Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Trattativa Stato-Mafia, Graviano: stragi del ’93 non furono di Cosa Nostra – Rai News

Il boss parla anche della sua presunta amicizia con Berlusconi: ha vinto le elezioni e mi ha voltato le spalle. Ghedini: mai nessun contatto Berlusconi-Graviano

09 giugno 2017

I pm di Palermo titolari dell’accusa al processo sulla trattativa Stato-mafia hanno depositato una corposa attività integrativa di indagine: si tratta delle intercettazioni ambientali effettuate in carcere tra il boss Giuseppe Graviano e il codetenuto Umberto Adinolfi. Da febbraio del 2016 ad aprile del 2017 Graviano è stato ascoltato dalle microspie. Per i pm le intercettazioni sono rilevanti ai fini del processo. La Procura ha anche chiesto di citare a deporre lo stesso Graviano. “Poi nel ’93 ci sono state altre stragi ma no che era la mafia, loro dicono che era la mafia. Allora il governo ha deciso di allentare il 41 bis, poi è la situazione che hanno levato pure i 450”. Lo dice a un compagno di detenzione, non sapendo di essere intercettato, il boss Giuseppe Graviano alludendo alla decisione, presa nel novembre del ’93, di revocare il carcere duro per 450 mafiosi. Le parole di Graviano sono finite agli atti del processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia e dimostrerebbero, secondo i pm, che tra le condizioni messe da cosa nostra alle istituzioni per fare cessare le stragi c’era un allentamento del carcere duro. Graviano ricorda il suo periodo al 41 bis a Pianosa: “Pure che stavi morendo dovevi uscire e c’era un cordone, tu dovevi passare nel mezzo e correre. Loro buttavano acqua e sapone”. “Andavano alleggerendo del tutto il 41 bis …se non succedeva più niente, non ti toccavano, nel ’93 le cose migliorarono tutto di un colpo”, aggiunge. “Quella notte si sono spaventati, temevano il colpo di Stato e lui se n’e’ andato subito a palazzo Chigi assieme ai suoi vertici (lui e’ l’allora premier Ciampi, ndr). Loro non volevano nemmeno resistere, avevano deciso gia’ di non resistere al colpo di Stato”. Lo dice, riferendosi alla reazione dell’allora premier Ciampi, dopo le bombe di Milano nel luglio del ’93, il boss Giuseppe Graviano, durante un colloquio in carcere con un detenuto che e’ stato intercettato.”Berlusca mi ha chiesto questa cortesia””Berlusca mi ha chiesto questa cortesia… per questo è stata l’urgenza di… come mai questo qua, poi che successe, ero convinto che Berlusconi vinceva le elezioni in Sicilia, Berlusconi…”. E’ quanto dice, senza sapere di essere intercettato, il boss Giuseppe Graviano, detenuto in carcere a un altro detenuto, Umberto Adinolfi, il 10 aprile del 2016. Gli atti delle intercettazioni sono adesso finiti nel dibattimento per la trattativa tra Stato e mafia. Sempre parlando dei suoi presunti rapporti con Berlusconi Graviano aggiunge, alludendo all’intenzione dell’imprenditore di entrare in politica gia’ nel ’92: “Lui voleva scendere pero’ in quel periodo c’erano i vecchi e lui mi ha detto ci vorrebbe una bella cosa”. Frase che i pm interpretano come la necessita’ di un gesto forte in grado di sovvertire l’ordine del Paese.”Berlusconi quando ha iniziato negli anni ’70 ha iniziato con i piedi giusti, mettiamoci la fortuna che si è ritrovato ad essere quello che è. Quando lui si è ritrovato un partito così nel ’94 si è ubriacato e ha detto ‘Non posso dividere quello che ho con chi mi ha aiutato’. Pigliò le distanze e ha fatto il traditore”. “Tu lo sai che mi sono fatto 24 anni, ho la famiglia distrutta … alle buttane glieli dà i soldi ogni mese. Io ti ho aspettato fino adesso … e tu mi stai facendo morire in galera senza che io abbia fatto niente”. “Ti ho portato benessere, 24 anni fa mi arrestano e tu cominci a pugnalarmi”, aggiunge sfogandosi con un altro detenuto. “Al Signor Crasto (cornuto, ndr) gli faccio fare la mala vecchiaia”, dice Graviano sempre alludendo, secondo i pm, a Berlusconi colpevole di averlo abbandonato. “Sa che io non parlo – aggiunge – perché sa il mio carattere e sa le mie capacità …pezzo di crasto che non sei altro, ma vagli a dire com’è che sei al governo, che hai fatto cose vergognose, ingiuste”. Ghedini: mai nessun contatto Berlusconi-Graviano”Dalle intercettazioni ambientali di Giuseppe Graviano, depositate dalla procura di Palermo, composte da migliaia di pagine, corrispondenti a centinaia di ore di captazioni, vengono enucleate poche parole decontestualizzate che si riferirebbero asseritamente al presidente Berlusconi. Tale interpretazione è all’evidenza destituita di ogni fondamento non avendo mai avuto alcun contatto il presidente Berlusconi né diretto né indiretto con il signor Graviano. Ogni illazione in proposito troverà adeguata risposta nelle sedi competenti. Che, del resto, il presidente Berlusconi sia totalmente estraneo a fatti consimili è stato già ampiamente dimostrato in più sedi giudiziarie”. Lo dice l’avvocato Nicolò Ghedini.”È doveroso osservare come ogni qual volta il presidente Berlusconi sia particolarmente impegnato in momenti delicati della vita politica italiana e ancor più quando si sia nella imminenza di scadenze elettorali, si vota

Sorgente: Trattativa Stato-Mafia, Graviano: stragi del ’93 non furono di Cosa Nostra – Rai News

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *