Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Carcere di Piacenza, pubblicati i video delle violenze contro Rachid Assarag – DinamoPress

Poco più di un anno fa riportavamo le denunce di soprusi e violenze subite dal detenuto. Di recente, sono state pubblicate le immagini che provano quello che aveva raccontato. Ma per il PM si tratta di «uso legittimo della forza».
Carcere di Piacenza: l’uomo che aveva registrato le violenze dei secondini è in condizioni gravissime

Il 19 maggio 2016 abbiamo pubblicato un articolo che, raccogliendo le testimonianze del parlamentare Vittorio Ferraresi (capogruppo M5S della commissione Giustizia) e dell’avvocato Fabio Anselmo (Associazione Contro gli Abusi in Divisa), denunciava l’ennesimo pestaggio contro il detenuto Rachid Assarag. Quel testo, non sappiamo bene perché, ha destato l’attenzione della polizia di Piacenza, che ha fatto convocare nella Questura di Roma uno dei nostri redattori, nel tentativo di raccogliere informazioni circa la sua genealogia.

L’articolo racconta il risultato di un’ispezione a sorpresa nel carcere della città emiliana da parte del parlamentare e dell’avvocato citati in apertura. Una visita realizzata a seguito della denuncia della moglie del detenuto rispetto a pestaggi accaduti nei giorni precedenti.

Ferraresi e Anselmo avevano descritto le scene agghiaccianti cui avevano assistito in carcere e le condizioni «terribili e gravissime» in cui si trovava Rachid al loro arrivo. Alcune parole del parlamentare:

«Una chiazza enorme di sangue sul pavimento, sangue anche sul materasso totalmente bagnato, ematomi da violente percosse al di sotto le gambe, i pantaloni strappati, un occhio pesto. Tutto questo in una cella dalle condizioni gravi e intollerabili con finestra chiusa, senza acqua e con feci nel wc».

Tra l’altro, durante l’ispezione, sia l’avvocato difensore che il capogruppo 5S della Commissione giustizia erano stati letteralmente cacciati dal carcere, dalla vicedirettrice e da alcuni agenti che li avevano spintonati fino all’uscita.

Alcuni giorni fa, L’Espresso ha pubblicato due video che risalgono al 16 maggio e documentano esattamente le aggressioni che Rachid aveva raccontato alla moglie. Violenze di cui avevamo dato conto in maniera dettagliata e che vengono confermate dalle immagini:

«Secondo il racconto della moglie, lunedì Rachid è stato picchiato nella doccia da diversi agenti, tra cui un ispettore che viene chiamato Marro: pantaloni strappati nel tentativo di sfilarglieli, sputi, calci con gli scarponi e colpi con la stampella, inflitti all’uomo dopo averlo atterrato. Il giorno successivo, gli agenti sono tornati da Rachid, gli hanno svuotato addosso un estintore, lo hanno picchiato e trasferito in un’altra cella. Senza acqua corrente, con la finestra bloccata e dotata soltanto di un materasso, completamente bagnato».

Le immagini pubblicate dal giornale non riguardano la doccia, ma due diversi episodi accaduti nella cella. I video, presentati insieme, sono separati da circa cinque ore. Nel primo si vede uno scambio di battute tra Rachid, seduto su uno sgabbello sull’uscio della cella, e tre agenti. Di colpo, forse su richiamo, ne arrivano altri otto e poi ancora tre. Due secondini sembrano colpire l’uomo e sbatterlo all’interno della stanza, in cui in fretta e furia entrano anche gli altri. In coda al video, pare che alcuni agenti tentino di fermare uno di loro, spingendolo fuori. Quasi stesse esagerando. Rinchiusa la porta, i poliziotti si muovono in branco verso le altre celle. Nel secondo video, invece, compaiono dodici agenti: alcuni in borghese, altri in assetto antissommossa, con tanto di scudi, caschi e manganelli. Uno impugna proprio un estintore, nonostante non sembra ci sia un incendio, visto che non ci sono tracce di fumo. Trascinano Rachid per i capelli, lo colpiscono.

Neanche queste immagini sono sembrate sufficienti al Pubblico Ministero, che ha chiesto di archiviare la denuncia contro gli agenti penitenziari Mauro Cardarelli, Giovanni Marro e Mario Stuto. Tutti sono indagati per lesioni personali. Come riportato dall’Espresso, il magistrato definisce questo modus operandi «uso legittimo della forza».

Già in passato le denunce di Rachid erano state archiviate e tutti i secondini assolti. In particolare, l’uomo era riuscito a registrare alcune conversazioni nel carcere di Parma tenute con il medico del penitenziario e con un secondino che aveva assistito ad alcuni soprusi. Dialoghi da cui emergeva il clima di omertà che avvolge i comportamenti delle guardie carcerarie. Sia in generale rispetto ai pestaggi, che su un episodio specifico: la morte di Circo Campanile, avvenuta in quella struttura detentiva il 15 novembre 2010, forse a causa della mancanza di soccorso. Sarebbe questa la tesi, tra gli altri, proprio di Rachid Assarag che avrebbe chiesto agli agenti di chiamare un medico mentre l’uomo respirava ancora.

Anche in quel caso, nonostante le tante registrazioni, nessun agente aveva subito condanne o sanzioni. Il magistrato aveva giudicato le parole registrate come «lezioni di vita carceraria». Tutte. Comprese questa frase: «[…] spero che rimettano le torture, mi propongo io come boia».

Purtroppo il caso di Rachid ha di speciale soltanto l’esistenza di quelle registrazioni e la recente pubblicazione dei video. Le violenze e gli abusi in divisa sono una realtà diffusa nell’arcipelago penitenziario italiano, che si uniscono a condizioni di detenzione terribili, spesso associate ad alti tassi di sovraffollamento. Nelle patrie galere, come documentato dall’Osservatorio permanente sulle morti in carcere dell’Associazione Antigone, quasi ogni due giorni un detenuto perde la vita.

Rachid è finito dietro le sbarre accusato di violenza sessuale, un crimine infame e odioso. L’effettività dello stato di diritto, però, si dovrebbe misurare nell’asimmetria tra criminali e Stato, nel fatto che esiste una specifica pena (la detenzione) e che i secondini non possono comportarsi come bande di picchiatori comuni. Nel caso di Rachid, e in tanti altri, la realtà dei fatti misura esattamente il contrario.

 

Immagine di copertina tratta dall’Espresso

Sorgente: Carcere di Piacenza, pubblicati i video delle violenze contro Rachid Assarag – DinamoPress

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *