Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Caro ministro Delrio, accogliere i migranti non è una grande idea – Tiscali Notizie

di Giuseppe TuraniGià qualche militante Pd chiede apertamente che il ministro Delrio se ne vada a casa. E la stessa cosa chiedono per il ministro Orlando e addirittura per la Boschi. La loro colpa consisterebbe in un eccesso di coscienza umanitaria. In parole più chiare, si iscrivono in quel filone un po’ demenziale e autodistruttivo che vuole accogliere tutti i migrati per la semplice ragione che sarebbe nostro dovere. Il ministro Minniti, che sta cercando di porre qualche argine agli sbarchi, viene dipinto come una specie di orco cattivo, senza cuore. Cosa peraltro anche possibile per uno che ha passato tutta la vita nei servizi e che in un certo senso lavora da sempre nel lato oscuro della nostra vita pubblica.Verso l’autodistruzioneLe anime belle alla Delrio non si rendono conto, travolti come sono dai loro buoni sentimenti e dai sermoni domenicali di qualche prete di provincia, che stanno scientificamente lavorando per la distruzione del Pd, cioè dell’unica forza un po’ progressista del panorama politico italiano. Sugli immigrati il Pd, finora, ha sbagliato praticamente tutto. La sua linea, altamente umanitaria, è sempre stata: salviamo tutti e accogliamo tutti. Nel salvare tutti la Marina Militare italiana è stata eroica e non si capisce perché non le abbiano assegnato il Nobel. Ma questo risale all’epoca in cui i trafficanti di uomini ne mettevano duecento su un barcane destinato al sicuro affondamento in alto mare (tanto avevano già pagato il trasporto).Gli eroi del salvataggioLa nostra Marina scovava questi barconi e salvava i migranti, a volte arrivava tardi e la gente moriva. Ma il più delle volte i salvataggi riuscivano. E la nostra Marina si era attrezzata così bene, che partiva dotata di latte in polvere per i bambini. Una volta realizzato il recupero dei migranti, gli altoparlanti di bordo annunciavano: “Benvenuti. Siete bordo di una nave della Marina Militare italiana. Qui siete al sicuro, non correte più alcun pericolo. I medici si occuperanno di voi, avrete coperte e viveri”. Catia Pellegrino, comandante della nostra Marina (pattugliatore Libra) e veterana di queste operazioni, ha salvato migliaia di migranti e ha dovuto anche imparare a consolare i bambini rimasti orfani in mezzo al mare. Ma questa è la stagione eroica dei salvataggi.Il business dei trafficantiAdesso è cambiato tutto. Il Mediterraneo pullula di navi delle Ong (Organizzazioni non gvernative) e non ci sono più le disperate corse fra le onde alla ricerca di barconi carichi di migranti in pericolo di vita. I trafficanti consegnano direttamente i migranti agli uomini delle Ong e poi se ne tornano a casa. A volte, questo è il sospetto, questo scambio avviene addirittura in acque libiche, a poche miglia dalla costa. Il ministro Minniti ha cercato di porre qualche freno (moderato): ad esempio uomini della polizia giudiziaria italiana a bordo delle navi Ong per controllare che tutto avvenga regolarmente e che queste navi non funzionino semplicemente come autobus del mare.Delrio contro MinnitiChi non accetta questi controlli, non può sbarcare in Italia, dice il regolamento Minniti. Subito aggirato: i migranti delle Ong ribelli sono stati trasbordati, in alto mare, su navi della Guarda costiera italiana (che dipende dal ministero dei trasporti cioè da Delrio) e quindi regolarmente sbarcati in Italia. Delrio sostiene che il nostro dovere è salvare la gente, prima di tutto. Solo che qui non c’era nessuno da salvare. Stavano tutti felicemente a bordo di una nave Ong, che era andata a raccoglierli chissà dove. E, comunque, al di fuori del regolamento Minniti: quei migranti non potevano e non dovevano sbarcare in Italia. Lo hanno fatto grazie al ministro Delrio, il quale sostiene (insieme a altri esponenti Pd, ma non Renzi) che dobbiamo accogliere tutti. Avere il cuore grande significa disastroAccogliere tutti, anche se non ne abbiamo i mezzi e non sappiamo che fare di questa gente. In pratica “l’accogliere tutti” significa solo creare disordine e malcontento nella città italiane, in nome di un’”umanità” che nel suo fanatismo terzomondista rifiuta di fare i conti con la realtà. E rischia di mandare il Pd verso una sconfitta elettorale storica. Ma è inutile cercare di spiegare a questi fanatici che l’emigrazione dall’Africa verso l’Europa (che ha già chiuso le sue frontiere) non può essere gestito dalla sola Italia, il paese più debole del Continente. Avere il cuore grande a volte serve, in questo caso è n disastro.

Sorgente: Caro ministro Delrio, accogliere i migranti non è una grande idea – Tiscali Notizie

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv