Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Israele, cinquant’anni di occupazione. – Ancora Fischia il Vento

Israele, cinquant’anni di occupazione. L’Onu pubblica cinquanta storie di palestinesi la cui vita è stata praticamente cancellataL’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) ha pubblicato un report con all’interno cinquanta storie emblematiche di palestinesi costretti a vivere gli effetti deleteri della cinquantennale occcupazione da parte di Israele.clicca qui per leggere il reportNella sua relazione annuale sulla situazione del 2016, pubblicata mercoledì, l’OCHA ha stimato che circa 4.8 milioni di palestinesi sono stati coinvolti nell’occupazione israeliana, e due milioni di essi “necessitano di assistenza e protezione umanitaria”.“L’occupazione prolungata, senza fine alla vista, coltiva un senso di disperazione e di frustrazione che guida un conflitto continuo” nella regione”, è scritto nel rapporto.“L’occupazione nega ai palestinesi il controllo degli aspetti fondamentali della vita quotidiana: la loro capacità di muoversi senza ostacoli all’interno del loro paese, di uscire e di tornare, di sviluppare le vocazioni del loro territorio, costruire sulla propria terra, accedere alle risorse naturali o sviluppare la loro economia. Tutto ciò è largamente determinato dall’esercito israeliano”, continua il rapporto.Il rapporto è arrivato giorni prima del 50 ° anniversario dell’occupazione del regime di Tel Aviv della Cisgiordania e di Gerusalemme Est al-Quds durante la guerra del 1967.La settimana scorsa, migliaia di palestinesi-israeliani hanno organizzato una manifestazione di protesta a Tel Aviv per esprimere il loro sostegno per uno Stato palestinese indipendente e chiedere la fine dell’occupazione israeliana.Altrove nella sua relazione, l’OCHA ha dichiarato che il numero di vittime nel conflitto israelo-palestinese è sceso nel 2016 rispetto al 2015.Tuttavia, i civili palestinesi sono ancora “sottoposti a minacce alla loro vita, alla sicurezza fisica e alla libertà dalla violenza legata al conflitto, dalle politiche e dalle pratiche legate all’occupazione israeliana”, ha aggiunto.La relazione ha anche sollevato l’allarme per “possibile uso eccessivo di forze e esecuzioni extragiudiziali dalle forze israeliane” nei confronti dei palestinesi.Le terre occupate hanno visto tensioni da quando le forze israeliane hanno imposto restrizioni all’entrata di adoratori palestinesi nel complesso della moschea di al-Aqsa a Gerusalemme orientale al-Quds nell’agosto 2015. Oltre 300 palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane a partire dall’ottobre 2015, quando Le tensioni si intensificarono.L’OCHA ha inoltre registrato la demolizione o la confisca di 300 strutture donate da organizzazioni di aiuto al popolo palestinese, tre volte più dal 2015.Migliaia di più i palestinesi sono vulnerabili alle politiche di trasferimento forzate “a causa di un ambiente coercitivo generato dalle politiche e dalle pratiche israeliane, che creano pressioni sui residenti per lasciare le loro comunità”, continua la relazione.L’OCHA, infine, punta l’attenzione anche sul blocco israeliano della Striscia di Gaza, dicendo che l’assedio lungo, tra gli altri fattori, ha lasciato l’enclave costiera “particolarmente vulnerabile”. http://www.controlacrisi.org/notizia/Politica/2017/6/6/49555-israele-cinquantanni-di-occupazione-lonu-pubblica-cinquanta/

Sorgente: Israele, cinquant’anni di occupazione. – Ancora Fischia il Vento

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *