Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Crollo palazzina: individuate tre vittime, ancora 5 dispersi. I vigili: non disperiamo – Rai News

In alcuni punti le travi possono aver creato degli spazi con la presenza di aria e nonostante il caldo le possibilità di sopravvivenza per una persona sono di diversi giorni”Tweet Crolla una palazzina a Torre Annunziata: dentro due famiglie Torre Annunziata, le immagini dei soccorsi dopo il crollo della palazzina Crollo palazzina a Torre Annunziata, le immagini della tragedia

07 luglio 2017

I vigili del fuoco che da questa mattina stanno scavando tra le macerie della palazzina crollata a Torre Annunziata hanno individuato tre vittime. Le prime due salme estratte state trasferite nell’obitorio di Castellammare di Stabia. “Speriamo in un miracolo, scaveremo tutta la notte. Anche se manca l’ufficiliatà, posso purtroppo dire che i primi due corpi estratti dalle macerie dello stabile crollato in via Rampa Nunziante sono l’architetto del comune Gaetano Cuccurullo e la moglie Eddy Laiola”. Queste le parole pronunciate dal sindaco di Torre Annunziata, Vincenzo Ascione, con la voce rotta dalla commozione.Restano quindi 5 le persone delle quali non si hanno notizie a seguito del crollo. Oltre ai nuclei familiari Cuccurullo e Guida, manca all’appello Pina Aprea, una sarta di 65 anni che abitava da sola nella palazzina: non si esclude che sia uscita molto presto da casa. I soccorritori stanno lavorando senza sosta da questa mattina. Sono giunte da Roma alcune squadre che stanno utilizzando delle particolari ‘sonde’ per verificare la presenza di persone sotto le macerie.”Continueremo a scavare senza interruzione, fino a quando non avremo accertato la situazione”. Così l’ingegnere Trantino del Comando provinciale dei vigili del fuoco. “Non possiamo quantificare esattamente le macerie sotto le quali stiamo scavando – ha detto Trantino – ma non disperiamo di poter ancora salvare delle vite. In alcuni punti le travi possono aver creato degli spazi con la presenza di aria e nonostante il caldo le possibilità di sopravvivenza per una persona sono di diversi giorni”. Uno dei cani della Protezione civile ha annusato qualcosa e questo ha prodotto come già altre volte da questa mattina uno stop ai lavori di scavo nel tentativo di avvertire le presenze eventuali voci umane. Purtroppo si è trattato di un falso allarme.Intanto si continua a scavare a mani nude a Torre Annunziata (Napoli) per cercare di recuperare gli otto dispersi. Insieme con le unità cinofile, la Protezione Civile della Regione Campania ha inviato altri 40 volontari delle associazioni vicine. La situazione è complessa a causa del completo sgretolamento dell’ala dell’edificio e per le parti pericolanti che incombono sui soccorritori. In vista della sera, si stanno predisponendo le attività necessarie come l’invio di gruppi elettrogeni e ‘torri faro’.L’ex sindaco: lavori hanno compromesso stabileSecondo l’ex sindaco di Torre Annunziata, Giosuè Starita, a determinare il crollo della palazzina di Rampa Nunziante sarebbe stata la manomissione di una putrella durante i lavori in corso al secondo piano dell’edificio. “Al secondo piano c’era un appartamento vuoto recentemente acquistato. I nuovi proprietari avevano avviato la sostituzione del pavimento. Mi pare probabile che una negligenza tecnica durante questi lavori e la manomissione di una putrella possano avere definitivamente compromesso la statica dell’edificio”. “Si parla di lavori di manutenzione ordinaria – ha aggiunto l’ex sindaco – ma poi magari si faceva altro e si è compiuto qualche errore tecnico”.

Sorgente: Crollo palazzina: individuate tre vittime, ancora 5 dispersi. I vigili: non disperiamo – Rai News

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Adsense
.