Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Uranio impoverito, rivelazione choc: “Munizioni prodotte in Italia”

Più di 300 chili di munizioni all’uranio impoverito, made in Italy, erano conservati, nel 1994, in un deposito della Marina italiana, nel napoletano. E’ quanto ha sostenuto oggi l’ex maresciallo della Guardia di finanza, Giuseppe Carofiglio, nel corso di un’audizione davanti alla Commissione parlamentare di inchiesta sull’uranio impoverito. “Nel 1994 – ha raccontato Carofiglio – presso il deposito della Montagna Spaccata, a Napoli, ho scoperto che nel deposito c’erano una ventina di casse, con sopra il simbolo della radioattività, con dentro 576 munizioni classificate ‘isotopo 238′”. Il maresciallo dopo la scoperta torna nel deposito “con un contatore geyser, un apparecchio non molto sensibile, i cui led però si accesero subito in presenza delle casse”.Il maresciallo informò subito il comando generale. “Di fronte ai miei dubbi da Roma mandarono addetti dell’allora Anpa (l’Agenzia di protezione ambientale) che, senza indossare alcuna protezione, entrarono nel deposito per un sopralluogo. ‘Non c’è da preoccuparsi’, mi dissero, ma viste le casse se ne allontanarono subito. Rilevarono la radioattività e lo scrissero nei verbali. Ma prima di andarsene, ci dissero: ‘basterebbe tenere una sola di queste munizioni sulla scrivania per un anno per ammalarsi di cancro'”.Carofiglio chiede di portare le munizioni in un deposito dell’Esercito, per conservarle in sicurezza, “ma da Roma non vollero sentire ragioni e optarono per ‘smaltire’ tutte le munizioni all’uranio in una esercitazione, che effettivamente ebbe luogo ad agosto del ’94. Dove? Non lo posso dire con certezza, ma allora il poligono di tiro preferito era quello delle acque tra Ponza e Ventotene”.Delle munizioni all’uranio “non ci fu mai carico contabile – ha spiegato Carofiglio – si trattava comunque di munizioni prodotte in Italia, probabilmente destinate a pattugliatori costruiti nei cantieri navali della Spezia e venduti alla Marina irachena, prima dell’embargo”, aggiungendo che “è probabile che in quel deposito o in altri ci siano altre munizioni dello stesso tipo e anche proiettili allo zirconio”.Un racconto, quello di Carofiglio, che smentisce almeno due punti chiave che la Difesa ha più volte ribadito, rispetto all’uso di armi all’uranio impoverito. La prima sul mancato uso di questo tipo di munizioni e la seconda sul fatto che non fossero prodotte in Italia.Perché mi sono deciso a parlarne solo adesso? “Perché c’è una Commissione che mi sembra davvero decisa a fare di tutto per fare emergere la verità sui militari morti o che stanno morendo. E perché quando ho finalmente preso piena coscienza della pericolosità della esposizione a questo tipo di munizioni ho vissuto un periodo davvero difficile, sono stato molto male”, ha spiegato dinanzi alla Commissione Carofiglio.I deputati del MoVimento 5 Stelle in Commissione Giulia Grillo e Gianluca Rizzo parlano di “rivelazione choc che arretra di almeno 6 anni la vicenda uranio impoverito in Italia. E non solo. Per la prima volta, in maniera ufficiale e davanti ai commissari viene rivelato ciò che in tanti sostenevano: e cioè che l’uranio impoverito era in Italia. Nonostante tutte le rassicurazioni arrivate in questi anni da tutti i livelli istituzionali”.”Chiediamo l’immediato intervento delle autorità giudiziarie competenti e lo ribadiremo al presidente Scanu: è più che mai importante agire subito, affinché eventuali prove, anche documentali, che persistano nei depositi di Pozzuoli e presumibilmente di La Spezia non vengano inquinate e si possa ulteriormente acquisire quante più notizie ed informazioni su quanto dichiarato dal maresciallo Carofiglio”.”Se tutto ciò – sottolineano i pentastellati – che egli afferma troverà ulteriori riscontri, sarà necessario riportare indietro di 20 anni anche le eventuali responsabilità politiche e militari di tutti quegli esponenti che hanno sempre negato la presenza di tali munizionamenti in Italia”.In una nota lo Stato maggiore della Difesa precisa che “le Forze Armate, Esercito, Marina e Aeronautica, e i Carabinieri mai hanno acquisito e impiegato munizionamento contenente uranio impoverito. I fatti riportati non rientrano nell’area di responsabilità della Difesa”.”La tipologia di munizionamento in discussione come già più volte dichiarato nel corso degli anni – spiega la nota – mai ha fatto parte dell’arsenale delle Forze Armate e mai è stato utilizzato né sul territorio nazionale, né all’estero”. “In proposito – conclude lo Stato maggiore della Difesa – si rammenta che, a più riprese, su mandato tanto delle Forze Armate quanto delle varie Commissioni parlamentari succedutesi, diverse commissioni tecnico-scientifiche hanno appurato l’assenza, all’interno dei poligoni e delle aree addestrative delle Forze Armate, di valori anomali di uranio impoverito rispetto alla sua usuale presenza in natura”.

Sorgente: Uranio impoverito, rivelazione choc: “Munizioni prodotte in Italia”

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *