Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

“Dietro il sequestro della nave Ong Iuventa c’è l’estrema destra”

Famiglia Cristiana ipotizza un legame tra l’indagine sulla nave Iuventa dell’Ong tedesca Jugend Rettent e l’operazione anti-migranti dell’estrema destra “Defend Europe”. Lo fa in un articolo dedicato alle indagini sui possibili accordi tra Ong e trafficanti di migranti. Il ruolo di Defend EuropeA dimostrare il collegamento, secondo il settimanale cattolico, è il contatto tra la società di sicurezza privata Imi Security Service di Cristian Ricci – cioè il gruppo di contractor che ha denunciato le “anomalie” della nave Iuventa, facendo aprire il fascicolo della Procura di Trapani – con l’ex ufficiale della Marina militare Gian Marco Concas. Concas sarebbe uno dei portavoce di Generazione identitaria, il gruppo di destra che ha lanciato la campagna Defend Europe contro lo sbarco dei migranti sulle coste italiane. E fatto salpare una nave, la C-Star, per bloccare o ostacolare le navi delle Ong. Il ruolo di Generazione Identitaria”Il nome di Concas è inserito – scrive il settimanale diretto da Antonio Rizzolo – nel gruppo social ufficiale della società che nell’ottobre dello scorso anno inviò prima all’Aise (servizio segreto militare) e poi alla squadra mobile di Trapani la segnalazione sui movimenti ‘sospetti’ della nave dell’Ong tedesca, sequestrata lo scorso 2 agosto dal Gip di Trapani. Il gruppo non è aperto al pubblico, è collegato al sito web ufficiale della Imi e prevede l’approvazione della richiesta di iscrizione da parte degli amministratori.L’elenco degli iscritti è invece liberamente consultabile, e composto da diversi contractor, molti dei quali con esperienze militari attive nel curriculum. In sostanza si tratta dello stesso contesto di provenienza della società di mercenari inglese che ha fornito a Generazione identitaria la nave C-Star, ora in arrivo sulle coste libiche”.

Sorgente: “Dietro il sequestro della nave Ong Iuventa c’è l’estrema destra”

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv