Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Theresa May respinge le linee guida dell’Ue sulla Brexit – Rai News

30 aprile 2017

La premier britannica, Theresa May, respinge alcune delle principali richieste Ue sulla Brexit, definendole soltanto posizioni negoziali dei 27, poche ore dopo l’approvazione all’unanimità delle linee guida per la trattativa dell’uscita del Regno Unito dall’Unione. Al Telegraph, May ha ribadito le sue priorità: libero mercato senza dazi, fine della giurisdizione delle Corti europee e fine della libera circolazione dei migranti, come illustrato nel suo discorso alla Lancaster House a gennaio.Intercettata da un cronista del quotidiano conservatore in una tappa della sua campagna elettorale in Scozia, May ha detto: “Innanzitutto vorrei insistere sul fatto che non abbiamo un accordo sulla Brexit da Bruxelles. Abbiamo le loro linee guida negoziali, abbiamo le nostre linee guida negoziali attraverso la lettera ex articolo 50, e il discorso alla Lancaster House da me pronunciato sull’argomento a gennaio”, con la volontà di controllare l’immigrazione e porre un termine alla giurisdizione delle Corti Ue. “E’ importante che intorno al tavolo si sieda un forte premier del Regno Unito – ha proseguito May, in campagna elettorale in vista delle politiche dell’8 giugno – con un forte mandato da parte del popolo del Regno Unito, un fatto che rafforzerà la nostra posizione negoziale per garantire che otterremo il migliore accordo possibile”.”Garantire subito i diritti dei cittadini Ue e Gb””Voglio garantire i diritti dei cittadini dell’Unione europea, ma è giusto che siano garantiti anche i diritti dei cittadini britannici che vivono nell’Ue” ha poi affermato May in un iintervista concessa oggi alla Bbc. La premier ha detto di essere convinta che la questione dei diritti dei cittadini Ue e britannici “debba essere uno dei primi punti di discussione e di accordo con i 27 e se si guarda alle linee guida dell’Ue concordiamo su questo”. Quindi “c’è buona volontà e credo che possiamo offrire garanzie a queste persone fin dalle prime battute del negoziato”.”A giugno le elezioni più importanti della mia vita””Queste sono le elezioni più importanti della mia vita” ha continuato la premier nell’intervista alla Bbc parlando della campagna elettorale in vista del voto anticipato dell’8 giugno. Il primo ministro, inoltre, non ha voluto confermare l’impegno, preso dal suo predecessore David Cameron, di non alzare le tasse, affermando di non voler fare “proposte specifiche” sull’argomento, ma limitandosi a dire che i Conservatori sono in favore di una ridotta pressione fiscale.Bruxelles: l’uscita dall’Ue non è gratisLa posizione di Bruxelles è chiara: l’uscita dall’Unione non è gratis. Niente di punitivo, ma Londra dovrà pagare il conto e le trattative sull’accordo commerciale futuro non saranno condotte in parallelo, è il messaggio emerso dal summit straordinario sulla Brexit. Un fronte sul quale i 27 hanno trovato una straordinaria unità per quella che si annuncia come una delle trattative più difficili della storia dell’Ue. In una manciata di minuti, i capi di stato e di governo hanno sottoscritto le linee guida che governeranno il negoziato per il divorzio.Da Bruxelles sono arrivati messaggi chiari alla Gran Bretagna, primo tra tutti un invito “a non farsi illusioni”, come sottolineato dal presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker, perché c’è un “conto da pagare”, ha avvertito il presidente francese Francois Hollande. “Non è una cospirazione”, ha chiarito la cancelliera tedesca Angela Merkel, il conto “sarà considerevole” ha stimato il premier olandese Mark Rutte.Per ora non ci sono cifre ufficiali, ma secondo calcoli informali circolati ammonterebbe a 60miliardi di euro, anche se fonti diplomatiche non escludono che la somma finale possa essere anche più alta. Il premier Gentiloni ha tenuto ad assicurare che “per l’Italia non ci sono grandi pericoli”. La partita dei conti potrebbe tuttavia spaccare la compattezza dimostrata dai 27 fin qui. Sul pericolo ha avvertito Juncker. “Faremo di tutto affinché non accada”. Ma quando si andrà a mettere mano al portafoglio, le tensioni potrebbero essere inevitabili, perché tra i Paesi “c’è chi non vuole sborsare un euro in più, e chi non ne vuole rimettere nemmeno uno”.A causare divisioni potrebbe essere anche la questione della ricollocazione dell’Agenzia del farmaco (Ema) e dell’Autorità bancaria (Ema) dalla Gran Bretagna all’Ue, che una ventina di Paesi, tra cui l’Italia, si sono candidati ad ospitare. Criteri, procedure, e roadmap dei trasferimenti si fisseranno al vertice di giugno, e una decisione potrebbe arrivare già in autunno.Tra i tre temi chiave, oltre ai conti finanziari, le garanzie per 4,5milioni di cittadini che vivono in Ue e in Gran Bretagna e le frontiere tra l’Irlanda del nord e l’Irlanda (il premier irlandese Enda Kenny ha chiesto di aggiungere una dichiarazione alle minute della riunione, in cui si riconosce che in caso di riunificazione ci sarà un ingresso automatico nell’Ue).

Sorgente: Theresa May respinge le linee guida dell’Ue sulla Brexit – Rai News

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *