intervento per dare una casa ai rifugiati e nessun commento poi sui fatti di piazza Indipendenza. Ma un comunicato dell’assessora alle politiche sociali si può leggere come un via libera preventivo alle cariche. Rivendicate poi da un deputato grillino

Politica

Sicilia: Alfano e Renzi stringono l’abbraccio

Red. Pol.

Il ministro degli esteri sceglie il Pd e dà la colpa a Salvini: “A destra prevalgono i veti”. Il regista dell’operazione è Orlando, che così rompe la coalizione che lo sorregge al comune di Palermo. Irritazione di Mdp e Sinistra italiana: “Noi andiamo a avanti e proporremo un’alternativa”. Decisa ufficialmente la data del voto: 5 novembre

Italia

Un distretto ad alto rischio vulcanico

Adriana Pollice

Norme antisismiche e sulle case abusive nella prossima legge di stabilità. L’Osservatorio Vesuviano mette in guardia sulla pericolosità in tutta la zona magmatica del napoletano

«Palazzine costruite molto male», ma anche le inchieste crollano

Mario Di Vito

Nel Lazio, l’ufficio guidato dal procuratore Giuseppe Saieva ha aperto tra i 100 e 120 fascicoli, che però «per l’80-90% vanno verso l’archiviazione». «Ipotizzabili responsabilità umane di vario tipo per una trentina di vittime tra Amatrice e Accumoli», dice il magistrato che al Tg1 rivela: «Edifici tirati su al risparmio. È un problema di costi e di profitti»

Internazionale

Ankara: «Operazione anti-Pkk insieme all’Iran»

Chiara Cruciati

Teheran pigliatutto: torna l’ambasciatore del Qatar, si amplia la cooperazione energetica con l’Iraq (i cui leader sciiti fanno la fila alla corte dei Saud) e con le compagnie straniere e si delinea un coordinamento militare con il rivale turco. Poco conta l’Iranofobia di Trump

Esplosione a Kiev dopo la parata

Yurii Colombo

Il ministro della Difesa Usa James Mattis, a Kiev con rappresentanti europei e Nato, conferma mega commessa militare da 175 milioni di dollari

L’inchiesta

L’accesso al rito nella battaglia per il diaconato femminile

Alessandro Santagata

Cattoliche, valdesi, ebree, musulmane, le donne portano nella teologia e nella gerarchia un pensiero femminista che muove le loro battaglie contro il patriarcato delle religioni monoteiste. Teologhe, pastore, magistrate, avvocate vogliono cambiare il senso delle regole che ancora escludono le donne dall’amministrazione della giustizia di dio. La parola rimossa di Paolo di Tarso: «Non c’è maschio né femmina perché siete tutti uno in Cristo»

Tutto iniziò nel 2011 con «la rivoluzione è femmina»

Giuliana Sgrena

La partecipazione delle donne alla vita sociale e politica, la loro organizzazione in associazioni estremamente determinate nel conquistare i loro diritti, il protagonismo nella rivoluzione dei gelsomini del 2011 ha dato corpo allo slogan: «la rivoluzione è femmina»

Cultura

Tra i vicoli e le case dell’introvabile N

Claudia Scandura

Giochi d’orientamento nella cartografia immaginaria della letteratura russa. Capitali senza nome: sono un collage fantasioso di quotidianità e tradizioni. Il luogo di provincia è soprattutto quello fissato dallo sguardo dei personaggi

L’Ultima

Angola, repubblica popolare del capitale

Goffredo Adinolfi

Il voto di mercoledì scorso ribadisce il potere assoluto del partito di maggioranza e il modello petrolio più investimenti cinesi, che tutela solo le élite. Ma tra crisi e dissidenza politica il futuro si fa incerto

Sorgente: Prima Pagina – Il Manifesto | Giornalone

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *