Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Migranti sgomberati a Roma, Procura indaga su occupazione –  ANSA.it

La Procura di Roma ha aperto un’inchiesta “su quanto avveniva all’interno dell’immobile occupato in via Curtatone a Roma”, sgomberato due giorni fa. In particolare i magistrati intendono fare luce sulle modalità dell’occupazione dopo che nello stabile sono state rinvenute ricevute, forse di “affitti” pagati che farebbero ipotizzare l’esistenza di un racket, e anche un pc usato per confezionare badge da distribuire agli occupanti.

“Le occupazioni verranno liberate man mano che si renderanno disponibili gli alloggi per l’emergenza abitativa da assegnare sulla base del bando speciale”. Questo prevedeva la delibera sul piano emergenza abitativa redatto nell’aprile del 2016 dall’allora prefetto di Roma Tronca. In sostanza si indicava, come avrebbe ora intenzione di fare il ministro dell’Interno Marco Minniti, di procedere agli sgomberi delle occupazioni abitative solo dopo avere individuato soluzioni per l’accoglienza. Il piano prevedeva 16 immobili occupati per i quali era prioritario lo sgombero, tra questi quello di via Curtatone. Immobili, si precisava, “individuati sulla base di criteri di priorità fissati dal tavolo tecnico istituito presso la Prefettura di Roma e stabiliti in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica in quanto pericolanti, interessati da sequestro o causanti danni erariali”, come nel caso di via Curtatone.

“Quelle immagini non possono che provocare sconcerto e dolore, soprattutto dalla violenza che si è manifestata. E la violenza non è accettabile da nessuna parte”: lo dice il segretario di Stato Vaticano Pietro Parolin a margine del Meeting di Cl riferendosi allo sgombero di piazza Indipendenza. “Non dimentichiamo, almeno noi, che queste donne, questi uomini, questi bambini sono in questo istante nostri fratelli. E questa parola, fratelli, traccia una divisione netta tra colori che riconoscono Dio nei poveri e nei bisognosi e coloro che non lo riconoscono”, ha aggiunto Parolin in un passaggio del suo intervento al Meeting di Cl, riferendosi ai migranti.

Il leader M5s Di Maio difende Virginia Raggi e va all’attacco: ‘Non si usi la questione contro di lei che si deve occupare prima di tutto dei romani’. Rincara la sindaca: ‘Abbiamo fatto il nostro dovere, altri no’. La replica della Regione: da maggio silenzio del Comune sui 40 milioni da noi stanziati. I 40 migranti in condizioni di maggior disagio andranno in sei villette nel reatino ma il sindaco di Forano (Pd) ha già detto no. Il funzionario che ieri ha detto ‘spaccategli il braccio’ è lo stesso che fece caricare gli operai della Thyssen. Fico fuori dal coro M5s: contrario alle cariche. Domani in piazza i movimenti per la casa. Il sacerdote che ha portato un gruppo di migranti in piscina: Forza nuova dice di voler ‘controllare’ la messa di domenica; il vescovo: ci sarò anch’io.

Il post della Raggi con la foto ANSA del fotografo Angelo Carconi

Raggi fatto nostro dovere, è scontro – Sgomberati, caricati e dopo otto giorni ancora in cerca di un alloggio. Per la stragrande maggioranza di etiopi e somali che vivevano nel palazzo di otto piani in via Curtatone nel centro di Roma, l’unica certezza sembra essere ancora una volta la strada. Come è certo che oggi è il giorno delle polemiche, il giorno in cui il Campidoglio esce dal silenzio ed attacca gli altri interlocutori che, a suo dire, avrebbero dovuto contribuire a trovare soluzioni. E a farlo è direttamente la sindaca Virginia Raggi dalla sua pagina facebook individua in Regione e Governo i due ‘latitanti’, non dimenticando di lanciare una stilettata alla Prefettura di Roma. L’affondo contro il Campidoglio l’ha lanciato il capo della Polizia Franco Gabrielli: “Due anni fa, da prefetto di Roma, insieme all’allora commissario straordinario Tronca avevamo stabilito una road map per trovare soluzioni alle occupazioni abusive” ma “non ho più avuto contezza di cosa sia accaduto di quel lavoro fatto insieme a Tronca”. E la Raggi replica definendo l’accoglienza in Italia “una vera e propria emergenza” trasformata in “un vergognoso scaricabarile”. Difende quanto fatto: “Il Comune ha compiuto fino in fondo il proprio dovere”, dice, “un dovere che non tutti hanno compiuto. Mi riferisco alla Regione che ha disatteso il decreto legge Minniti che la chiama direttamente in causa”. Secca la replica dalla Regione Lazio: non c’è stata alcuna risposta dal Campidoglio sui fondi stanziati a maggio dall’amministrazione guidata da Nicola Zingaretti per l’emergenza abitativa, ovvero 40 milioni di euro su 161 milioni previsti. E’ soprattutto “l’assenza di una politica nazionale seria” a creare “guerre tra poveri che contrappongono gli stranieri agli italiani”, denuncia ancora la Raggi ricordando che a Roma “ci sono un centinaio di stabili occupati abusivamente” che fanno gola alla “criminalità e ad alcune frange estremiste dei movimenti per la casa” ed per questo è necessario “intervenire per ristabilire la legalità”.

GUARDA LE FOTO ANSA DI ANGELO CARCONI

Si teme la rabbia, corteo sarà blindato – Il capo della Polizia dice che gli scontri di piazza Indipendenza a Roma si potevano evitare ed é un’altra giornata di polemiche sullo sgombero dei rifugiati prima dal palazzo di via Curtatone e poi in modo troppo energico dalle vicine aiuole. Domani sfilerà nella capitale il corteo dei movimenti per la casa, alcuni militanti dei quali – che si definiscono ‘solidali’ – hanno sostenuto la protesta dei migranti. Una manifestazione contro che sarà super sorvegliata dalle forze dell’ordine nel timore di violenze fomentate dalla rabbia amplificata dai social per le immagini di donne colpite con i cannoni ad acqua e del funzionario di polizia che incita a ‘spaccare un braccio’ ai facinorosi. Ad alcuni in rete non é piaciuta nemmeno la carezza dell’agente a una rifugiata. I movimenti protesteranno dalle 16 da piazza Esquilino a piazza Madonna di Loreto, nel centro storico. Al corteo ci saranno anche i rifugiati sgomberati da via Curtatone, quattro dei quali sono stati arrestati, tra loro due donne. La questura ha deciso di predisporre varchi d’accesso con controlli delle forze dell’ordine, transenne, divieto di portare aste, bottiglie di vetro e altri oggetti atti a offendere. Sono attese circa 5 mila persone. Dal primo pomeriggio verranno rimossi veicoli in sosta e secchioni dei rifiuti lungo il percorso.

In particolare i varchi presidiati vengono giudicati dagli organizzatori la manifestazione “una provocazione”. “E’ necessario che le istituzioni aprano un tavolo per trovare una soluzione – dicono i movimenti – non si può affrontare un problema sociale con l’ordine pubblico”. Secondo il presidente Pd della Commissione diritti umani del Senato, Luigi Manconi, il ministro dell’Interno Marco Minniti “non autorizzerà altri sgomberi a Roma senza che vi siano già pronte soluzioni abitative alternative”. Non si placa intanto la polemica sulla mano dura usata dalla polizia ieri in piazza Indipendenza.

Di Maio difende polizia e Raggi ma Fico, non è il mio Stato – Lo sgombero di via Curtatone mette nell’occhio del ciclone la giunta Raggi e riapre le tensioni dentro M5S tra i due possibili candidati premier grillini Luigi Di Maio e Roberto Fico, stavolta sull’uso della forza sui migranti a piazza Indipendenza. Il vicepresidente della Camera difende la sindaca affermando che “si deve occupare dei romani prima che dei migranti” e si schiera anche al fianco dei poliziotti: “Non possiamo vedere scene di guerriglia come quelle di ieri e poi alla fine accusare e mettere sotto inchiesta i poliziotti e la Polizia di Stato per una frase”. Visione agli antipodi di quella del presidente della Vigilanza Rai che non si sente “rappresentato da uno Stato” che carica i rifugiati. La posizione “legalitaria” di Di Maio allinea M5S sulla Lega, da ieri schierata a spada tratta nella difesa della polizia e per una politica di sgomberi contro le occupazioni. “Lo Stato – sostiene il candidato premier in pectore M5S – si deve far rispettare e la polizia ha fatto di tutto per evitare il peggio. Se c’è un immobile occupato abusivamente da migranti rifugiati in Italia è giusto che vada sgombrato”. Sostenendo l’operato delle forze dell’ordine il vicepresidente della Camera appoggia anche le scelte del Comune di Roma, accusato dalla sinistra di non aver cercato soluzioni alternative allo sgombero, nonostante lo stabile fosse occupato da quattro anni. “Prima i romani, poi gli immigrati”, è l’ordine delle priorità di Di Maio per il quale non si può “ancora una volta usare questa questione contro la Raggi”, già al centro di nuove polemiche per l’ennesimo cambio in giunta. Sindaca che si difende sostenendo di aver fatto “il proprio dovere” e contrattaccando la Regione Lazio e “il vergognoso scaricabarile” in atto tra le istituzioni. di loro.

‘Spacca braccio’, nel 2014 caricò operai (VAI)

Sorgente: Migranti sgomberati a Roma, Procura indaga su occupazione – Lazio – ANSA.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *