Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Le elezioni nel Regno Unito, in 5 minuti – Il Post

ilpost.it – Le elezioni nel Regno Unito, in 5 minuti. Una guida per chi va di fretta: chi sono i candidati, cosa dicono i sondaggi e cosa aspettarci.

Giovedì 8 giugno nel Regno Unito si andrà a votare per rinnovare tutti i 650 membri della Camera dei comuni, l’unica elettiva nel sistema bicamerale britannico. Se vi sembra di ricordare che ci sono appena state delle elezioni nel Regno Unito, non sbagliate: l’ultima volta si è votato nel 2015, ma l’attuale prima ministra Theresa May, del Partito Conservatore, ha indetto ad aprile elezioni anticipate, motivandole con la necessità di dare al paese una nuova e più stabile leadership in vista dell’inizio dei negoziati per Brexit.

In quel momento, circa due mesi fa, i Conservatori erano avanti di 20 punti nei sondaggi e sui giornali si parlava solo di quanto ampia sarebbe stata la loro nuova maggioranza: ora le cose sono cambiate, May ha fatto una pessima campagna elettorale e il Partito Laburista guidato da Jeremy Corbyn ha rimontato molto secondo i sondaggi, rendendo tutto più incerto e interessante.

I candidati
Theresa May Resumes The Conservative Party Election CampaignTheresa May, Conservatori
è la prima ministra del Regno Unito dalla scorsa estate, quando prese il posto del dimissionario David Cameron dopo il referendum su Brexit. Come Cameron, May aveva fatto campagna per la permanenza nell’Unione Europea ma dopo il referendum si era convintamente riciclata come fautrice della “volontà del popolo”.

Ha 60 anni e fino allo scorso luglio era stata “Home Secretary” del governo Cameron, l’equivalente del ministro degli Interni. Ha costruito la sua reputazione sulla sua fama di “dura” e ha basato la sua campagna elettorale sul motto “a strong and stable leadership”, presentandosi come l’unica candidata in grado di dare al paese una guida “forte e stabile” in vista dei negoziati su Brexit.

Jeremy Corbyn Responds To The London Bridge Terror Attacks

Jeremy Corbyn, Laburistiha 68 anni, è parlamentare dal 1983 e fino al 2015 era famoso per essere quello “molto molto di sinistra che vota sempre contro” dentro al Partito Laburista, che nel frattempo era passato attraverso Tony Blair diventando molto più moderato.

Su YouTube si trovano vecchie interviste in cui un giovane Corbyn spiega le sue idee vestito da sessantottino, con la barba lunga, la giacca di velluto e un famoso maglione fatto da sua mamma: è un oppositore della monarchia, un pacifista e un convinto socialista, a favore della nazionalizzazione delle banche.

Nel 2015 è stato eletto segretario dei Laburisti dopo la brutta sconfitta elettorale del suo predecessore Ed Miliband: Corbyn non piaceva – e non piace – alla struttura del partito ma fu votato dagli iscritti e dai membri dei sindacati, grazie anche all’efficacia del lavoro di Momentum, un’organizzazione “di base” legata a Corbyn e molto brava a organizzare gli attivisti del partito.

Da segretario dei Labour – rieletto anche nel 2016 dopo essere stato sfiduciato dai parlamentari Laburisti – ha moderato un po’ le sue idee, ma il suo programma elettorale resta di gran lunga quello più di sinistra che il partito abbia avuto negli ultimi 20 anni.

BRITAIN-POLITICS-VOTE-LIBERALTim Farron, Liberal Democratici47enne eletto segretario nel 2015 per prendere il posto dello sciagurato Nick Clegg, quello che nel 2010 fece l’alleanza di governo con Cameron facendo perdere al suo partito – di centro, ma di fatto di centro-sinistra – quasi tutto il suo consenso.

È un convinto europeista e ha basato gran parte della campagna elettorale sulla volontà di smontare Brexit, chiedere scusa e far tornare tutto come prima. È un cristiano evangelico molto devoto e nelle ultime settimane si è parlato molto di lui perché durante un’intervista radiofonica si era rifiutato di dire se considerava l’omosessualità un peccato.

 

BRITAIN-POLITICS-VOTES

Nicola Sturgeon, SNP: 46enneè la prima ministra della Scozia, convintamente europeista e che per questo ha chiesto un nuovo referendum sull’indipendenza dal Regno Unito.

Guida un partito che esiste solo in Scozia, dove negli ultimi anni ha conquistato di fatto tutti i voti del partito Laburista, storicamente egemone da quelle parti.

Sturgeon si definisce una femminista, ha fatto campagna per i diritti delle donne, contro le armi nucleari e contro l’austerità degli ultimi governi conservatori, cosa che mette l’SNP molto vicino alle posizioni dei Laburisti e di Jeremy Corbyn (che però è molto meno europeista di lei).

Sturgeon tecnicamente non è candidata al parlamento britannico, essendo membro del parlamento scozzese, ma ha fatto campagna elettorale come se lo fosse. In ogni caso l’SNP, presentandosi solo per 59 seggi in Scozia, non ha possibilità di eleggere un primo ministro britannico.

La campagna elettorale
Ognuno l’ha giocata sul suo campo, ma chi ha giocato davvero sono stati i Conservatori e i Laburisti. I primi hanno puntato tutto su Brexit, di cui Theresa May si è fatta paladina; i secondi hanno puntato tutto sulla giustizia sociale, dicendo che ormai Brexit è una realtà e al massimo cercherebbero un accordo più moderato con l’Unione Europea.

Nel Regno Unito si parla molto dello “scambio di voto”

Per i Conservatori andava tutto bene, poi una controversa proposta nel loro programma elettorale – la cosiddetta “dementia tax”: chiedere agli anziani che hanno bisogno di cure a casa di vendere la loro casa per pagarle, se non possono fare altrimenti – li ha messi sulla difensiva.

Una serie di successivi inciampi di Theresa May – si presentava come leader forte ma non ha voluto fare il dibattito con gli altri candidati, per dirne una – ha intaccato la loro immagine. I Laburisti, che venivano considerati dei disperati senza possibilità, hanno invece fatto una buona campagna elettorale, puntando molto sulle cose su cui è forte Corbyn: promesse di sussidi, aiuti, tasse ai ricchi, sostegno ai giovani.

Anche loro hanno preso qualche botta in campagna elettorale – le cose molto di sinistra dette da Corbyn in passato sono tornate a mordere – ma i sondaggi dicono che gli è andata meglio che agli altri. Esempio dell’aria che tira: dopo gli attentati di Londra e Manchester i Laburisti sono riusciti a diventare il partito “della polizia”, accusando May dei tagli degli ultimi anni e mettendola sulla difensiva anche su un terreno come quello della sicurezza, storicamente appannaggio dei Conservatori.

I sondaggi
Gli ultimi dicono che il partito Laburista ha, in media, 7 punti in meno dei Conservatori (44 a 37, diciamo). In condizioni normali non sarebbe una buona situazione, ma considerato che quattro settimane fa il distacco era di 20 punti, 7 non sono così male.

Tenete conto però che non c’è un voto nazionale nel Regno Unito – mentre i dati dei sondaggi lo sono – ma un voto diverso per ogni collegio, quindi la distribuzione del voto è essenziale: si possono ottenere grandi vittorie anche senza grandi distacchi sul piano nazionale, e si può andare molto male anche prendendo tanti voti sul piano nazionale.

Corbyn può davvero vincere?

Qualche modello elettorale un po’ estremo ha predetto anche una possibile (ma improbabile) vittoria dei Laburisti, ma il succo è che ora si parla per la prima volta di un possibile fallimento del piano di Theresa May, che aveva una maggioranza e pensava di poterla rafforzare (e rafforzarsi dentro al partito) mentre potrebbe addirittura perdere seggi.

I Liberal Democratici sono intorno al 7 per cento, mentre lo SNP è al 4,5 per cento: grazie allo strano sistema elettorale britannico, tuttavia, i secondi dovrebbero prendere intorno ai 40 seggi (tutti in Scozia), mentre i primi si fermerebbero a una decina. Lo UKIP, vi chiederete voi? Lo UKIP di fatto è sparito, dopo Brexit: sono al 3 per cento ed è improbabile che riescano a eleggere anche un solo deputato.

Scenari possibili
Il primo, quello per cui May ha voluto votare, è che i Conservatori aumentino la loro maggioranza e passino dagli attuali 330 a 350 o più parlamentari. Significherebbe che May potrebbe fare quello che vuole, dentro e fuori dal partito, a cominciare da Brexit.

Il secondo scenario è quello per cui finisce come nel 2015: maggioranza risicata per i Conservatori ma abbastanza per andare avanti così. Tutto bene per il partito, non tanto per May, dopo tutto questo casino.

Il terzo scenario: i Conservatori perdono la maggioranza ma nessuno riesce ad averla da solo. Si potrebbe fare un governo di coalizione, ma con chi?

I Liberal Democratici hanno detto che non si alleeranno con nessuno e i Laburisti possono provare con lo SNP, ma non è una cosa facile.

Il quarto scenario: vincono i Laburisti e Corbyn diventa primo ministro. Sarebbe una roba più enorme della vittoria di Trump e di Brexit.

Quando e come
Si vota giovedì fino alle 23 ora italiana, a meno di code nei seggi: ma entro le due di notte in ogni seggio deve iniziare il conto dei voti. I risultati arriveranno in nottata.

Sorgente: Le elezioni nel Regno Unito, in 5 minuti – Il Post

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv