Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Eluana Englaro, il consiglio di Stato dà ragione al padre: “La Lombardia lo risarcisca” – Repubblica.it

Confermato un danno da 133 mila euro: la Regione non si fece carico del ricovero della donna in una struttura adeguata per la sospensione dell’alimentazione. La donna era in stato vegetativo da 17 anni.

di PIERO COLAPRICO

L’idea di Beppino Englaro, di rivolgersi ai giudici e “fare tutto alla luce del sole”, perché “solo nella legalità esiste la libertà” ha dato ancora una volta ragione al papà di Eluana: il Consiglio di Stato, respingendo il ricorso della Regione Lombardia, ha confermato, come aveva già fatto il Tar, il diritto al risarcimento e l’ha fissato in 133mila euro.

Bisogna ricordare che, dopo la sentenza della Cassazione, che consentiva la fine della nutrizione forzata della paziente, ammettendo che potesse essere lasciata andare dopo diciassette anni di stato vegetativo, l’allora presidente Roberto Formigoni non ottemperò alla decisione dei giudici. Impedì che Eluana Englaro venisse ricoverata in un hospice, dichiarò che non sarebbe morta in alcuna struttura sanitaria lombarda, come se la Lombardia non facesse parte dello Stato Italiano.

ARCHIVIO – L’intevista a Englaro: “Così nessuno soffrirà più come noi”

Papà Beppino ottenne dalla clinica “La quiete” di Udine ciò che il Pirellone aveva vietato, ma aveva deciso, con il legale Vittorio Angiolini, di proseguire l’azione giudiziaria. Il Tar aveva dato ragione alla famiglia Englaro e il leghista Roberto Maroni, dopo aver annunciato che non avrebbe fatto ricorso, l’aveva invece fatto, continuando a muoversi nel solco del suo predecessore: oggi la secca sconfitta, per entrambi.

Eluana spirò il 9 febbraio 2009, l’autopsia rivelò l’enorme riduzione della massa cerebrale, non poteva sentire gli stimoli della fame e della sete, ma quanto stabilito dalla scienza e dalla magistratura è arrivato in grande ritardo al mondo della politica: l’approvazione definitiva del testamento biologico è vicina, ma non ancora è legge dello Stato.

Il risarcimento riconosciuto a Englaro riguarda, tra le altre cose, anche le spese di piantonamento fisso della struttura dove Eluana morì, per far fronte alla “presenza di telecamere e giornalisti”, ai “sit-in sotto la clinica” alla possibile presenza di “facinorosi”, con il “conseguente rischio di lesione del diritto al rispetto della dignità umana”.

I giudici, insomma, mettono in primo piano Eluana Englaro, che ha “subito” in questa vicenda il “danno più grave”, la “violazione del proprio diritto all’autodeterminazione in materia di cure” per cui “contro la sua volontà” ha subito “il non voluto prolungamento della sua condizione, essendo stata calpestata la sua determinazione di rifiutare una condizione di vita ritenuta non dignitosa, in base alla libera valutazione da essa compiuta”.

Sorgente: Eluana Englaro, il consiglio di Stato dà ragione al padre: “La Lombardia lo risarcisca” – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *