Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

“I bambini moriranno” appena il combustibile si esaurirà. – Invictapalestina

“I bambini moriranno” appena il combustibile si esaurirà.

I medici di Gaza temono le morti inevitabili dei pazienti se le riserve di combustibile si esauriranno entro la fine di giugno.


di Mersiha Gadzo – 2 giugno 2017

Gaza City – All’al-Shifa, il più grande ospedale di Gaza, 50 bambini si trovano affollati in 30 posti letto nel reparto di terapia intensiva neonatale (TIN). All’esterno, il cantiere assomiglia ad una fabbrica, mentre generatori massicci ruggiscono e ronzano, trasformando il combustibile in energia elettrica, fornendo ai bambini l’ossigeno attraverso ventilatori.

A causa della carenza di energia elettrica a Gaza, i generatori sono l’unica ancora di salvezza per questi neonati, ma anche questo può essere tagliato in quanto si prevede che le riserve di carburante di Gaza andranno ad esaurirsi in un mese, mettendo la vita dei pazienti a rischio.

“La maggior parte dei bambini sono collegati alla ventilazione meccanica. Se l’elettricità venisse tagliata, la maggior parte di questi bambini moriranno nel giro di pochi secondi, non possiamo sostenerli”, ha detto il dottor Allam Abu Hamida, direttore della terapia intensiva neonatale di al-Shifa.

“Vedi”, Abu Hamida punta a un monitor che visualizza il livello di ossigeno in dotazione, “L’ossigeno dovrebbe essere a 90 e al di sopra, ma è solo a 62.”

 

La metà dei bambini in terapia intensiva sono nati prematuri, alcuni pesano solo 700 o 800 grammi. Sono tutti casi critici, alcuni nati con difetti congeniti, e tutto dipende dai generatori per mantenerli in vita.

Bimbo sotto maschera ossigeno [Mersiha Gadzo/Al Jazeera]

Un bambino si trova in un incubatore con la testa sotto una cappa di ossigeno rotta donata anni fa dal Giappone, ora tenuta insieme con nastro adesivo. “Non abbiamo pezzi di ricambio, così l’abbiamo rimessa insieme. E’ rotta da tutte le parti”, ha detto Abu Hamida.“Se viene tagliata l’elettricità, il bambino andrà in ipotermia e morirà.”

Questo è solo un altro giorno ordinario all’al-Shifa di Gaza, dove il personale regolarmente fa con quello che ha.

Sotto l’assedio israelo-egiziano, gli ospedali di Gaza stanno lottando da anni per operare con una grave carenza di energia elettrica, ma i medici ora dicono che la situazione sta raggiungendo un punto di rottura per i pazienti.

crisi energetica a Gaza
crisi energetica a Gaza

La crisi si è aggravata il mese scorso, quando l’unica centrale elettrica di Gaza ha chiuso dopo che si è esaurito del carburante fornito dalla Turchia e dal Qatar. L’Autorità palestinese dominata da Fatah ha deciso di smettere di pagare Israele per l’elettricità che alimenta Gaza, dopo che la leadership di Hamas a Gaza ha detto che non poteva più permettersi di pagare le tasse sul carburante.

Israele ha annunciato la settimana scorsa che avrebbe ridotto la sua fornitura di energia elettrica, su richiesta dell’Autorità palestinese. Da allora quattro ospedali della Striscia di Gaza hanno già chiuso, e interventi chirurgici sono stati rinviati.

I pazienti che dipendono dall’ energia elettrica per sopravvivere – come quelli nel reparto di terapia intensiva, nelle sale operatorie e quelli che hanno bisogno di dialisi – saranno in una situazione di pericolo di vita, se v’è un arresto completo di alimentazione a Gaza. Nell’al-Shifa Hospital, un arresto di alimentazione comporterebbe la morte immediata di 100 pazienti, e altri 1.000 pazienti saranno indirettamente colpiti.

“Se il problema persiste, l’unità crollerà, ma sarà una catastrofe”, ha detto Abu Hamida. “Abbiamo già una carenza di personale, carenza di forniture, carenza di tutto”.

Secondo Robert Piper, coordinatore delle Nazioni Unite per gli aiuti umanitari e lo sviluppo nel territorio palestinese occupato, le riserve di carburante di Gaza saranno esaurite “entro la fine di giugno o all’inizio di luglio al più tardi.”

“Con i tagli di energia di 16-20 ore al giorno, nessuno viene risparmiato dall’impatto della crisi energetica in corso a Gaza,” Piper ha scritto in una e-mail ad Al Jazeera.

“L’ONU sta coordinando la distribuzione di carburante per i generatori a 180 strutture chiave, 32 delle quali sono strutture sanitarie. Questo aiuta a mantenere i servizi essenziali, ma non può sostituire la griglia”.

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) ha avvertito questo mese che Gaza era sull’orlo di vivere “un collasso sistemico di un’infrastruttura e di un’economia già martoriate.”

L’ONU ha recentemente messo in guardia dalle conseguenze devastanti se la Striscia di Gaza finisse il carburante.

Gli ospedali di Gaza attualmente operano su circa quattro ore di elettricità. I generatori che alimentano l’al-Shifa per le rimanenti 20 ore costano $ 3,000 – $4.000 al giorno per 2.000 litri di carburante industriale.

Ma anche i generatori funzionano a rischio di rompersi poiché sono progettati per funzionare solo sei-otto ore alla volta.

“I nostri generatori non hanno grandi serbatoi per il carburante, così funzionano di giorno in giorno”, ha detto Ayman al-Sahabani, portavoce di al-Shifa. “E questo aggiunge più pressione e stress sul nostro personale perché dobbiamo essere sempre attenti a quanto abbiamo lasciato e decidere quando abbiamo bisogno di parlare con il Ministero della Salute [per di più].”

“Immaginate che cosa sarà mai, se ci fosse un altro attacco a Gaza. Siamo già a pieno regime”, ha detto al-Sahabani.

Pochi giorni fa, il ministro della salute è arrivato per una visita, ma è rimasto bloccato in ascensore per sette minuti a causa di un problema con uno dei generatori, al-Sahabani ha spiegato.

“Siamo nel 21° secolo. Non vogliamo raggiungere un punto in cui stiamo perdendo i pazienti a causa della mancanza di energia elettrica”, ha detto al-Sahabani.

Le continue interruzioni di fornitura di energia elettrica significano anche che le macchine mediche non funzionano in modo ottimale.

In terapia intensiva, un monitor accanto all’ incubatrice di un bambino lampeggia l’avvertimento: “perdite di gas fresco”.

“Non è che perde, il sensore semplicemente non funziona correttamente”, Abu Hamida ha detto, premendo i tasti sullo schermo, cercando di risolvere il problema.

crisi energetica negli ospedali di Gaza
crisi energetica negli ospedali di Gaza

 

All’ospedale pediatrico al-Rantisi a Gaza City, i bambini con malattia renale cronica sono sottoposti a emodialisi tre volte alla settimana per sessioni da due a quattro ore, al fine di rimanere in vita.

La loro unica altra alternativa alle macchine sarebbe di sottoporsi ad un trapianto di rene, ma trovare un rene compatibile è difficile.

Negli ultimi sei anni, ci sono stati sette trapianti di rene per i pazienti di Gaza; tre a Gaza, due in Israele e due in Giordania , ha spiegato il dottor Jomaa Waleed Younis.

“Se non c’è elettricità, non c’è vita per loro, perché la loro situazione è molto critica”, ha detto Younis.

Per il momento, l’ospedale dà la priorità di energia elettrica ai reparti che ne hanno più bisogno; una volta che un reparto ha fatto il suo trattamento, l’energia elettrica è trasferita sul reparto successivo.

Najwan al-Samnai è preoccupata per il suo bambino di otto anni Yahia. A causa della carenza, Yahia a volte subisce sessioni di tre ore invece di quattro, cosa che colpisce la sua salute.

“Colpisce il suo respiro, la sua pressione sanguigna, lui torna a casa con un peso maggiore”, ha detto al-Samnai.

Con il 33 per cento dei farmaci essenziali a zero stock e i pazienti che non sono in grado di ricevere permessi di uscita per il trattamento in Israele o nella West Bank occupata, i medici sono pessimisti sulla situazione di Gaza.

Mohamed el-Ron, capo del reparto di chirurgia di al-Shifa, ha trascorso due anni a lavorare come medico in Sarajevo assediata durante la guerra in Bosnia nei primi anni ’90.

“Durante la guerra in Bosnia, non ho mai sentito come se non avessimo alcuna speranza”, ha detto el-Ron. “Siamo stati sempre a sperare che avremmo raggiunto presto un accordo e che la guerra sarebbe finita”.

“Qui, non abbiamo nulla. La gente di Gaza ha perso ogni speranza. Stiamo solo aspettando il peggio.”

 

Fonte: Al Jazeera

Articolo tradotto: http://www.bocchescucite.org/le-interruzioni-di-corrente-a-gaza-quando-il-combustibile-si-esaurira-i-bambini-moriranno/

Sorgente: “I bambini moriranno” appena il combustibile si esaurirà. – Invictapalestina

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *