Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Firenze:Miriam Amato, Sfiduciata con il voto dell’MDP per aver invitato l’imam – red@zione

Come molti ormai sanno, il Pd predica bene e razzola male, Miriam Amato consigliera comunale di Firenze, presidente della commissione affari costituzionali, è sfiduciata con il voto del MDP (che dovrebbero essere all’opposizione).
L’accusa e di aver invitato i comitati cittadini e l’Imam senza aver avvertito la commissione, accuse false dichiara Miriam, portando le prove.
La verità e che l’invito dell’Imam ha messo al muro il Pd, questo ha fatto saltare qualcosa nei palazzi, malgrado gli fosse stato comunicato, quindi ha giustamente invitato l’imam per discutere sulla moschea a Firenze, lo stesso comitato ha boicottato in tutti i modi, poiché non vi era nessuna intenzione di parlare della costruzione della moschea, oltre a questo l’invito dei comitati cittadini a un discorso partecipato delle varie problematiche della città.
In pratica i poteri cittadini, con l’aiuto di MDP hanno presentato una dichiarazione di sfiducia, ecco il comunicato della consigliera dopo la sfiducia:

 

Comunicato stampa
Revoca Presidente Commissione Affari Istituzionali, Amato (Alternativa Libera): “Le accuse del PD: l’ascolto dei comitati dei cittadini e l’invito all’Imam sulla Moschea”.
“Scelta solo politica del PD che non ha precedenti nel Consiglio Comunale, col voto determinante del Mpd”.
“L’ascolto dei comitati dei cittadini sulla Partecipazione e l’invito all’Imam sulla Moschea: sono queste le vere accuse che mi rivolge il Partito Democratico per la sfiducia e la mia revoca da presidente, di opposizione, della commissione Affari Istituzionali, ed è una scelta solo politica e senza precedenti, perchè è la prima volta che a Palazzo Vecchio viene rimosso dal ruolo un presidente di una commissione”. Così Miriam Amato, consigliera di Alternativa Libera, commenta le dimissioni chieste dal capogruppo PD Angelo Bassi e ottenute oggi in commissione col voto determinante del capogruppo Articolo 1-Mpd Alessio Rossi: Amato era presidente della commissione, in quanto consigliera di opposizione, come previsto dal regolamento. La ex presidente cita dalla mozione di Bassi le accuse del PD: “una serie di audizioni invitando, in maniera quasi permanente, comitati di cittadini”, e ancora “convocare, a fini politici e strumentali puramente personali, l’Imam di Firenze”, “Ebbene si, ho peccato di senso della democrazia – afferma Amato – per approfondire i percorsi di partecipazione ho invitato alcuni comitati, Oltrarno, Brunelleschi, S.Salvi, e poi gruppi, esperti, e ho perfino concesso la parola ai cittadini che, presenti alle sedute di commissione, me la chiedevano: per il PD non si deve dare ascolto e far partecipare i cittadini, che hanno diritto solo al voto alle elezioni per scegliere i loro rappresentanti”.
Anche sull’invito all’Imam Amato spiega la controversia col PD: “Ho invitato l’Imam per conoscere il percorso partecipato sulla Moschea, realizzato anni fa, ma il PD non ha voluto, disertando con dei pretesti l’incontro con l’Imam, perchè la Moschea è un suo problema politico irrisolto, dopo la nota polemica fra Renzi e Nardella sulla ex caserma Gonzaga. Le altre accuse di presunte scorrettezze istituzionali – conclude Amato – sono solo pretesti, facilmente smentibili con documenti alla mano e usati per giustificare la scelta politica”.

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *