Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Il ministro Delrio: scelte coraggiose o Atac finisce come Alitalia

Roma, 12 ago. (askanews) – Sono necessarie scelte coraggiose o l’Atac rischia la sorte di Alitalia, secondo il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Graziano Delrio. “Il paragone con Alitalia è purtroppo pertinente. Anzi”, afferma il ministro in un’intervista al Messaggero. “La mobilità a Roma, la capitale del nostro Paese, è una questione forse anche più seria e complessa. Il tempo non lavora a favore di chi deve decidere, cioè dell’azionista. Il rischio del dissesto finanziario è reale e, sottolineo, non va sottovalutato. Già due manager hanno lasciato il campo e non vorrei che anche il terzo gettasse la spugna”.Ieri l’Antitrust ha deciso una multa di 3,6 milioni di euro per Ataca a causa delle corse soppresse senza adeguata informazione agli utenti e i radicali italiani hanno depositato in Campidoglio le firme per un referendum consultivo teso alla liberalizzazione dell’azienda di trasporto pubblico della Capitale.Stipendi a rischio per i dipendenti, fornitori che non vengono pagati, ipotesi concordato: “Questi – afferma Delrio – sono i temi sul tavolo. L’azionista deve scegliere in fretta o saranno guai, e lo dico tifando per Roma, facendo scelte gestionali e operative rapide. Noi, come governo, ci siamo, perché si tratta di una questione nazionale. PerÚ ognuno deve assumersi le proprie responsabilitç, io come ministro lo faccio, stessa cosa deve fare chi ha la responsabilità dellíamministrazione capitolina”.Quanto ad Alitalia, “ci sono certamente interessi veri a rilanciare Alitalia e questo è positivo”, afferma Delrio in risposta alla domanda se sia fondata la notizia che ci sarebbero almeno quattro compagnie pronte a rilevare l’azienda quasi nella sua totalità. E’ ottimista? “Vedremo le proposte di piano industriale per il rilancio. Poi potremo essere ottimisti”.Ska

Sorgente: Il ministro Delrio: scelte coraggiose o Atac finisce come Alitalia

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv