Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Torino, donna si dà fuoco all’Inps: è grave. “Licenziata a gennaio, non ho ancora il sussidio di disoccupazione” – Repubblica.it

Dramma nel quartiere popolare di Barriera Milano. Stamattina ha scritto su Facebook: “Vado all’Inps e li faccio tutti neri, gli cambio i connotati”. L’amarezza del fratello: “Mia sorella vittima di un mondo del lavoro senza regole né solidarietà”

Dramma questa mattina nel quartiere popolare di Barriera Milano a Torino: una donna di 46 anni, residente a Settimo Torinese, nell’hinterland del capoluogo, si è data fuoco davanti agli sportelli dell’ufficio Inps di corso Giulio Cesare 290. Chi l’ha soccorsa è riuscito a spegnere le fiamme prima che potessero ucciderla ma lei è ugualmente in gravi condizioni: è ricoverata nella Rianimazione del Cto con ustioni in particolare a torace, braccia e volto. “Mi hanno licenziata, sono esasperata, non ce la faccio più” ha urlato in mezzo alla gente in fila prima di cospargersi il corpo di alcol e appiccare le fiamme con un accendino.

Torino, disoccupata da 5 mesi e senza sussidio si da fuoco negli uffici dell’Inps

La donna era stata licenziata il 13 gennaio: faceva le pulizie in una birreria di Settimo, il “Befed brew pub” di via Ariosto 36 bis. Un rapporto di lavoro durato dieci anni per un servizio che la birreria aveva poi “esternalizzato”. Risultato: il licenziamento immediato e una vertenza sindacale per ottenere almeno il Tfr. Dopo un primo periodo di malattia la donna aveva chiesto la “Naspi”, l’indennità di disoccupazione. Secondo i primi accertamenti della stessa Inps aveva ricevuto solo i soldi dal 25 maggio in poi, poichè in precedenza non avrebbe consegnato i moduli per la richiesta dell’indennità. All’Inps di Torino è arrivata, dopo il dramma, anche la telefonata del presidente dell’ente previdenziale, Tito Boeri, che ha chiesto chiarimenti sulla vicenda.

Il fratello della disoccupata che si è data fuoco: “Il problema di Concetta? Non riusciva più a sopravvivere”

Stamattina, alle 9, la donna ha pubblicato sul proprio profilo Facebook un messaggio minaccioso: “Che oggi vado al Inps e li faccio tutti neri o viola? Comunque sia gli cambio i connotati E attributi”. Qualche amica le ha risposto cercando di convincerla a calmarsi. Poco prima di mezzogiorno la donna si è messa in coda come tutti gli altri nell’ufficio Inps “Torino Nord” e poi, arrivato il suo turno, ha chiesto all’impiegata a che punto fosse la pratica per la richiesta degli arretrati. E’ nata una discussione, all’improvviso la donna ha tirato fuori dalla borsa due bottigliette di alcol e, stappatane una, si è spruzzata addosso il liquido infiammabile appiccando le fiamme prima che potessero fermarla. “Si è data fuoco qui, in mezzo alle persone che aspettavano il loro turno agli sportelli. Aveva il volto avvolto dalle fiamme, è stato terribile” raccontano i dipendenti dell’ufficio.

Torino, donna si dà fuoco all'Inps: è grave. "Licenziata a gennaio, non ho ancora il sussidio di disoccupazione"

Il post pubblicato stamattina alle 9 da Concetta Candido su Facebook

Un ragazzo in attesa del suo turno ha preso un estintore e ha spento il fuoco ma la quarantaseienne aveva già serie ustioni. E’ stata portata all’ospedale Giovanni Bosco e intubata per essere poi trasferita, vista la gravità delle sue condizioni, al centro Grandi ustionati del Cto: la prognosi è riservata, ha ustioni nel 25 per cento della parte alta del corpo di cui il 10 per cento di terzo grado. La donna dovrà essere riascoltata, se possibile, appena i medici la dichiareranno in condizioni di poter parlare.

Accanto alla barella su cui la donna è arrivata al Cto c’era anche il fratello Giuseppe, che ora sfoga la sua amarezza: “Mia sorella si è ritrovata in un limbo, non risultava nè occupata nè disoccupata – racconta – Era stata licenziata da un giorno all’altro perchè in questo mondo del lavoro che non funziona più la sua azienda ha appaltato il servizio e non ha chiesto di assumere i vecchi dipendenti. Così lei si è trovata senza lavoro, senza Tfr e senza indennità di disoccupazione. Con un affitto da pagare e un compagno disoccupato. Questa mattina ha pubblicato quel post su Facebook in cui diceva che li avrebbe fatti neri. Ma non pensavo certo che avesse in mente questo. È un mondo senza solidarietà. Vorrei ringraziare però quel ragazzo musulmano che mentre gli altri si allontanavano ha preso l’estintore e ha cercato di salvarla”.

“Non solo le misure di protezione sociale sono state ridotte, ma le procedure che rendono le persone un asettico numero di pratica, le lentezze burocratiche e la diminuzione del personale dell’Inps possono lasciare senza soldi, per mesi, coloro che ne hanno diritto”. Lo afferma la Cgil di Torino commentando il “grave gesto” della donna che si è data fuoco negli uffici dell’Inps, a Torino, perché disoccupata. “La signora si era rivolta il 24 gennaio al patronato Inca della Cgil, e solo il 12 giugno l’Inps ha accolto la sua domanda, senza però – ad oggi – avere ancora liquidato quanto dovuto – sostiene il sindacato – Non solo è stata licenziata, ma è stata anche costretta ad avviare una causa per recuperare il pagamento di stipendi arretrati e del Tfr. Invece di grandi proclami sulla riorganizzazione dell’Inps – aggiunge la Cgil di Torino – sarebbe necessario dedicare tempo, risorse e persone, per rispondere alle necessità, in questo caso di sopravvivenza, di chi è in difficoltà, smettendola con i tagli al personale ed alle sedi. La Cgil continua la sua battaglia contro la precarietà sul lavoro, per il rispetto dei diritti e della dignità di ogni lavoratore, per una riforma degli ammortizzatori sociali che sia in grado di dare risposte concrete nella situazione di crisi che stiamo attraversando”.

Sorgente: Torino, donna si dà fuoco all’Inps: è grave. “Licenziata a gennaio, non ho ancora il sussidio di disoccupazione” – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *