Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Migranti. Sgomberi, Viminale pensa all’utilizzo di beni confiscati alla mafia. Vertice con Minniti – Rai News

27 agosto 2017Il Viminale sta mettendo a punto un piano per ricollocare i migranti che vengono allontanati dagli edifici occupati. Per evitare la situazione di caos che si è venuta a creare con lo sgombero di Piazza Indipendenza a Roma – dove decine di persone sono state costrette a dormire in strada – si pensa di utilizzare i beni che vengono confiscati alla criminalità organizzata. Questo uno dei punti che domani verrà affrontato in una riunione al Ministero delll’Interno con la partecipazione del Ministro Marco Minniti. Il Viminale punta inoltre a responsabilizzare Prefetti e Sindaci e a coinvolgere il sociale sulla spinosa questione dei migranti e della loro accoglienza. Con l’utilizzo dei beni confiscati alla mafia, sembrerebbe venir meno l’ipotesi di requisire edifici pubblici vuoti, non praticabile anche da un punto di vista giuridico.Migranti sgomberati in presidio nei pressi del CampidoglioA Roma, vicino a piazza Venezia alcuni migranti hanno organizzato un presidio fino a domani, quando presenteranno richiesta formale per un incontro in Prefettura con il Comune in modo da trovare una soluzione abitativa per le persone sgomberate dato che il Comune di Forano ha votato una mozione per non accoglierli. L’inchiesta intanto procede e si cerca di capire se effettivamente nel palazzo di via Curtatone ci fosse un racket degli alloggi. Sul fronte istituzionale Virginia Raggi parla oggi per la prima volta ad un quotidiano e tramite un’intervista alla Stampa ribadisce alcuni concetti già espressi su Facebook e insiste: sui migranti a sbagliare è il governo, io mi devo occupare principalmente dei romani. Forano: mozione per dire no all’accoglienzaSi era parlato di un comune del reatino, Forano, che avrebbe potuto accogliere una parte dei migranti sgomberati. Il sindaco Marco Cortella aveva detto no e oggi – di domenica – il consiglio comunale ha approvato all’unanimità una mozione presentata proprio da Cortella, nella quale si ribadisce la netta contrarietà al trasferimento di circa 40 rifugiati. La linea è quella del sindaco Raggi: facciamo fatica a garantire i servizi ai nostri cittadini, non li condivideremo con i migranti perchè proprio non possiamo. E con la mozione promettono di “mettere in essere ogni atto amministrativo possibile per contrastare una scelta che peraltro non è stata in alcun modo condivisa con le istituzioni locali o provinciali”. Virginia Raggi alla Stampa: mi devo occupare dei romaniIn una lunga intervista il sindaco di Roma sostiene di avere buoni rapporti con il ministro Minniti (alle accuse del Viminale sulla mancata collaborazione dice “il Viminale è un palazzo molto grande”) ma attacca duramente il governo: manca una politica nazionale per la gestione dei migranti, sostiene, Roma ha troppi migranti non censiti e questo impedisce un’accoglienza di qualità (e non un business di atrocità, come quello scoperchiato da Mafia Capitale). Fermo restando che il Campidoglio – ribadisce – si deve occupare prima dei cittadini romani. Sulla polemica Fico-Di Maio è tranchant: hanno detto la stessa cosa con parole diverse, sono i media che cercano a tutti i costi la divisione. L’inchiesta sul presunto racketLa maggioranza dei rifugiati intervistati da Rainews24 nega che ci fosse un racket dei posti letto ma, ovviamente, le indagini sono in corso. La Digos domani acquisità le ricevute della società che gestival il palazzo di via Curtatone, un primo passo per fare chiarezza sul funzionamento dello stabile occupato dal 2013 e sgomberato il 19 agosto.Il corteo di ieri: 5 mila persone per il diritto alla casa Insieme ai rifugiati di via Curtatone hanno manifestato altri rifugiati, i comitati per l’abitare, altre persone senza casa, italiani e immigrati. Roma era blindata: vietate le bottiglie, vietati i pali per le bandiere, rigido controllo sul percorso stabilito, varchi di accesso controllati. La parola d’ordine era evitare scontri, altri scontri. Il corteo è partito da piazza dell’Esquilino passando per via Cavour e via dei Fori Imperiali, fino a raggiungere piazza della Madonna di Loreto. Le forze di polizia hanno presidiato i luoghi sensibili nell’area del percorso, Palazzo Chigi e il Campidoglio.​Papa: Parolin, video minacce preoccupa, odio insensato”Ho visto ieri quel video che hanno trasmesso in televisione. Evidentemente non può non preoccupare, soprattutto per questo odio insensato'”. Lo dice il cardinale Segretario di Stato Vaticano Pietro Parolin riferendosi al video di minacce al Papa. “Io credo – rileva, arrivando al Meeting di Cl – che in Vaticano non ci sono misure addizionali, per quanto io sappia si continua con lo stesso livello di attenzione e di sicurezza che c’è stato di questi tempi”.Il Viminale riscriverà le linee guida: no sgomberi senza soluzioni pronteIl Viminale è pronto a riscrivere le linee guida per gli sgomberi, da diramare a tutti i prefetti d’Italia. Lo ha anticipato ieri Luigi Manconi, senatore PD e presidente della Commissione Diritti Umani: si può procedere alle o

Sorgente: Migranti. Sgomberi, Viminale pensa all’utilizzo di beni confiscati alla mafia. Vertice con Minniti – Rai News

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *