Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

L’inchiesta di AP sul Bambin Gesù – Il Post

ilpost.it – L’inchiesta di AP sul Bambin Gesù. Secondo Associated Press nell’ospedale pediatrico di Roma – pagato dall’Italia, gestito dal Vaticano – per anni sono state adottate pratiche scorrette per risparmiare.

Secondo una lunga e documentata inchiesta dell’agenzia di stampa Associated Press (AP), nell’ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma, di proprietà del Vaticano, per anni si sono verificate violazioni dei protocolli sanitari che hanno causato sofferenze immotivate e lesioni a numerosi bambini.

Molti dei problemi, scrive AP, sono stati causati dal tentativo dei manager dell’ospedale di risparmiare il più possibile, così da aumentare i profitti e riportare in attivo i bilanci della struttura.

A che punto è la legge sul fine vita? – video

Due commissioni vaticane si sono occupate di quello che avveniva nell’ospedale: la prima, lunga e approfondita, ha prodotto un rapporto molto critico e documentato. La seconda, che ha operato per pochi giorni, ha sminuito le conclusioni della prima.

Da allora il direttore dell’ospedale si è dimesso e la situazione è per alcuni aspetti migliorata, ma secondo AP e alcuni sindacati dei lavoratori dell’ospedale, all’interno del Bambin Gesù si verificano ancora comportamenti scorretti.

Lo scorso dicembre, durante un’udienza all’interno dell’ospedale con alcuni dipendenti e famiglie di bambini ricoverati, Papa Francesco ha parlato indirettamente della situazione dell’ospedale, mettendo in guardia dal rischio della corruzione e della ricerca del profitto a scapito di ogni altra considerazione.

 AP ha individuato numerosi problemi e mancanze che si sono verificate nell’ospedale.

• Nel 2011 il reparto dove venivano trattati i bambini affetti da tumore è stato colpito da un’infezione di batterio resistente agli antibiotici durata 21 mesi e che ha provocato la morte di otto bambini.

Secondo alcuni esperti contattati da AP, l’infezione avrebbe potuto essere messa sotto controllo in poco tempo. In un altro caso il tribunale di Roma ha condannato l’ospedale a risarcire con 2,2 milioni di euro i genitori di un bambino rimasto paralizzato a causa di un’infezione contratta in ospedale.

• Strumenti sanitari e medicine sono stati usati in modo improprio allo scopo di risparmiare. AP ha scoperto che alcuni aghi ordinati dall’ospedale si spezzavano se usati nelle vene dei pazienti più piccoli.. Antibiotici che bisognava utilizzare nel giro di poche ore venivano invece conservati per giorni.

• Per anni i medici hanno ricevuto pressioni per eseguire un numero molto elevato di interventi.

Questo ha significato praticare interventi possibilmente superflui su malati terminali (il Bambin Gesù riceve un rimborso dallo Stato italiano per ogni intervento effettuato). In alcuni casi ha significato anche accorciare le anestesie dei pazienti, in modo da liberare rapidamente le sale operatorie per effettuare altri interventi.

Secondo AP, fino al 2015, questa pratica ha portato a diversi casi di pazienti che si svegliavano, o arrivavano vicini al risveglio, mentre l’intervento era ancora in corso.

Il Vaticano ha condotto due indagini sull’ospedale Bambin Gesù. La prima fu autorizzata nel 2014 in seguito a numerose segnalazioni avvenute da quando l’ospedale era diretto da Giuseppe Profiti, nominato amministratore nel 2008. AP scrive che la gestione Profiti si concentrava su «aumentare il volume delle operazioni e aprire filiali dell’ospedale nel sud Italia, tagliando contemporaneamente i costi della struttura».

Tra le testimonianze più importanti per l’apertura della prima inchiesta del Vaticano ci fu quella di Coleen MacMahon, un’infermiera specializzata in programmi pediatrici che successivamente venne impiegata nel primo gruppo di indagine. MacMahon ha detto ad AP che la prima volta che entrò in ospedale le condizioni della struttura erano “orribili”.

Dopo aver svolto indagini per mesi e aver ascoltato decine di dipendenti dell’ospedale, la prima commissione concluse che «le anomalie riscontrate sembrano ampiamente diffuse in tutto l’ospedale e, secondo diverse fonti, sono incentivate e ricompensate dall’amministrazione allo scopo di ridurre le spese e incrementare i margini di profitto».

Questa frase è tratta da una bozza della relazione finale che i giornalisti di AP hanno letto. La bozza non è mai stata pubblicata. Una seconda commissione incaricata dal Vaticano svolse un’indagine di pochi giorni e smentì il lavoro della precedente commissione.

I commissari dissero che due delle fonti utilizzate dalla prima commissione erano parziali e poco affidabili. Erano in effetti due dipendenti licenziati e reintegrati da una sentenza di tribunale.

La seconda commissione, però, non interpellò le altre decine di testimoni. Intervistata da AP, la direttrice della seconda commissione ha ammesso di non essere a conoscenza di numerosi episodi denunciati dai critici dell’ospedale, come l’epidemia del 2011 che causò la morte di otto bambini. Anche questo secondo rapporto non fu pubblicato. Pochi mesi dopo Profiti si dimise e oggi dirige una clinica privata.

AP sostiene di aver verificato buona parte della accuse formulate dalla prima commissione, intervistando decine di dipendenti ed ex dipendenti dell’ospedale, oltre a numerosi pazienti e loro familiari.

Secondo alcuni degli intervistati, al Bambin Gesù si praticava un numero eccessivo di interventi, anche complessi e costosi su bambini affetti da cancro in fase terminale. Dalle dimissioni di Profiti il numero di interventi è diminuito dell’8 per cento.

Il Bambin Gesù è una struttura finanziata dallo Stato italiano, anche se tecnicamente è un istituto estero che gode del diritto all’extraterritorialità. L’ospedale non pubblica bilanci né dati precisi sul numero di infezioni e altre complicazioni tra i pazienti.

Nella newsletter interna dei dipendenti dell’ospedale iscritti alla CGIL, uscita nel luglio del 2016, veniva denunciata una serie di problemi ancora presenti: «Dieci anni fa, il pronto soccorso era affollato e lo è ancora. Dieci anni fa i pazienti aspettavano sulle barelle, e lì attendono ancora.

Dieci anni fa, entravi in ospedale con una malattia e ne uscivi con due infezioni, e succede ancora». Nonostante Profiti non sia amministratore dell’ospedale, una serie di raccomandazioni della prima commissione non sono state accolte, scrive AP. Il direttore medico della struttura, per esempio, non è ancora stato sostituito.

Sorgente: L’inchiesta di AP sul Bambin Gesù – Il Post

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense
.