Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Ci vergogniamo di queste immagini-Ex OPG Occupato

ci vergogniamo di queste immagini. bisogna avere davvero uno stomaco forte per consentire quello che è accaduto in piazza indipendenza.premessa necessaria: il 19 agosto la polizia sgombera un palazzo in cui avevano trovato dimora più di 400 persone, molte famiglie, soprattutto di richiedenti asilo eritrei e etiopi. Parliamo di persone che dovrebbero godere della protezione internazionale a causa del loro status di rifugiati.Mercoledì si trova una soluzione provvisoria solo per 100 persone. E le altre che cosa dovrebbero fare? Senza casa e senza un posto a cui rivolgersi, si accampano nei giardinetti vicini.Certo è indecoroso, direbbe qualcuno. Ma di chi è la responsabilità di questa situazione? Guardate cosa dice il direttore di Amnesty International Italia, non certamente un pericoloso estremista: ” Paradossale è la circostanza che lo Stato italiano, concedendo l’asilo politico, abbia deciso di dare protezione a molte di queste persone per poi negare loro, successivamente, ogni forma di assistenza”.Tutto si trascina per giorni, fino all’alba di stamattina. Come decidono di intervenire a Roma? Strutturando un piano per l’emergenza abitativa di queste centinaia di donne, uomini, anziani e bambini? Sedendosi a un tavolo con loro? Nossignore, prendendoli con degli idranti all’alba. Caricando una distesa di corpi in fuga avvolti da coperte ed effetti personali. nell’italia del 2017 pare che a nessuno interessa combattere la povertà e il disagio, ma cancellare i poveri, far sì che non si vedano, che scappino dalle nostre metropoli già orrende, quello lo stanno imparando tutti. li stiamo perseguitando, e a nessuno fa orrore questa cosa. ci indigna, però, se per non farsi pestare mentre dormono, senza motivo, lanciano le cose che hanno in mano a un cordone che si prepara a caricarli.tutta la solidarietà e l’abbraccio fraterno di cui siamo in grado per chi oggi subisce questo poco.

Sorgente: Facebook

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *