Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Cina, scarcerato Liu Xiaobo, dissidente e Nobel per la pace. E’ malato terminale di cancro – Repubblica.it

Le gravi condizioni di salute hanno indotto le autorità di Pechino a concedere la libertà condizionata all’uomo che nel 2009 osò chiedere piú democrazia aderendo al manifesto “Charter 09”

dal nostro corrispondente ANGELO AQUARO

PECHINO – Il premio Nobel per la pace che la Cina nascondeva in carcere potrà tornare libero. Per i sostenitori dei diritti umani è la notizia più bella che potesse arrivare da Pechino: ma anche la più triste. Liu Xiaobo, l’ex eroe di Tiananmen, l’uomo che dal 2009 è in cella per aver osato chiedere più democrazia, è malato: cancro terminale. E proprio per questo gli è stata concessa la libertà condizionale.

La notizia è stata confermata dal suo avvocato al South China Morning Post. Un tumore al fegato tiene adesso inchiodato l’intellettuale e attivista in un ospedale di Shenyang, nella provincia del Liaoning, la stessa dove era incarcerato nel penitenziario di Jinzhou. Finito in carcere per aver partecipato al manifesto di “Charter 09”, Liu Xiaobo è stato insignito del Nobel nel 2010 “per la sua lunga e non violenta lotta per i diritti umani fondamentali in Cina”.

Classe 1955, critico letterario, impegnato già giovanissimo nella battaglia per la democrazia, leader cinese del Pen Center – l’associazione internazionale degli scrittori – Liu Xiaobo dopo l’esordio letterario a Pechino aveva studiato e lavorato in America prima di tornare in patria durante le proteste che culminarono con la rivolta di Tiananmen e la sanguinaria repressione del 1989. Fu lui tra i leader che cominciarono un famoso sciopero della fame quando i carri armati cominciarono a occupare la piazza che gli studenti avevano eletto a simbolo della protesta. Comincia allora una lunga sequela di arresti e persecuzioni che lo porteranno nel 1996 nel campo di lavoro dove conobbe la donna che diventerà sua moglie, la poetessa Liu Xia.

La notizia della libertà condizionale è stata subito rilanciata da Amnesty International. “Le autorità cinesi devono assicurare che Liu Xiaobo possa ricevere immediatamente le cure adeguate” domanda l’associazione chiedendo anche “l’immediato e incondizionato rilascio di tutti

gli altri imprigionati per i diritti umani”. Più che un appello dovuto, una flebile speranza: destinata a cadere nel vuoto per Pechino che ritiene gli innumerevoli attivisti responsabili, come Liu Xiaobo, di un’accusa qui imperdonabile, il “sovvertimento dello Stato”.

Sorgente: Cina, scarcerato Liu Xiaobo, dissidente e Nobel per la pace. E’ malato terminale di cancro – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *