Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Più di 600.000 rifugiati siriani tornano alle loro case nelle città liberate dalla presenza dei terroristi-lantidiplomatico.it

Più di 600.000 siriani, rifugiati interni, sono tornati alle loro case, ha riferito l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM).

Secondo l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, OIM, agenzia dell’ONU, l’84%  di queste persone sfollate all’interno della Siria stessa, mentre il resto è tornato in patria dalla Turchia, Libano, Giordania e Iraq.

La maggior parte di coloro che sono arrivati ??dalla Turchia e Giordania hanno fatto rientro nelle province di Aleppo e Hasakah, si legge nel rapporto.

La Siria soffre partire da marzo 2011 è alle prese con una guerra di aggressione, motivata dagli interessi dell’Occidente e dei suoi alleati regionali per imporre un cambiamento di governo non allineato ai loro interessi, provocando oltre a morte e distruzioni la fuga di milioni di persone.

Negli ultimi mesi, le truppe siriane con il supporto dell&#

39;aviazione russa e delle milizie alleate sono riusciti ad assestare duri colpi ai gruppi terroristici che occupavano alcune zone del Paese.

Secondo l’OIM, il 27% delle persone che sono tornati alle loro case, hanno sostenuto la necessità di proteggere le loro proprietà, mentre il 25% per una migliore sicurezza e situazione economica nelle loro aree di origine.

Per quanto riguarda le province dove la maggior parte siriani sono tornati quest’anno,  l’OIM menziona Aleppo, con circa il 67% (405.000), seguita da quella di Hama (75.000) e Raqqa (45.000).

Inoltre, l’organizzazione nel suo documento sostiene che ci sono altri 800.000 rifugiati prodotti dal conflitto tra gennaio e luglio 2017, senza però specificare da quali zone della Siria abbiano lasciato.

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *