Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Pompieri ausiliari provocavano incendi per guadagnare soldi: quindici indagati nel Ragusano – Giornale di Sicilia

gds.it – Pompieri ausiliari provocavano incendi per guadagnare soldi: quindici indagati nel Ragusano.

RAGUSA. Appiccavano il fuoco e simulavano richieste di soccorso al 115 per guadagnare 10 euro l’ora, quanto lo Stato paga i volontari dei Vigili del fuoco. E’ l’accusa contestata dalla polizia di Ragusa a un’intera squadra di 15 pompieri ausiliari indagata per truffa; alcuni di loro rispondono anche di incendio.

Il capo del gruppo è stato arrestato e posto ai domiciliari. Le indagini della Squadra mobile, avviate dopo una segnalazione del comando dei vigili del fuoco, sono state coordinate dalla Procura di Ragusa.

Il gruppo di 15 volontari dei vigili del fuoco era in servizio nel distaccamento di Santa Croce Camerina e, secondo l’accusa, appiccava incendi e lanciava falsi allarmi alla sala operativa del 115 per percepire ingiuste somme di denaro dallo Stato: 10 euro circa per ogni ora in caso di emergenze.

Ragusa, pompieri volontari appiccavano fuoco per soldi: il capo “voleva far scoppiare una bomba”

video – Ragusa, pompieri volontari appiccavano fuoco per soldi…

Dalle indagini della squadra mobile di Ragusa è emerso che il capo del gruppo durante il turno come volontario si assentava, con la complicità dei colleghi, per andare con il suo furgoncino ad appiccare incendi per poi uscire con l’autobotte a spegnere le fiamme e percepire così le indennità.

Le indagini sono state avviate da una segnalazione del Comando provinciale dei vigili del fuoco di Ragusa, che aveva notato delle anomalie sul numero di interventi effettuati da una squadra rispetto alle altre. Ulteriori particolari sull’operazione saranno resi noti durante una conferenza stampa che si terrà alle 10 nella sede della Questura di Ragusa.

Sorgente: Pompieri ausiliari provocavano incendi per guadagnare soldi: quindici indagati nel Ragusano – Giornale di Sicilia

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *