Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Renzi: “Non sono ottimista su nuovo accordo”. E apre a Pisapia. Ma lui: “Coalizione? Faccia le primarie” – Repubblica.it

repubblica.it – Renzi: “Non sono ottimista su nuovo accordo”. E apre a Pisapia. Ma lui: “Coalizione? Faccia le primarie”.

Legge elettorale, il segretario del Pd su Facebook. “Il fallimento è tutta colpa di Grillo. Ha tradito noi e i suoi elettori”. Il leader di Campo Progressista: “Aperti al dialogo, no ad alleanze con il centrodestra”   –  di SILVIO BUZZANCA

ROMA – Renzi e la mazzetta dei giornali. Renzi in diretta Facebook che commenta editoriali e notizie. Renzi che smentisce online i retroscena. “Non ho mai detto a Berlusconi che nono controllo i miei.

È falso”, dice. Come è falso che il piano B del segretario del Pd è ancora di andare alle urne presto usando le leggi di risulta delle sentenze della Consulta, aggiustate da una decreto legge del governo e con dimissioni del governo in carica.

Infine il nuovo Renzi interessato al centrosinistra e al rapporto con quelli che stanno alla sua sinistra. Il segretario del Pd fa pensare ad un ripensamento della sua strategia quando commenta il voto britannico: “Corbyn adesso aprirà sicuramente un dibattito nella sinistra europea”.

La replica di Pisapia. L’offerta di Renzi però non riscalda troppi i cuori. “Se davvero vuole la coalizione di centrosinistra, faccia le primarie. Poi vediamo chi le vince”, ha spiegato il fondatore del Campo progressista, Giuliano Pisapia, intervenendo alla festa di Radio Popolare. Per l’ex sindaco di Milano, le primarie sono l’unico modo per avere una coalizione “ampia e unita, che possa governare in futuro”.

“Dopo mesi in cui ci stiamo impegnando nella costruzione di un nuovo centrosinistra – ha affermato Pisapia – radicalmente innovativo, ampio e aperto, in cui siano rappresentate le tante anime dell’ambientalismo, della sinistra, del civismo, dell’associazionismo, del volontariato laico e cattolico, in discontinuità col passato, leggo di una proposta da parte del segretario del Pd quantomeno insolita.

Per di più arrivata poche ore dopo il tentativo fallito della segreteria del Pd di far approvare, con coalizioni diverse, una legge elettorale che avrebbe portato all’ingovernabilità o a larghe intese con la destra”.

L’editoriale Ripartire da un fallimento  di MARIO CALABRESI

“Rimango sempre favorevole al dialogo – ha concluso – ma tenendo fermo il punto che qualsiasi alleanza con il centrodestra è contro i nostri valori, oltre che un inganno agli elettori”.

Rassegna stampa Pd. Durante la diretta Facebook, Renzi è passato poi alla legge elettorale: “Avanti tutta con il governo Gentiloni. Pieno sostegno a questo esecutivo, che in queste ore sta lavorando alle questioni del Paese. Su questo, non accettiamo provocazioni.

Nessuno di noi vuole un decreto”, ha commentato sfogliando i giornali. Giornali pieni di cronache e interpretazioni del voto di ieri alla Camera.

Renzi ha spiegato che “ieri c’è stato un fallimento davvero impressionante della proposta di legge elettorale condivisa dai cinque principali partiti, perché anche Sinistra italiana aveva concorso ad approvare questo testo.

L’ex premier: “Alle urne nel 2018 con Campo Progressistavideo

Visto l’appello del capo dello Stato – ha aggiunto – abbiamo deciso di fare di tutto per provare a fare un accordo sulla legge elettorale, perché accettare il proporzionale tedesco era per noi un sacrificio. Aver accettato quel punto di accordo è stato un fatto giusto, il Pd aveva il dovere di stare nell’accordo e abbiamo fatto bene”.

Renzi poi ha ricordato che c’era un sesto contraente del patto: la Svp, il partito della minoranza tedesca altoatesina, che sarà sempre difesa dal Pd. E ha puntato il dito contro i grillini: “Chi ha preso in giro gli italiani ha un nome e cognome: Beppe Grillo.

Facciamo primarie e vediamo chi le vince” · video

E non v’è chi non veda quanto sia grave quel che è accaduto”.

“I Cinque Stelle – ha continuato il segretario Pd – sono stati inaffidabili come sulle unioni civili e su altre cose. Sono inaffidabili per definizione, hanno la stessa credibilità quando parlano di legge elettorale di quando parlano di vaccini e scie chimiche”.

Sul futuro della legge elettorale, Renzi ha ammesso di “non essere ottimista”. “La legge elettorale c’è, ha bisogno – per qualcuno – di alcuni accorgimenti tecnici. Dobbiamo evitare il fallo di reazione. Se qualcuno arrivasse oggi a dire di fare una legge contro Grillo, sarei il primo a dire che non dobbiamo farlo.

Grillo ha tradito il patto con i propri iscritti al blog. Ha tradito loro, non noi. Vedremo se ci saranno le condizioni di fare una nuova legge con tutti gli altri, ma su questo non sono ottimista”.

Infine Renzi si è occupato del caso Consip: “Vogliamo sapere se qualcuno ha deciso di fabbricare delle prove false contro colui che allora era il presidente del Consiglio, non importa chi fosse. Chi prova a fabbricare prove false contro altri deve risponderne”.

Video Legge elettorale, Grillo: “Abbiamo avuto a che fare con mentitori seriali”

Lo show renziano su Facebook ha toccato tanti altri argomenti. Ma uno ha colpito in particolare: “Sono usciti i dati Istat: 854mila posti di lavoro in più. Sono convinto che si potrà arrivare a un milione. Qualcuno lo ha fatto come slogan, altri lo fanno con i fatti”. Una stoccata a Berlusconi, che sulla legge elettorale vuole continuare a trattare e a provare. E che al momento sembra il suo migliore alleato.

Sorgente: Renzi: “Non sono ottimista su nuovo accordo”. E apre a Pisapia. Ma lui: “Coalizione? Faccia le primarie” – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *