Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Legge elettorale, in Aula franchi tiratori in azione. Grillo: “Ultima parola sarà degli iscritti” – Repubblica.it

repubblica.it – Legge elettorale, in Aula franchi tiratori in azione. Grillo: “Ultima parola sarà degli iscritti”.

Patto Pd-M5s-Fi-Lega alla prova dei voti segreti. Renzi: “Grillini cambiano idea in due giorni”. Il leader del Movimento: “Siamo in fossa serpenti”.

Su un centinaio dei 209 emendamenti i centristi e Mdp, contrari alla riforma, chiedono il voto ‘anonimo’. Alfano: “No a impazienza Renzi contro bene di tutti”

ROMA – Cento ostacoli per il primo sì alla legge elettorale. I piccoli partiti che osteggiano il patto a quattro sulla riforma in chiave “tedesca” riescono a strappare cento votazioni segrete su altranti emendamenti. Sono 209 quelli depositati che da oggi sono messi in votazione nell’aula di Montecitorio, dopo la discussione generale svolta in un emiciclo semideserto. Sarà una corsa contro il tempo: il Partito Democratico ha fatto sapere che sarebbe disponibile ad accogliere la richiesta dei Movimento 5 Stelle di fissare il voto finale sulla legge elettorale lunedì 12 giugno. Una data che ha fatto scattare la voce di un rinvio: “Nel nostro programma abbiamo chiaramente scritto che i giorni di Aula” dedicati alla legge elettorale “erano il 6,7 e 8 giugno e nella settimana successiva per un eventuale seguito dell’esame della legge elettorale ove esso non sia stato già concluso. È scritto tutto. Non emerge nulla che andrebbe contro la capigruppo”, ha precisato la presidente della Camera Laura Boldrini.Si parte col voto sulle questioni pregiudiziali opposte da centristi e Mdp, poi via con gli emendamenti.

Franchi tiratori in azione. E già al primo voto si registra il primo ‘caso’:  “Nelle pregiudiziali ci sono stati 100 voti in meno rispetto alla sommatoria dei 4 gruppi, vi ricordo cosa accadde quando furono 101…”. ha detto il capogruppo dem Ettore Rosato all’assemblea del Pd alla Camera. “Sono sicuro – ha aggiunto – che saranno importanti i primi voti, noi abbiamo la responsabilità di tenere duro fino in fondo”. A conti fatti e al netto dei deputati in missione, alla maggioranza che sostiene la riforma della legge elettorale, sono mancati 66 voti sulle pregiudiziali, a quanto risulta dalla lettura dei tabulati della votazione segreta.

Ancora di più i franchi tiratori al secondo voto segreto: un emendamento di Domenico Menorello (Ci) con il parere contrario del relatore è stato respinto a scrutinio segreto con 220 sì, 317 no e un astenuto.

Voto segreto mette a rischio il patto. Sebbene il fronte di Pd, Forza Italia, Cinque stelle, Lega e Sinistra italiana cerchi di restare compatto, i franchi tiratori annidati negli stessi gruppi dei leader che hanno siglato l’accordo e scritto la legge sembrano materializzarsi nel segreto dell’urna della Camera, costringendo a sostanziali o parziali modifiche del testo.

 RadaR / Giannini Benvenuti alla Lotteria Italia
Rep tv Bersani: “Campagna ad agosto? Ci tireranno i secchielli”

Sono un centinaio le votazioni segrete chieste, come prevede il regolamento di Montecitorio, da trenta deputati o da uno o più presidenti di gruppi che rappresentino appunto almeno quel numero di parlamentari.

Nessun voto segreto chiesto da M5s, precisa il deputato Danilo Toninelli: “Il Movimento 5 Stelle non ha la volontà di affossare la legge. Vuole votare di fronte agli italiani questa legge elettorale e le migliorie che ritiene importanti”.

Grillo in difficoltà: “Nuove votazioni online per iscritti M5s”. Intanto M5s annuncia sul blog di Beppe Grillo di lavorare a modifiche, soprattutto per il voto disgiunto, dicendo che la legge che uscirà dal dibattito in Parlamento dovrà essere rivotata dagli iscritti. Una mossa che mette a rischio il patto: “Oggi sono iniziate alla Camera le votazioni sulla legge elettorale.

“Abbiamo già ottenuto importanti risultati come la cancellazione delle pluricandidature e dei capilista bloccati”. Il parere degli iscritti al Movimento è vincolante: se dovessero esprimere un voto contrario, l’accordo col Pd salta? “Mi pare ovvio…”, ha risposto senza dubbi Roberto Fico, capogruppo M5S a Montecitorio.

Bocciato emendamento su voto disgiunto. Il voto disgiunto, però, incassa la bocciatura dell’Aula della Camera, che dice no all’emendamento di Mdp. M5s si è astenuto, provocando polemiche da parte dei gruppi che hanno sostenuto l’emendamento.

“M5s è a favore del voto disgiunto, ma non di emendamenti fatti per affossare tutto”, ha spiegato Toninelli, che ha osservato come l’emendamento Mdp introduceva anche altri elementi nel testo. I no sono stati 322, i sì 124 e gli astenuti 82.

Il MoVimento vuole la legge elettorale e il voto.
Gli iscritti saranno chiamati a ratificare il testo finale: questo è il nostro metodo!

A cercare di attutire gli scricchiolii dell’accordo poco dopo ancora Grillo su Twitter: “Il Movimento vuole la legge elettorale e il voto. Gli iscritti saranno chiamati a ratificare il testo finale: questo è il nostro metodo!”, come a voler sottolineare che la parola data alla base M5s è più una questione di procedura.

Il ‘balletto’ M5s provoca la reazione del segretario Pd, Matteo Renzi: “I grillini cambiano idea sulla legge elettorale che loro stessi hanno voluto e votato. Sono passati due giorni e già hanno cambiato posizione? Due giorni!”, scrive in un post su Instagram. Immediata la replica di Fico: il M5s ha già cambiato idea sulla legge elettorale? “Noi siamo in Aula a votare”,
E se il Pd non vi dà il voto disgiunto e le preferenze? “lo vedremo in Aula”, ha risposto.

Su Twitter respinge le accuse anche Toninelli: “Su legge elettorale nessuna giravolta: decidono gli iscritti. Invece Renzi terrà i suoi nel voto segreto o torneranno i 101 franchi tiratori?”.

Ma in serata è il leader del Movimento ad alzare i toni: “Sulla legge elettorale noi saremo quelli falsi? Non voglio dire niente, giudicate voi. Possiamo essere incompetenti, ma mai falsi. Oggi siamo in una fossa dei serpenti, loro hanno i franchi tiratori, loro vogliono fare affossare la legge”, ha detto Beppe Grillo nel corso di un comizio a Palermo.

Simulazione Demopolis:  con il ‘tedesco’ nessuna maggioranza, nemmeno Pd-Fi

Ultimatum Pd. Rosato è stato perentorio ad apertura dell’assemblea dei deputati dem: o i quattro partiti votano compatti sulla riforma elettorale o il Pd tornerà alla sua proposta, il Rosatellum.

E più tardi, sulla scelta di Grillo di dare l’ultima parola agli iscritti, dice che il Partito democratico, rispettando le procedure interne al Movimento, è disposto “a venire incontro a questa esigenza”, pertanto “si voterano tutti gli emendamenti e gli articoli della riforma elettorale in questi giorni, ma il voto finale, se la presidente della Camera sarà d’accordo, si farà lunedì”.

Ma lancia un monito: “Avvertiamo però che o il testo è quello concordato dai 4 partiti oppure non c’è blog che tenga, fuori da quel testo non c’è la possibilità di fare la legge elettorale.

Ricordo infatti che il Pd ha fatto i passi più lunghi per scrivere le regole insieme, perciò non accettiamo atteggiamenti di preponderanza da parte di nessuno – chiarisce Rosato – non è che il blog condiziona il Parlamento, il blog condiziona il voto finale dei 5 stelle”.

Anche l’area Orlando mette le mani avanti: “Le regole devono valere per tutti. Lealtà da parte nostra se i 4 contraenti rispettano i patti”, il senso degli interventi degli orlandiani. Se M5S non ritira i suoi emendamenti, salta l’accordo e “per noi -si spiega- non c’è più vincolo di maggioranza Pd”.

Alfano frena Renzi: “No a impazienza contro bene di tutti”. “Renzi ha governato la sesta potenza del mondo per tre anni. Ha alle spalle 13 anni di potere e gli chiediamo di fare l’uomo di Stato.

Gli chiediamo di non mettere l’impazienza di uno contro il bene di tutti”: il ministro degli Affari esteri e leader di Ap, Angelino Alfano, durante la registrazione di Porta a Porta, torna a invitare il segretario Pd a non avere fretta del voto: “Se si vota tra qualche mese, invece che a settembre-ottobre non casca il mondo”. Poi aggiunge: “Con questa legge elettorale, Renzi ci sta facendo una cortesia, spingendo il processo di creazione di un nuovo soggetto politico di centro. Questa fase porterebbe alla fine della seconda Repubblica e l’inizio della Terza”.

Il ministro non risparmia critiche al segretario Pd Matteo Renzi, accusato di aver “buttato un lavoro politico fatto insieme in questi anni”. “Ho sbagliato. Dopo tanti anni, tante
riforme fatte assieme, non pensavo arrivasse a fare a me quello che aveva già fatto agli altri. E che io non avrei mai fatto a nessuno”, dice il leader di Ap, che però non si sente ‘tradito’. “In politica queste cose ci stanno, ma sento – aggiunge – di aver sbagliato”.

Legge elettorale, in Aula franchi tiratori in azione. Grillo: "Ultima parola sarà degli iscritti"

Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo

Voto anticipato, Calenda dice ‘no’. Intanto, al fronte contrario al voto anticipato in autunno si iscrive anche il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda: “Penso che le elezioni a settembre siano un errore perchè questo Paese ha bisogno di un pò di calma, far finire le riforme che non derivano da me ma dal governo Renzi, di fare una Finanziaria seria, finire di mettere a posto la questione delle banche che è una questione complessa e di fare una legge elettorale che ci riporti indietro nel tempo. Il rischio per il Paese è serio”.

Sorgente: Legge elettorale, in Aula franchi tiratori in azione. Grillo: “Ultima parola sarà degli iscritti” – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *