Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Papà del bimbo ucciso: ho bisogno di abbracciare un musulmano | Il Mattino

ilmattino.it – Barcellona, il papà del bimbo ucciso: «Ho bisogno di abbracciare un musulmano» – di Marta Ferraro

ndr – Mica facile dopo aver perso un figlio in un attentato, perdonare e capire… Bon dieu tanto di cappello, grazie – uboot96

Javier Martínez, il padre di Xavi, la vittima più giovane dell’attentato di Barcellona, ha raccontato al giornale spagnolo El Periodico la sua storia con grande dignità, sottolineando con chiarezza che non serba nè rancore nè odio per quanto è accaduto.

Il papà di Xavi afferma: “Grazie a tutti. Sono felice che la Rambla si sia nuovamente popolata e che non c’è timore”.

video – El padre de Xavi el niño de 3 años muerto en la Rambla: “Necesito abrazar a un musulmán”

L’uomo ha ricevuto tantissimi messaggi di vicinanza in questi giorni difficili.
Da poco Javier ha saputo che un agente della Guardia Urbana tentò di rianimare suo figlio con un defibrillatore di una farmacia della Rambla.

Quando si rese conto che non arrivava nessuna autoambulanza, l’uomo caricò il bimbo sull’auto della sua pattuglia e lo trasportò al Centre d’Urgència d’Atenció Primària Peracamps. Per questo Javier ringrazia tutti i corpi di sicurezza.

Nelle parole di Javier, che racconta il suo dramma personale e familiare, non c’è una sola parola di odio: “So che è morto anche un altro bambino. Non ho potuto conoscere i suoi genitori, ma condivido il loro dolore. Con tutti condivido il dolore anche con i familiari dei terroristi.

Lo condivido. Siamo persone. Siamo molte, molte, molte persone. Non sto parlando così perchè sono drogato. Non assumo nessuna droga: parlo così perchè ne ho bisogno. Sto parlando con il cuore”.

Il papà di Xavi desidera che “la morte di suo figlio serva a qualcosa”. Lo dice appellandosi al carattere coraggioso della Catalogna. “Ho bisogno di abbracciare un musulmano. Che questa gente non abbia paura”.
Qualche ora dopo aver pronunciato queste parole, Javier ha stretto in un abbraccio consolatore l’imam supplente di Rubí, Driss Sally.

Sorgente: Papà del bimbo ucciso: ho bisogno di abbracciare un musulmano | Il Mattino

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *