Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Pisa, gioielliere rapinato spara muore uno dei banditi – corrierefiorentino.corriere.it

corrierefiorentino.corriere.it – Pisa, gioielliere rapinato spara muore uno dei banditi.

L’allarme poco prima delle 20 di martedì. Altri due uomini sarebbero fuggiti. I malviventi sarebbero entrati armati, ma non si sa se con pistole vere o meno

ndr – Altro tragico evento che riaccende l’uso – improprio?  – del diritto alla difesa… – m@cwalt

PISA – Un gioielliere, durante una rapina, ha sparato ed ucciso un rapinatore . È accaduto martedì sera a Pisa, in via Battelli, primissima periferia della città, durante l’orario di chiusura quando due uomini, probabilmente entrambi armati, sono entrati all’interno del negozio.

Uno dei due malviventi, secondo una prima ricostruzione, avrebbe estratto la pistola e minacciato la moglie del gioielliere.

Il negoziante, Daniele Ferretti, avrebbe quindi preso la pistola e avrebbe detto di lasciar perdere e di stare calmi. A un certo punto il rapinatore avrebbe sparato alla donna, che per fortuna non è stata colpita. Ma il gioielliere ha risposto al fuoco colpendo l’altro rapinatore.

A questo punto il primo malvivente è scappato assieme a un terzo malvivente, che era fuori dal negozio e stava facendo il palo. L’allarme è scattato poco prima delle 20: secondo le prime testimonianze raccolte, i malviventi sarebbero stati armati ma non è ancora chiaro se le armi fossero vere oppure no.

I precedenti

La gioielleria era già stata rapinata più volte in passato e martedì sera il gioielliere Daniele Ferretti avrebbe reagito e sparato con la pistola che deteneva regolarmente. Sia il gioielliere che la moglie sono stati accompagnati in caserma dai carabinieri e saranno interrogati per ricostruire i dettagli di quanto accaduto.

Sul posto è invece arrivato il sostituto procuratore Paola Rizzo che sta effettuando un sopralluogo all’interno della gioielleria dove a terra si trova il corpo senza vita di uno dei rapinatori.

Il rapinatore avrebbe sparato per primo

Il gioielliere avrebbe risposto al fuoco dei banditi. Lo ha riferito il sostituto procuratore, Paola Rizzo, uscendo dal negozio dopo avere partecipato al sopralluogo della scientifica con il medico legale.

«Da una prima ricostruzione – ha detto – il bandito che poi è riuscito a fuggire ha sparato e a quel punto Ferretti ha reagito sparando a sua volta e ferendo a morte un rapinatore colpendolo a un fianco».

«È presto – ha aggiunto – per fare valutazioni perché adesso dobbiamo interrogare il commerciante anche in virtù degli elementi raccolti». Ferretti ha infatti riferito nell’immediatezza dei fatti di avere reagito in difesa della moglie che era stata minacciata dai malviventi.

Il rapinatore ucciso non è ancora stato identificato, avrebbe 35-40 anni e sarebbe originario dell’est europeo. Secondo gli inquirenti ad agire sarebbero stati due rapinatori e, ha concluso il pubblico ministero, «non abbiamo conferma della presenza di un terzo uomo in fuga».

Salvini: solidarietà. Alemanno: difesa sempre legittima

Immediate le prime reazioni dei politici: «Pisa, poco fa un gioielliere reagisce all’ennesima rapina, spara e uccide uno dei ladri. Solidarietà a Daniele, lavoratore di 69 anni: ha fatto bene!» Così Matteo Salvini, segretario della Lega su Facebook.

Sempre sul social network il commento alla vicenda del segretario del Movimento Nazionale, Gianni Alemanno: «Daniele Ferretti ha difeso la sua gioielleria dall’ennesima rapina, reagendo e sparando al rapinatore. Nessuno si permetta di inquisirlo, la difesa è sempre legittima».

Confcommercio: il gioielliere unica vittima

«Penso che l’unica vittima sia Daniele Ferretti che negli ultimi anni ha subito altre rapine. Questo Paese e questa città devono cambiare perché non è possibile continuare a subire e vivere nella paura».

Lo ha detto Alessandro Trolese vicepresidente vicario di Confcommercio Pisa giunto davanti alla gioielleria subito dopo avere appreso la notizia della tragedia.

Ferretti è un associato a Confcommercio e fa parte del direttivo degli ottici. All’interno del suo negozio è in corso il sopralluogo da parte della scientifica dei carabinieri con il medico legale Marco Di Paolo.

Le analisi sull’auto dei banditi

Una Fiat Panda grigia metallizzata è stata portata via da un carro attrezzi dopo essere stata individuata dai carabinieri in un parcheggio a Pisa antistante la gioielleria. I militari hanno accertato che si tratta dell’auto utilizzata dai malviventi per raggiungere via Battelli, dove si trova la gioielleria. La macchina, targata Asti, risulta essere stata rubata.

foto – Il lancio in Arno delle ceneri di Bargellini

Il veicolo sarà ora sottoposto ad analisi scientifiche per cercare di recuperare reperti utili all’identificazione del bandito rimasto ucciso e dei suoi complici.

Sorgente: Pisa, gioielliere rapinato spara muore uno dei banditi – CorriereFiorentino.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *