Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

L’automazione nei supermercati mette a rischio il posto di due cassieri su tre

L’automazione è il futuro dei supermercati: sono a rischio due cassieri e addetti alle vendite su tre. Se si allarga lo sguardo all’intera filiera del retail (dalla logistica alla gestione di magazzini e scaffali), va ancora peggio: l’80% degli addetti potrebbe essere sostituita da robot e intelligenza artificiale. Lo afferma un report di Citi e dell’Oxford Martin Programme on Technology and Employment. La ricerca, intitolata Technology at work 3.0, fa parte di una serie di pubblicazioni sull’impatto dell’automazione sul mondo del lavoro.

Negli Stati Uniti sarebbe a rischio, complessivamente, il 47% dei posti. La catena del retail, con una percentuale assai piu’ elevata, è quindi uno dei settori piu’ esposti. Carl Benedikt Frey, condirettore dell’Oxford Martin School, lo dice in modo ancora più brutale: “Il retail è uno dei settori in cui l’occupazione è destinata a scomparire”. Con una dinamica che “colpirà tutte le città e tutte le regioni”. Ne faranno le spese cassieri, magazzinieri, fattorini. Penalizzati da tecnologie, come i centri di smistamento e punti vendita senza casse di Amazon, che garantiscono una produttività maggiore.

L'automazione nei supermercati mette a rischio il posto di due cassieri su tre

Il futuro è dalla parte dei robot

Nella gestione dei magazzini, ad esempio, (al netto delle eccezioni) “più del 90% del lavoro è ancora manuale, ma l’automazione potrebbe moltiplicare la produttività per cinque o per sei”. Ecco perché il futuro è tutto dalla parte dei robot. Con un effetto collaterale (oltre al calo dell’occupazione): la crescita dell’e-commerce richiede enormi centri logistici: il sistema digitale – hanno calcolato di esperti di Citi e Oxford – ha bisogno di uno spazio quadruplo rispetto ai magazzini dei punti vendita tradizionali. Ci sarà quindi un problema di spazio, soprattutto perché i grandi centri urbani non ne hanno molto da offrire. Per quanto il tema sia discusso, continua lo studio, “l’effetto della rivoluzione digitale è ancora tutto da vedere”. Siamo quindi all’inizio. Non solo nei comparti in stato embrionale (i punti vendita senza casse) ma anche in quelli più maturi (come l’e-commerce). Lo dicono i numeri. Nell’ultimo decennio, le vendite attraverso canali digitali sono cresciute (a livello globale) del 20% l’anno. Ma l’e-commerce rappresenta ancora una quota minoritaria del retail mondiale: l’8%.

L'automazione nei supermercati mette a rischio il posto di due cassieri su tre

Un mercato con ancora margini enormi

Ordinare online e ricevere la consegna entro poche ore è già una realtà negli Stati Uniti e in buona parte dell’Europa. Ma, ad esempio, i tempi medi in Brasile sono di nove giorni. Per l’acquisto della spesa quotidiana, la situazione è ancora più difforme: i supermercati (e le consegne) online hanno già toccato il 10% in Corea del Sud, il 7,2% in Giappone, il 6,9% in Gran Bretagna e il 5,3% in Francia. Ma negli Stati Uniti costituiscono l’1,4%. E l’Italia è ferma allo 0,4%. Insomma, il mercato ha ancora margini enormi. Mobile e banda larga, grandi abilitatori dell’automazione nella filiera retail, sono ancora (tutto sommato) poco diffusi. Arriverà poi un’ulteriore spinta dallo sviluppo di sensori, big data, robotica, droni. “Alcune di queste tecnologie – si legge sul report – hanno appena raggiunto una dimensione commerciale e il loro impatto è ancora tutto da verificare”. Il panorama cambierà quando “il costo della tecnologia diminuirà”, dando la possibilità di risparmiare a fronte di “servizi migliori”. A essere penalizzati saranno soprattutto “i mercati dove il costo del lavoro sta aumentando”.

Sorgente: L’automazione nei supermercati mette a rischio il posto di due cassieri su tre

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *