Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

G7, Padoan: «Su web tax più efficaci soluzioni condivise»

Firmato Manifesto di Bari per crescita inclusiva

Sulla web tax «tutte le proposte saranno benvenute, le esamineremo, faremo delle proposte anche noi, come ho già detto siamo assolutamente aperti, siamo in un terreno nuovo che va affrontato come anche i Paesi G7 hanno concordato». Così il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan conversando coi giornalisti al termine del G7 che chiedevano se gli emendamenti alla manovra sulla web tax potranno avere parere positivo. Durante il vertice, ha sottolineato il ministro, «abbiamo discusso a lungo di economia digitale», perché «le interconnessioni si moltiplicano e bisogna avere una risposta con questa prospettiva».

Serve dialogo con aziende Web per evitare elusione
Il ministro ha sottolineato che si è discusso anche dei legami della lotta al crimine fiscale con economia digitale, e della lotta al finanziamento al terrorismo e l’economia digitale. Tra i ministri dei 7 Paesi «si è discusso del fatto che all’economia digitale va associata una dimensione fiscale, che risponde alle domande come si tassa economia digitale e quali sono implicazioni per sistemi di tassazione in senso lato», guardando anche alle disuguaglianze che possono essere create dal ‘digital divide’. «Stabilire con queste aziende innanzitutto un rapporto di dialogo continuo, ed è quello che la nostra amministrazione fiscale ha fatto con risultati estremamente impostanti in termini di recupero di gettito fiscale», ha detto il ministro delle Finanze, Pier Carlo Padoan, a Sky Tg24, sui passi da fare per contrastare le tecniche di elusione delle aziende digitali. «Poi riconoscere che il rapporto con queste imprese – ha detto Padoan – può essere specifico alle tipicità dell’impatto digitale di queste imprese e quindi è difficile avere principi generali ma è anche molto difficile avere azioni semplicemente a livello nazionale».

“Dopo ogni colloquio con Padoan mi sento meno preoccupato per l’Italia”

Wolfgang Schäuble, ministro delle finanze tedesco

Schäuble: Italia preoccupa meno dopo colloquio Padoan
«Dopo ogni colloquio con Padoan mi sento meno preoccupato per l’Italia», ha detto il ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schäuble, alla conferenza finale del G7 finanze. In particolare, secondo quanto riferisce Bloomberg, il ministro delle Finanze tedesco si riferiva alla situazione del sistema bancario italiano.

Manifesto di Bari per crescita inclusiva
I Paesi G7 hanno sottoscritto un ‘Manifesto di Bari’ per la crescita inclusiva, ha annunciato il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan al termine del G7 Finanze, spiegando che si tratta di «un primo punto fermo di policy di un percorso» che sarà portato avanti già con la prossima presidenza canadese. «È un documento che sintetizza uno sforzo di lavoro importante avvenuto in questi mesi» e pone le basi per «inquadrare e mettere a sistema tutti gli strumenti di policy affinché la crescita ci sia, coinvolga tutti e non lasci indietro nessuno».

 

Sorgente: Il Sole 24 ORE

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adv