Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Migranti, Roma blindata: dopo lo sgombero, il corteo dei senza casa. Viminale cambierà regole – Rai News

26 agosto 2017″Quelle immagini non possono che provocare sconcerto e dolore, soprattutto dalla violenza che si manifestata. E la violenza non è accettabile da nessuna parte”: lo dice il segretario di Stato Vaticano Pietro Parolin a margine del Meeting di Cl riferendosi allo sgombero di piazza Indipendenza. “Per questo – sostiene il Cardinale Parolin – credo che, da quello che ho visto e da quello che ho letto, ci sia la possibilità di fare le cose un po’ meglio, fare le cose bene, perchè ci sono le regole. Adesso, per esempio, ho visto che ci sarà questo impegno a trovare per queste persone delle abitazioni alternative prima di arrivare a questi estremi. Io penso che se c’è buona volontà si possono trovare le soluzioni senza arrivare a queste manifestazioni cos spiacevoli”, conclude.​Papa: Parolin, video minacce preoccupa, odio insensato. In Vaticano no misure sicurezza addizionali “Ho visto ieri quel video che hanno trasmesso in televisione. Evidentemente non può non preoccupare, soprattutto per questo odio insensato'”. Lo dice il cardinale Segretario di Stato Vaticano Pietro Parolin riferendosi al video di minacce al Papa. “Io credo – rileva, arrivando al Meeting di Cl – che in Vaticano non ci sono misure addizionali, per quanto io sappia si continua con lo stesso livello di attenzione e di sicurezza che c’è stato di questi tempi”.Procura indaga su occupazione. Ombra racket, forse pagati affitti, si entrava con badge La Procura di Roma ha aperto un’inchiesta “su quanto avveniva all’interno dell’immobile occupato in via Curtatone a Roma”, sgomberato due giorni fa. In particolare i magistrati intendono fare luce sulle modalità dell’occupazione dopo che nello stabile sono state rinvenute ricevute, forse di “affitti” pagati che farebbero ipotizzare l’esistenza di un racket, e anche un pc usato per confezionare badge da distribuire agli occupanti. La manifestazione dalle 16:00 all’EsquilinoI rifugiati sgomberati dallo stabile di via Curtatone manifestano con uno striscione che ribadisce il diritto a cui non vogliono rinunciare: “Il diritto alla casa è senza confini”. Insieme a loro i comitati per l’abitare, altri rifugiati, altre persone senza casa, italiani e immigrati che vogliono schierarsi apertamente contro la guerriglia urbana e politica iniziata il 19 agosto con lo sgombero e mai terminata. Roma è blindata: vietate le bottiglie, vietati i pali per le bandiere, rigido controllo sul percorso stabilito, varchi di accesso controllati. La parola d’ordine è evitare scontri, altri scontri. Il corteo è partito da piazza dell’Esquilino passando per via Cavour e via dei Fori Imperiali, fino a raggiungere piazza della Madonna di Loreto. Le forze di polizia presidiano i luoghi sensibili nell’area del percorso – Palazzo Chigi e il Campidoglio – e devono evitare a tutti i costi che il corteo esca dal tracciato concordato per raggiungere via IV Novembre o piazza Santi Apostoli, dove si trovano persone sgomberate da uno stabile di Cinecittà il 10 agosto. Il Viminale riscriverà le linee guida: no sgomberi senza soluzioni pronteDue giorni dopo gli idranti usati contro i migranti il Viminale è pronto a riscrivere le linee guida per gli sgomberi, da diramare a tutti i prefetti d’Italia. Lo ha anticipato ieri Luigi Manconi, senatore PD e presidente della Commissione Diritti Umani: si può procedere alle operazioni di sgombero – è la sintesi – solo quando sono state già approntate soluzione abitative alternative. L’obiettivo, chiaro, è evitare altre vie Curtatone. Chi sono le persone sgomberateL’occupazione del palazzo di via Curtatone inizia nel 2013: entrano somali ed eritrei, in maggioranza richiedenti asilo e rifugiati. Per la Questura vivevano qui 400 persone, 107 in condizioni di fragilità per cui il Comune deve trovare una soluzione abitativa. Attualmente sono poco più di 50, dei 107 appartenenti a categorie protette, i migranti che hannoaccettato l’assistenza del Campidoglio, più 15 donne e 15 bambini che saranno ospitati da Intersos. Mentre la politica e le istituzioni discutono e si accusano a vicenda, il presidio Baobab per molti degli altri migranti sgomberati, resta l’unica sicurezza seppure a cielo aperto.

Sorgente: Migranti, Roma blindata: dopo lo sgombero, il corteo dei senza casa. Viminale cambierà regole – Rai News

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *