Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Malattia, maternità, bandi pubblici: cosa cambia da oggi per le partite Iva – ilsole24ore.com

ilsole24ore.com – Malattia, maternità, bandi pubblici: cosa cambia da oggi per le partite Iva. Diventa operativo il Jobs Act autonomi (legge 81/2017) dopo la pubblicazione in «Gazzetta Ufficiale» e arrivano da subito più tutele per freelance e professionisti: dal riconoscimento della malattia alla maternità, senza dimenticare il problema dei mancati pagamenti – –di

1/5 Partite Iva / malattia a casa «equiparata» a quella in ospedale

Il Jobs act autonomi entra finalmente in vigore. Scattano da mercoledì 14 giugno molte delle tutele previste dalla legge 81/2017 dopo la pubblicazione in «Gazzetta Ufficiale». A cominciare dalla malattia. Sono due le principali novità da segnalare.

Da un lato, per gli iscritti alla gestione separata che versano lo 0,72% aggiuntivo, la malattia domiciliare viene equiparata a degenza ospedaliera nel caso in cui venga certificata come conseguente a trattamenti terapeutici di malattie oncologiche, di gravi patologie cronico-degenerative con un progressivo aggravarsi o che comunque comportino una inabilità lavorativa temporanea del 100 per cento.

L’effetto pratico è che l’indennità raddoppia e durerà fino a un massimo di 180 giorni. Dall’altro lato, in caso di malattia o infortunio di gravità tale da impedire il lavoro per oltre 60 giorni, il versamento dei contributi previdenziali e dei premi assicurativi sarà sospeso per tutta la malattia fino a un massimo di due anni. Altra agevolazione è rappresentata dal fatto che il versamento “congelato” potrà essere dilazionato in un numero di rate mensili pari a tre volte i mesi di sospensione.

2/5 Partite Iva / maternità anche senza astensione da lavoro

Nuove tutele per le professioniste e freelance future mamme che potranno accedere alla indennità di maternità anche senza astensione dal lavoro a differenza di quanto avveniva in precedenza in cui era richiesta un’astensione complessivamente di cinque mesi tra prima e dopo il parto. Una misura – quella appena introdotta – che riguarda tutte le lavoratrici autonome iscritte alla Gestione separata previdenziale e che versano lo 0,72% aggiuntivo rispetto alla contribuzione pensionistica.

3/5 Partite Iva / congedi parentali

Fino a sei 6 mesi di congedo parentale entro i primi tre anni di vita del bambino. Il limite previsto dalla legge 81/2017 [inserire url: http://www.ilsole24ore.com/pdf2010/Editrice/ILSOLE24ORE/ILSOLE24ORE/Online/_Oggetti_Embedded/Documenti/2017/06/13/legge_81_2017.pdf] si applica alla somma dei congedi dei due genitori, anche se uno è in un’altra gestione o cassa di previdenza.

È necessario però che risultino accreditate almeno tre mensilità della predetta contribuzione maggiorata nei dodici mesi precedenti l’inizio del periodo indennizzabile. Il trattamento economico per i periodi di congedo parentale fruiti entro il primo anno di vita del bambino è corrisposto, a prescindere dal requisito contributivo, anche alle lavoratrici ed ai lavoratori che abbiano titolo all’indennità di maternità o paternità.

 

 

4/5 Partite Iva / partecipazione ai bandi pubblici

Il Jobs act autonomi prova ad aprire più occasioni professionali e stabilisce che le amministrazioni pubbliche promuovono, in qualità di stazioni appaltanti, la partecipazione dei lavoratori autonomi agli appalti pubblici o ai bandi per l’assegnazione di incarichi personali di consulenza o ricerca, in particolare favorendo il loro accesso alle informazioni relative alle gare pubbliche, anche attraverso gli sportelli dedicati al lavoro autonomo di cui devono dotarsi i centri per l’impiego e gli organismi autorizzati alle attività di intermediazione del lavoro.

5/5 Partite Iva / le reti di professionisti e di imprese

L’unione fa la forza, si sa. Ecco perché la legge 81/2017 consente ai professionisti per favorire la partecipazione ai bandi e concorrere all’assegnazione di incarichi e appalti privati di creare reti tra professionisti o di partecipare a reti di imprese, in forma di reti miste, o consorzi stabili professionali o associazioni temporanee professionali.

Sorgente: Il Sole 24 ORE

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *