Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Nutella, vince Ferrero: stop alla campagna contro l’olio di palma

Ferrero vince la battaglia legale contro Delhaize per la Nutella. La Corte d’appello di Bruxelles ha dato ragione al gruppo di Alba, capovolgendo la sentenza di primo grado, ed ha ordinato al gruppo della grande distribuzione belga di cessare la campagna sulla cioccolata spalmabile certificata «senza olio di palma». Ferrero accusava la campagna della società belga di essere «menzognera, ingannevole, e denigratoria» verso Nutella, che appunto, contiene olio di palma.

LE PENE
La nona camera della Corte d’appello di Bruxelles ha ordinato al gruppo Delhaize di interrompere la sua strategia di comunicazione sul cioccolato «senza olio di palma», pena sanzioni di 25 mila euro a violazione, fino ad un tetto massimo di un milione di euro.

La Corte belga ha invertito la decisione presa dai giudici di primo grado nel 2015, che invece dava ragione al gruppo Delhaize. Nella sentenza di circa 70 pagine, i giudici affermano infatti che Delhaize ha reso dichiarazioni comparative illegali perché non verificabili e quindi non obiettive. Secondo i giudici della Corte d’appello belga, Delhaize facendo credere che la propria cioccolata spalmabile fosse migliore per la salute poiché priva di olio di palma, ha in realtà alterato il comportamento del consumatore.

SALUTE E AMBIENTE
Nel ricordare come la Corte belga abbia «accolto la maggior parte degli argomenti addotti» da Ferrero, il gruppo italiano sottolinea in una nota come i giudici abbiano «confermato che è illegale dire che un prodotto senza olio di palma sia migliore de facto per la salute o l’ambiente rispetto a un prodotto contenente olio di palma».
Il gruppo evidenzia inoltre, che Ferrero viene «regolarmente citato come esempio da Greenpeace e Wwf per il suo impegno per l’olio di palma sostenibile e la lotta contro la deforestazione». La decisione della Corte d’appello di Bruxelles, conclude la nota del gruppo italiano, «contribuirà ad una corretta informazione dei consumatori belgi».
La vittoria in tribunale rafforza ancora di più la leadership di Ferrero nel settore dei prodotti dolciari. Il gruppo di Alba, fondato da Pietro Ferrero nel 1946, fattura quasi 10 miliardi di euro e ha oltre 33 mila dipendenti sparsi in tutto il mondo. I prodotti della Ferrero (merendine, praline, cioccolate, dolci) sono presenti direttamente o tramite distributori autorizzati in oltre 160 Paesi.

La Nutella è stata creata nell’aprile del 1964: il nome deriva dal sostantivo nut, che in inglese significa noce e il suffisso italiano ella che è servito per ottenere un nome orecchiabile. Oggi la Nutella è la crema spalmabile più diffusa al mondo con una produzione di 350 mila tonnellate all’anno con 9 fabbriche distribuite in tutti i continenti. Anche gli ingredienti utilizzati per produrre la Nutella provengono da diverse parti del mondo.

ha ordinato al gruppo Delhaize di interrompere la sua strategia di comunicazione sul cioccolato «senza olio di palma», pena sanzioni di 25 mila euro a violazione, fino ad un tetto massimo di un milione di euro.

La Corte belga ha invertito la decisione presa dai giudici di primo grado nel 2015, che invece dava ragione al gruppo Delhaize. Nella sentenza di circa 70 pagine, i giudici affermano infatti che Delhaize ha reso dichiarazioni comparative illegali perché non verificabili e quindi non obiettive. Secondo i giudici della Corte d’appello belga, Delhaize facendo credere che la propria cioccolata spalmabile fosse migliore per la salute poiché priva di olio di palma, ha in realtà alterato il comportamento del consumatore.

SALUTE E AMBIENTE
Nel ricordare come la Corte belga abbia «accolto la maggior parte degli argomenti addotti» da Ferrero, il gruppo italiano sottolinea in una nota come i giudici abbiano «confermato che è illegale dire che un prodotto senza olio di palma sia migliore de facto per la salute o l’ambiente rispetto a un prodotto contenente olio di palma».
Il gruppo evidenzia inoltre, che Ferrero viene «regolarmente citato come esempio da Greenpeace e Wwf per il suo impegno per l’olio di palma sostenibile e la lotta contro la deforestazione». La decisione della Corte d’appello di Bruxelles, conclude la nota del gruppo italiano, «contribuirà ad una corretta informazione dei consumatori belgi».
La vittoria in tribunale rafforza ancora di più la leadership di Ferrero nel settore dei prodotti dolciari. Il gruppo di Alba, fondato da Pietro Ferrero nel 1946, fattura quasi 10 miliardi di euro e ha oltre 33 mila dipendenti sparsi in tutto il mondo. I prodotti della Ferrero (merendine, praline, cioccolate, dolci) sono presenti direttamente o tramite distributori autorizzati in oltre 160 Paesi.

La Nutella è stata creata nell’aprile del 1964: il nome deriva dal sostantivo nut, che in inglese significa noce e il suffisso italiano ella che è servito per ottenere un nome orecchiabile. Oggi la Nutella è la crema spalmabile più diffusa al mondo con una produzione di 350 mila tonnellate all’anno con 9 fabbriche distribuite in tutti i continenti. Anche gli ingredienti utilizzati per produrre la Nutella provengono da diverse parti del mondo.

Sorgente: Nutella, vince Ferrero: stop alla campagna contro l’olio di palma

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *