Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Perché finora in Italia non ci sono stati attacchi terroristici? – TPI

I primi mesi del 2017, come quelli di tutto il 2016, sono segnati da numerosi attentati, che hanno colpito luoghi vicini e lontani alla nostra penisola, in Francia, Regno Unito, Belgio, Germania.

In molti si chiedono come mai l’Italia sia rimasta finora fuori dagli obiettivi dei gruppi terroristici, nonostante le numerose minacce arrivate attraverso i video di propaganda del sedicente Stato Islamico.

È difficile riuscire a trovare un risposta univoca ed esaustiva, così come è difficile stabilire la portata del pericolo di attentati nel nostro paese. 

Alcuni esperti pensano che la minaccia sia reale: non si tratta più di stabilire se si verificheranno, ma solo di riuscire a prevenirli.

“È sempre più concreto il rischio che alcuni soggetti radicalizzati in casa decidano di non partire verso Siria ed Iraq determinandosi a compiere il jihad direttamente in territorio italiano”, segnalava a febbraio 2017 la relazione annuale dell’intelligence inviata in Parlamento, che parlava di “pronunciata esposizione dell’Italia alle sfide rappresentate dal terrorismo jihadista”.

Ma la domanda resta: perché finora in Italia non ci sono stati attentati terroristici?

Abbiamo analizzato le diverse risposte date da storici, politologi, sociologi ed esperti sul tema.

L’Italia come base logistica

Alcuni sostengono che l’Italia sia un’importante base logistica di transito verso l’Europa dei militanti del sedicente Stato Islamico. 

In Italia si arriva facilmente e non solo sui barconi. Il collegamento con la Grecia è un elemento importante vista la vicinanza con la Turchia e da qui la Siria.

Secondo questa ipotesi, l’Isis ottiene un notevole introito finanziario dal traffico di migranti tra la Libia e le coste della nostra penisola. Per questo le conviene escludere atti terroristici in Italia per operare in condizioni di relativa tranquillità.

Inoltre nel nostro paese è più semplice procurarsi documenti falsi o puliti. Le stamperie illegali gestite da stranieri e italiani forniscono qualsiasi tipo di documento per un clandestino. Questo elemento favorisce gli spostamenti tra i diversi paesi.

È accertato che in passato gruppi armati islamici hanno usato l’Italia come base per la falsificazione di documenti. Nei primi anni Novanta, quando in Algeria esplose la guerra civile, Napoli era il centro di queste falsificazioni.

L’Italia continua a offrire il suo supporto alla causa terroristica soprattutto nella falsificazione di documenti, come evidenziato in una ricerca del Centro studi per l’Islam contemporaneo. Da luglio 2014 a maggio 2016 sono state rubate in Italia quasi cinquemila carte di identità. Le bande criminali rivendono la documentazione a intermediari, che a loro volta la rivendono all’utilizzatore finale.

Oltre ai documenti falsi, l’Italia è anche il luogo ideale dove rifornirsi di armi e munizioni. A inizio 2017, per tre italiani e un libico fu emesso un provvedimento di fermo dalla Dda di Napoli per traffico internazionale di armi che aggirava l’embargo verso Iran e Libia.

Per l’Isis sarebbe strategicamente inutile colpire un paese dove si ha ancora tanta libertà di movimento.

L’efficacia dell’intelligence italiana

Un’altra ipotesi riguarda l’elevata efficacia delle misure antiterroristiche adottate in Italia.

L’intelligence italiana funziona bene perché con il terrorismo ha già avuto a che fare nella sua storia, soprattutto negli anni Ottanta. Le agenzie sono in grado di scongiurare eventuali attentati su larga scala.

Nella prima metà degli anni Duemila, le difficoltà internazionali di al-Qaeda e le efficaci operazioni dell’antiterrorismo italiano portarono allo smantellamento delle principali reti di reclutamento e finanziamento del jihad.

Inoltre, in Italia, rispetto ad altri paesi, vi è stato un uso esteso delle espulsioni in via amministrativa di soggetti stranieri sospettati di terrorismo. 

A inizio marzo 2017, il numero di espulsioni come prevenzione antiterrorismo era di 16 persone, mentre sono 148 da gennaio 2015. Sedici espulsi in due mesi sono una media sensibilmente più alta degli anni scorsi che mostra come gli investigatori puntino ad allontanare chiunque si dimostri potenzialmente pericoloso.

Secondo lo studio Foreign fighters italiani. Indicatori di rischio e prevenzione pubblicato dal governo il 25 gennaio 2017, esiste una zona d’ombra rappresentata da individui, luoghi e situazioni che sono costantemente monitorati dall’apparato di intelligence e dalle forze di polizia.

Circa 1.200 siti di interesse e 300 individui sono attenzionati; luoghi di culto e centri culturali, ma anche prigioni, negozi, ristoranti, internet point sono sotto esame in quanto luoghi di aggregazione a rischio di proselitismo jihadista.

La poca radicalizzazione

Un altro elemento da considerare è che in Italia non c’è una comunità musulmana radicata da generazioni come in Belgio, Regno Unito e Francia. Un potenziale terrorista dell’Isis che viene dall’estero avrebbe più difficoltà a ricevere aiuto e una base d’appoggio.

Nel nostro paese sono poche – o comunque meno rispetto agli altri paesi – le aree urbane e suburbane degradate e a forte concentrazione islamica, che possono favorire la radicalizzazione e l’adesione al jihadismo.

Fino a oggi non sono emersi referenti attivi sul web – persone in grado di ispirare e guidare, anche da remoto, gli affiliati. In Belgio, Francia e Germania le segnalazioni sono state più numerose. Ci sono però indicazioni che qualcosa sta crescendo, così come è in aumento il materiale di propaganda in italiano.

Il pericolo reale deriva dai detenuti all’interno delle carceri. Secondo i dati del 13esimo rapporto Antigone sono 365 quelli sui quali si concentrano timori di radicalizzazione  e sono suddivisi in tre categorie: segnalati (124 persone), attenzionati (76) e monitorati (165).

Tra i monitorati, sono conteggiate anche le 44 persone che sono incarcerate con l’accusa di terrorismo internazionale nelle sezioni di alta sicurezza.

Mancanza di gruppi organizzati

Gli attentati finora rivendicati dallo Stato Islamico non sono stati tutti pianificati e diretti dal gruppo.

Alcuni sono stati compiuti da quelli che sono definiti lupi solitari, persone che agiscono in autonomia e per propria volontà; che si sono radicalizzate con il materiale di propaganda diffuso su internet ispirandosi all’ideologia jihadista dello Stato Islamico.

Finora l’intelligence italiana ha ritenuto più probabili in Italia gli attentati dei lupi solitari, anche se non si possono escludere del tutto attacchi più organizzati.

A questa tipologia si sono aggiunti i foreign fighters (FTF), persone tornate a casa dopo aver ricevuto addestramento militare in Siria, Iraq o Libia.

Il fenomeno dei FTF ha avuto finora un impatto minore sulla nostra società, specialmente se confrontato con le stime ufficiali di altri paesi dell’Europa occidentale10. In passato, l’Italia è stata utilizzata dal movimento jihadista mondiale principalmente come base logistica e la composizione della rete dei mujaheddin italiani è sempre stata fluida e variegata.

L’assurda tesi sul ruolo della mafia

C’è un’altra ipotesi che circola da anni, secondo cui sarebbe la mafia a tutelarci da eventuali attacchi terroristici. Potenziali attentati possono essere condotti solo da Napoli in su: dal capoluogo partenopeo in giù la presenza delle organizzazioni criminali che controllano il territorio non permette infiltrazioni.

Camorra, ‘Ndrangheta e Cosa Nostra possono guadagnare dal loro passaggio sul territorio ma sanno che la presenza in loco di questi soggetti li può solo danneggiare. E viceversa.

Gli stessi terroristi sanno che il controllo sul territorio esercitato dai vertici mafiosi rischierebbe di farli entrare nel mirino degli investigatori. Preferiscono stipulare accordi e restare nell’anonimato senza interventi vistosi.

Ma l’Isis ha davvero paura delle mafie italiane, tanto da evitare i luoghi in cui si annidano, dunque soprattutto Sicilia, Campania, Calabria?

Questa ipotesi è stata più volte smontata dall’intelligence italiana. Per i servizi segreti è assurdo basare la sicurezza nazionale sul fatto che mafia, camorra, ndrangheta siano d’ostacolo ai terroristi nel Meridione.

Al contrario, se si vuole accostare la criminalità organizzata italiana al terrorismo internazionale, si dovrebbe parlare di più della convergenza nei traffici criminali e negli specifici interessi economici.

 

Sorgente: Perché finora in Italia non ci sono stati attacchi terroristici? – TPI

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *